Ovada

Ospedale e codici verdi: dal vertice fumata grigia

Ribadito il "no" del 118 al trasporto nella struttura di via Ruffini. Parziale apertura per il trattamento del riacutizzarsi di casi cronici

 OVADA - Con ogni probabilità si è chiusa definitivamente l’altro giorno la porta che l’Ovadese ha provato a tenere aperta con il 118 sul fronte dell’invio dei “codici verdi”, le emergenze a minor grado di complessità, all’ospedale di Ovada. Il vertice che ha messo attorno allo stesso tavolo la direzione sanitaria dell’Asl, i capi del 118 stesso, e una delegazione dei sindaci del territorio ha ribadito il no alla richiesta degli ultimi mesi di fare del presidio di via Ruffini un punto di sfogo per sgravare altri ospedali della rete alessandrina di un peso difficile da sostenere. Successivamente era partita una seconda istanza, formulata e firmata dai medici di famiglia, per l’individuazione del “codice verde compassionevole”: una sorta di via intermedia per un ricovero a Ovada sotto la responsabilità dello stesso medico curante. Su questo fronte s’è registrata una timida apertura da parte dell’Asl. “E’ un percorso – spiega il sindaco di Ovada, Paolo Lantero – che dev’essere costruito da zero. Sarebbero i medici di base a occuparsi del riacutizzarsi di situazioni di cronicità da loro già gestite. Come detto si tratta di immaginare un protocollo che coinvolga il distretto sanitario e la Croce Verde Ovadese alla quale spetterebbe il compito del trasporto”. Scenario ancora più futuribile, al quale però l’Asl non ha chiuso la porta, quello del presidio delle cure intermedie, una sorta di “mini ospedale” interno gestito in compartecipazione da personale Asl e medici di famiglia,  con il primo obiettivo di dare una risposta alla crescente domanda del territorio di cure a pazienti cronici.

 

24/02/2018







blog comments powered by Disqus


Ovadese Silvanese: sospesa la gara con la Luese

Ovada | Il primo tempo termina in paritą, poi la nebbia calata nell'intervallo ha costretto il direttore di gara a fermare le ostilitą

Scout: tante iniziative per i cent'anni del gruppo Ovada 1

Ovada  | Nella sede di piazza San Domenico, i membri di Ovada 1 sono al lavoro da mesi per preparasi a un anno di celebrazioni, che inizieranno il 12 gennaio nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, con la messa solenne a cui sono invitati tutti gli Scout di ieri e di oggi.

Damilano in festa per i 90 anni

Ovada | In centinaia si sono presentati all'ingresso della scuola per festeggiare i 90 anni dello storico istituto ovadese, fra laboratori, giochi per gli alunni e tanti ricordi che caratterizzeranno la marcia di avvicinamento verso il secolo di vita.

Fai: tour guidato alla scoperta dei presepi del territorio

Ovada  | Un tour guidato per i presepi del territorio č l'iniziativa natalizia proposta dal FAI di Ovada, delegazione di Alessandria.

Festival Rebora: gran finale con la consegna dell'Ancora d'argento

Ovada  | Nel corso della quinta serata, si esibiranno i membri del "The joy singers choir", il coro gospel, spiritual e soul, oltre alla consegna del premio a Federico Borsari, promotore della candidatura del parco di Villa Gabrieli a "Il Luoghi del cuore" Fai.