Novi Ligure

Cit, "per salvare l'azienda occorre sradicare le vecchie abitudini"

Oggi i dirigenti del Cit di Novi Ligure incontrano gli utenti. Per il presidente Giuseppe Licata l'obiettivo primario rimane salvare l'azienda: "Siamo andati a toccare le abitudini dei dipendenti e un'organizzazione del lavoro immutata da vent'anni. Ma era necessario". I sindacati aprono lo stato di agitazione

NOVI LIGURE – Oggi il Cit incontrerà gli utenti del servizio di trasporto locale: dopo le polemiche delle settimane scorse, a partire dalle 18.30 i rappresentanti della società saranno in municipio a Novi Ligure, in via Giacometti, per parlare con i passeggeri e ascoltare le loro necessità. «Vogliamo coltivare il colloquio con tutti gli utenti, sia di Novi che degli altri Comuni», ha spiegato il presidente del Cit Giuseppe Licata.

L’obiettivo primario rimane salvare l’azienda, se necessario anche andando a incidere su «abitudini difficili da sradicare» e su una «organizzazione del lavoro» immutata da più di vent’anni. «Siamo andati a toccare le abitudini dei dipendenti (alcuni, per quanto autorizzati, anche con seconde attività) – dice il presidente Licata – Chiediamo turni più lunghi e impegnativi, ma è necessario». Al Cit l’opera di risanamento aziendale proseguirà, «anche se ha portato a tensioni interne» come le continue “procedure di raffreddamento”, anticamera degli scioperi nel settore dei servizi pubblici.

«Siamo impegnati in un’opera di radicale ristrutturazione aziendale, come ci hanno chiesto i Comuni che detengono le quote della società», afferma Licata [nella foto]. Il Cit è in crisi e va salvato: «Già nel 2017, e ancora nel corso di quest’anno, sono state prese decisioni non facili, ma oggi è quasi pronto un “piano di riequilibrio” che ha l’obiettivo di portare il Cit al pareggio di bilancio nel 2020 – dice Licata – Occorre favorire l’uscita dall’azienda dei dipendenti vicini a maturare i requisiti pensionistici senza sostituirli con nuove assunzioni». Questo ha comportato una «contrazione dei servizi» che però nei prossimi anni sarà riassorbita.

Il piano di riequilibrio verrà presumibilmente approvato a metà ottobre, «da quel momento occorrerà imprimere un’ulteriore accelerazione nei processi di ristrutturazione che sono in atto per il bene dell’azienda», dice Licata. Nel frattempo dal Cit spiegano di essere già al lavoro per migliorare, ove possibile, gli orari e le linee.

I sindacati però non ci stanno. Filt-Cgil e Fit-Cisl hanno aperto lo stato di agitazione del personale e hanno chiesto un nuovo incontro in prefettura. Lamentano la mancata applicazione del contratto integrativo e del contratto nazionale relativo ai picchi di lavoro, denunciano «rischi per l’incolumità del personale causato dai continui disservizi imputabili al nuovo piano di servizio dei mezzi» e chiedono sopralluoghi per verificare la sicurezza delle nuove tratte.
5/10/2018







blog comments powered by Disqus


Ex Acquedotto, entrano i Vigili: gli Amici della Bici senza sede?

Alessandria | Da oggi inizieranno i lavori per il presidio della Polizia Municipale ai Giardini Pubblici, negli spazi che finora hanno ospitato i membri della Fiab. Barosini: "purtroppo è difficile offrire altri spazi, abbiamo solo locali fatiscenti e in periferia, con molte richieste di assegnazione da parte delle associazioni"

Mobilità, Ztl, arredo urbano e sicurezza del centro città: è la GDO a dare risorse da investire

Alessandria | Una mozione del PD sul Pums, il Piano Urbano della Mobilità sostenibile. Una "armonizzazione" anche con la viabilità, la sosta, la ztl. E poi arredo urbano e sicurezza per il centro e il commercio (la risposta del vicesindaco Buzzi Langhi). Che lancia l'idea tutta in divenire della giunta per un'area del centro cittadino, "anche grazie ai 200 mila euro che aspettiamo come compensazione dal nuovo centro commerciale di via G. Bruno". Cioè dalla GDO

Elezioni, il centrosinistra conferma la fiducia a Muliere: "Avanti così"

Novi Ligure | La coalizione di centrosinistra ha rinnovato la fiducia al sindaco di Novi Ligure Rocchino Muliere e ha confermato che sarà candidato alle elezioni del 26 maggio: "E' una persona onesta e ha lavorato bene"

Aral: "ai creditori subito il 34%". Poi la speranza è riposta negli Sfp, strumenti finanziari partecipativi

Alessandria | Da un lato il Comune di Genova che ha deliberato per l'acquisizione da parte della sua partecipata Amiu Genova del 2% delle quote di Aral. Dall'altro il Consiglio comunale di Alessandria che ha approvato il "regolamento" che dovrà gestire gli "Sfp" Strumenti finanziari partecipativi con cui saranno pagati (in parte) i creditori. Il debito si trasforma in "strumenti di capitale", oggi "certificati" che diventeranno denaro con gli utili che tornerà a fare Aral

Meno soldi per il verde pubblico, “servizio da rivedere”

Alessandria | Sul prossimo bilancio di palazzo Rosso saranno stanziate meno risorse per la manutenzione del verde. “Era già poco soddisfacente prima, ora occorrerà razionalizzare”. Si sperimentano anche nuove sementi e diserbanti, ma i risultati arriveranno solo in tre anni. Per la zona D 3 si punta ad un accordo con le aziende