Ovada

Scout: tante iniziative per i cent'anni del gruppo Ovada 1

Nella sede di piazza San Domenico, i membri di Ovada 1 sono al lavoro da mesi per preparasi a un anno di celebrazioni, che inizieranno il 12 gennaio nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, con la messa solenne a cui sono invitati tutti gli Scout di ieri e di oggi.

OVADA - E' uno dei gruppi più antichi a livello nazionale, visto che fu «immatricolato» all’Asci, poi divenuta Agesci, il 13 maggio 1919, come 87° riparto d’Italia. Nella sede di piazza San Domenico, accanto ai padri Scolopi, i membri di Ovada 1 sono al lavoro da mesi per preparasi a un anno di celebrazioni, che inizieranno il 12 gennaio nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, con la messa solenne alle 16,30 a cui sono invitati tutti gli Scout di ieri e di oggi. Poi, i due momenti clou: dal 16 al 24 febbraio la mostra alla Loggia di San Sebastiano, dove saranno esposti cimeli, foto, documenti e oggetti d’epoca, che aiuteranno a ripercorrere i cento anni di storia del gruppo, poi, il 31 maggio e l’1 e 2 giugno, al Parco Pertini, il «Centevento». Si tratterà di una manifestazione lunga tre giorni, ispirata ai principi dello scoutismo, con stand, giochi, attività e molti altri appuntamenti, a ingresso gratuito. Ma ci sarà molto di più.

«Coinvolgeremo i commercianti, prima di tutto, chiedendo loro di esporre in vetrina cento foto del nostro archivio, una per ogni anno di storia del gruppo, ma anche i ristoratori della città: vorremmo che inserissero in menù quello che noi consideriamo il «piatto del Centenario», ossia la «patata trapper», cotta nella brace e condita con uova e formaggio, tipica delle nostre uscite» spiega Fabrizio Majan, uno dei 22 capi Scout che oggi guidano una truppa di 163 bambini e ragazzi, da 7 a 21 anni: 188 giovani in tutto, affiancati dagli assistenti spirituali padre Ugo, padre Guglielmo e padre Luigi, degli Scolopi. Il gruppo ovadese nacque nel ’19 su iniziativa di Mario Mazza, che coinvolse don Giuseppe Salvi: crebbe poi col maestro Giacomo Parodi, divenendo un punto di riferimento per le famiglie dell’Ovadese. Per tutto il 2019, il motto sarà «Del mio meglio», preso in prestito dai Lupetti per sottolineare il valore dell’impegno di tutti dentro una comunità. Nel 2019 sono previsti anche incontri formativi e un progetto creativo per le scuole, già partito, oltre a una serie di gadget come magliette, cartoline, matite, bottoni: si avvierà una raccolta fondi per il rifacimento dei pali dell’alzabandiera nella sede di piazza San Domenico, nel cortile dei padri Scolopi.

16/12/2018







blog comments powered by Disqus


Stazione di Ovada: a rischio la biglietteria

Ovada  | A distanza di poco più di un mese dall'inaugurazione della "rinnovata" stazione di Ovada, con un esborso di 4.5 milioni di euro da parte di Rfi, il servizio risulta a forte rischio

Antonio Negrini: storia del ciclista rimasto nel cuore degli ovadesi

Ovada  | Sono diversi i ricordi legati alla carriera del noto ciclista ovadese, protagonista a livello nazionale nei primi anni del Novecento. Il 1929 è stata la sua stagione migliore di una carriera durata quasi vent’anni

Classicissima d'epoca fa tappa al Borgo

Ovada | Sosta e ristoro ieri mattina per il manipolo di appassionati del ciclismo dei tempi andati che copre il percorso tra Milano e Sanremo con bici e abiti del periodo pionieristico

''Mogol racconta Mogol'': cinquant'anni di emozioni sul palco del Geirino

Ovada  | Per il secondo appuntamento di "Ovada, artisti docg" è in programma lo spettacolo “Mogol racconta Mogol”, una versione riveduta e ampliata di quanto già andato in scena lo scorso anno alla città della musica di Roma

Milano-Sanremo: la provincia si prepara per il passaggio della ''Classicissima di Primavera''

Ovada  | Non si deciderà nel passaggio fra la Lombardia ed il Piemonte, ma il transito della corsa nell'alessandrino mantiene un fascino immutato fra gli appassionati delle due ruote