Novi Ligure

Campo in sintetico, partiti i lavori per il nuovo impianto sportivo

Sono cominciati la settimana scorsa i lavori per la realizzazione del campo in sintetico, che sorgerà tra via San Marziano e viale Pinan Cichero a Novi Ligure. A occuparsene sono una ditta di Bari e l'impresa Boggeri di Cabella Ligure

NOVI LIGURE – Passi avanti per la realizzazione del campo da calcio in sintetico, che sorgerà nell’area tra via San Marziano e viale Pinan Cichero, a ridosso dello stadio Girardengo. L’amministrazione comunale ha infatti autorizzato la ditta che si è aggiudicata i lavori, la Tennis Tecnica di Bari, a subappaltare parte delle opere a una azienda locale, la Boggeri. L’impresa di Cabella Ligure si occuperà dei necessari interventi di demolizione, movimento terra e scavi (iniziati mercoledì della scorsa settimana). L’importo dei lavori subappaltati alla Boggeri è pari a 100 mila euro.

Il costo totale per la realizzazione del nuovo impianto sportivo sarà invece di 378 mila euro. A vincere l’appalto, ad aprile di quest’anno, è stata la Tennis Tecnica che ha superato la concorrenza rappresentata da altre 13 ditte con un ribasso a base d’asta di quasi il 30 per cento. L’amministrazione comunale novese aveva messo in preventivo 522 mila euro (484 mila per i lavori e 38 mila per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso); il risparmio, dunque, è stato di 144 mila euro. I lavori, in teoria, dovrebbero essere completati entro la fine dell’anno. Le risorse necessarie alla costruzione sono state reperite attraverso l’accensione di un mutuo concesso a condizioni agevolate dall’Istituto per il Credito Sportivo.

A occuparsi della gestione della struttura sarà il comitato Sport in Novi, così come avviene per gli altri impianti sportivi della città. Una volta completato, il campo di San Marziano potrà anche affittato a privati per disputare partite di calcetto o tornei dilettantistici o amatoriali. Per quanto riguarda le fare ufficiali, invece, sarà omologato per il campionato di Promozione.
2/10/2018







blog comments powered by Disqus


Autovelox di nuova generazione sulle strade provinciali

Provincia | Stanno per essere installati ventidue nuovi autovelox sulle strade della provincia di Alessandria. Non si tratta di nuove postazioni, precisano dagli uffici di palazzo Ghilini, bensì della sostituzione di quelli già esistenti. Saranno più efficienti e tecnologicamente avanzati

Un parcheggio in un'area verde per il centro cottura di via Tonso? "Sì" ma con delle condizioni...

Alessandria | La commissione Territorio si è riunita in sopralluogo in via Tonso, angolo via De Gasperi, dove c'è il centro cottura di Artana (quello delle mense) che ha richiesto la possibilità di realizzare un parcheggio (a proprie spese) in quella che oggi è come "area verde" e dove già parcheggiano camioncini e auto dei dipendenti. Dai 5 Stelle un "sì" ma solo a certe condizioni. Barosini: "valuteremo con attenzione l'interesse del privato che si deve bilanciare con quello dei residenti della zona"

Sosta selvaggia davanti all'istituto Volta? "La soluzione è una pista ciclo pedonale"

Alessandria | Un sopralluogo per provare a dare un "volto" alla proposta del Movimento 5 Stelle per decongestionare il traffico e la sosta selvaggia delle auto durante gli orari di ingresso e uscita dei ragazzi dall'istituto Volta di Spalto Marengo. "Tra gli orti della Ristorazione sociale e lo spazio di Arpa (tutto terreno dell'Asl) c'è uno spazio per creare una uscita "ciclo pedonale" verso viale Milite Ignoto".....

"Uscire dall'isolamento ferroviario: proposta di seduta consiliare congiunta Alessandria Asti"

Alessandria | Una mozione, a firma dei gruppi di minoranza Pd-Lista Rossa e Moderati, per chiedere una seduta consiliare (formare o informale) congiunta Alessandria e Asti al fine di presentare un documento condiviso al Ministero dei Trasporti, alle Regioni Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, all’Agenzia per la Mobilità Piemontese e a Trenitalia per "uscire dall'isolamento ferroviario"

Parco Carrà: via la parete di arrampicata per lasciare spazio ad un parco "Primosport 0-6"

Alessandria | Palazzo Rosso ha deciso: la parete d'arrampicata in disuso ormai dello "skate park" sarà rimossa e l'area già recintata sarà destinata a lavori per creare un parco "Primosport 0-6" per la cui realizzazione il Comune ha partecipato ad un bando e lo ha vinto. Lavori affidati ad una ditta di Mandrogne per quasi 24 mila euro