Novi Ligure

Cit, "per salvare l'azienda occorre sradicare le vecchie abitudini"

Oggi i dirigenti del Cit di Novi Ligure incontrano gli utenti. Per il presidente Giuseppe Licata l'obiettivo primario rimane salvare l'azienda: "Siamo andati a toccare le abitudini dei dipendenti e un'organizzazione del lavoro immutata da vent'anni. Ma era necessario". I sindacati aprono lo stato di agitazione

NOVI LIGURE – Oggi il Cit incontrerà gli utenti del servizio di trasporto locale: dopo le polemiche delle settimane scorse, a partire dalle 18.30 i rappresentanti della società saranno in municipio a Novi Ligure, in via Giacometti, per parlare con i passeggeri e ascoltare le loro necessità. «Vogliamo coltivare il colloquio con tutti gli utenti, sia di Novi che degli altri Comuni», ha spiegato il presidente del Cit Giuseppe Licata.

L’obiettivo primario rimane salvare l’azienda, se necessario anche andando a incidere su «abitudini difficili da sradicare» e su una «organizzazione del lavoro» immutata da più di vent’anni. «Siamo andati a toccare le abitudini dei dipendenti (alcuni, per quanto autorizzati, anche con seconde attività) – dice il presidente Licata – Chiediamo turni più lunghi e impegnativi, ma è necessario». Al Cit l’opera di risanamento aziendale proseguirà, «anche se ha portato a tensioni interne» come le continue “procedure di raffreddamento”, anticamera degli scioperi nel settore dei servizi pubblici.

«Siamo impegnati in un’opera di radicale ristrutturazione aziendale, come ci hanno chiesto i Comuni che detengono le quote della società», afferma Licata [nella foto]. Il Cit è in crisi e va salvato: «Già nel 2017, e ancora nel corso di quest’anno, sono state prese decisioni non facili, ma oggi è quasi pronto un “piano di riequilibrio” che ha l’obiettivo di portare il Cit al pareggio di bilancio nel 2020 – dice Licata – Occorre favorire l’uscita dall’azienda dei dipendenti vicini a maturare i requisiti pensionistici senza sostituirli con nuove assunzioni». Questo ha comportato una «contrazione dei servizi» che però nei prossimi anni sarà riassorbita.

Il piano di riequilibrio verrà presumibilmente approvato a metà ottobre, «da quel momento occorrerà imprimere un’ulteriore accelerazione nei processi di ristrutturazione che sono in atto per il bene dell’azienda», dice Licata. Nel frattempo dal Cit spiegano di essere già al lavoro per migliorare, ove possibile, gli orari e le linee.

I sindacati però non ci stanno. Filt-Cgil e Fit-Cisl hanno aperto lo stato di agitazione del personale e hanno chiesto un nuovo incontro in prefettura. Lamentano la mancata applicazione del contratto integrativo e del contratto nazionale relativo ai picchi di lavoro, denunciano «rischi per l’incolumità del personale causato dai continui disservizi imputabili al nuovo piano di servizio dei mezzi» e chiedono sopralluoghi per verificare la sicurezza delle nuove tratte.
5/10/2018







blog comments powered by Disqus


"La sfida impopulista" di Paolo Gentiloni

Alessandria | Martedì 18 dicembre in Sala Ferrero l'ex presidente del Consiglio sarà intervistato dal direttore de "Il Piccolo" Alberto Marello

Servizio informatico: “taglio netto con Csi Piemonte?”. No. Anzi rinnovo di una convezione triennale

Alessandria | La delibera portata all'attenzione della commissione consiliare ha fatto “scintille” tra i membri della giunta (Assessore Fteita) e della maggioranza (FI- Sciaudone) su una questione come quella del servizio informatico per il quale il Consiglio comunale con una mozione lo scorso anno aveva dettato la via del “taglio con Csi Piemonte”. Mentre oggi rinnova con una convezione per altri tre anni. “Noi lo avevamo detto che non si sarebbe potuta applicare una cesura così netta in così poco tempo” la risposta di Rita Rossa (PD)

Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

"Sostegno leale a Muliere, ma non saremo la stampella del Pd"

Novi Ligure | "Sostegno leale" alla candidatura di Rocchino Muliere per il secondo mandato da sindaco, ma con "un ruolo autonomo" e "non subalterno al Partito Democratico". L'assessore Stefano Gabriele e i suoi "Venti x Novi" hanno sciolto la riserva

Asse Alessandria-Asti contro i tagli di Rfi

Provincia | Il consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno per "il mantenimento dei servizi indispensabili per l'economia del territorio provinciale". Asti sarà alleata di Comune e Provincia per la battaglia per garantire i collegamenti del sud ovest della regione con le dorsali tirreniche e adriatiche