Provincia

Discarica di Sezzadio, il ministro Costa risponde a Fornaro: "Incontrerò i sindaci ed invierò gli ispettori"

Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa risponde all'interrogazione presentata dall'on. Federico Fornaro: "Spetta alla Regione individuare le aree di salvaguardia, ma ho intenzione di incontrare i 32 sindaci del territorio e di inviare gli ispettori dell'Ispra per valutare l'applicazione del principio di precauzione"

ROMA - "Spetta alle Regioni individuare le aree di salvaguardia e disciplinare le misure relative alla destinazione del territorio interessato e l'adozione di eventuali limitazioni alle varie tipologie di insediamento", così risponde il ministro dell'Ambiente Sergio Costa all'interrogazione presentata alla Camera dall'on. Federico Fornaro (nella foto) relativa alla realizzazione della discarica di Sezzadio-Predosa. "Il campo pozzi di Predosa è in grado di rispondere ad una domanda di acqua potabile per circa 250 mila abitanti. Quello che chiedono i cittadini è l'attuazione del principio di precauzione per la salvaguardia della falda" ha spiegato il capogruppo di Liberi e Uguali nel 'question time' a risposta immediata. 

Il ministro dell'Ambiente ha sottolineato come il campo pozzi di Predosa, su segnalazione della Regione, "sia stato oggetto di ridefinizione delle aree di salvaguardia già nel 2011. Inoltre - ha aggiunto Costa - l'area sulla quale dovrebbe essere realizzata la discarica rientra tra quelle oggetto della deliberazione di Giunta del febbario 2018, relativa alle aree di ricarica degli acquiferi profondi che per le discariche di rifiuti non pericolosi prevede la realizzazione o l'ampliamento di nuovi impianti purché sia garantita maggiore protezione del terreno e delle acque sotterranee rispetto a quanto già previsto dalla normativa vigente. Vengono infatti individuate specifiche misure cautelari relative in particolare alla distanza del fondo scavo dalla falda, l'impermeabilizzazione del fondo e il livello del percolato, nonché l'esecuzione di un sistema di misure di protezione immediata della falda per impedire o comunque minimizzare la fuoriuscita di sostanze indesiderate".

Il ministro Costa si è poi detto disposto ad incontrare i 32 sindaci firmatari della convenzione territoriale, assumendosi l'impegno di "inviare gli ispettori dell'Ispra per valutare l'eventuale applicazione dell'art. 191 del Trattato Europeo" che regola appunto il principio di precauzione, questo perché "le risultanze dello studio condotto dall'Arpa non consentono di affermare che esista una separazione netta tra gli acquiferi superficiali e profondi nell'area in esame del Comune di Sezzadio e che quindi un'eventuale diffusione di contaminanti non possa interessare anche il campo pozzi di Predosa".

"Probabilmente con le tecniche attuali si potrebbe in linea teorica costruire la discarica in sicurezza, ma domani? Prima di mettere a rischio un tale patrimonio noi ci appelliamo alla sua sensibilità ministro Costa affinché una falda di tale portata e qualità non venga messa a rischio a danno delle future generazioni" ha poi chiosato l'on. Fornaro.
 
10/10/2018
Alessandro Francini - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Servizio informatico: “taglio netto con Csi Piemonte?”. No. Anzi rinnovo di una convezione triennale

Alessandria | La delibera portata all'attenzione della commissione consiliare ha fatto “scintille” tra i membri della giunta (Assessore Fteita) e della maggioranza (FI- Sciaudone) su una questione come quella del servizio informatico per il quale il Consiglio comunale con una mozione lo scorso anno aveva dettato la via del “taglio con Csi Piemonte”. Mentre oggi rinnova con una convezione per altri tre anni. “Noi lo avevamo detto che non si sarebbe potuta applicare una cesura così netta in così poco tempo” la risposta di Rita Rossa (PD)

Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

"Sostegno leale a Muliere, ma non saremo la stampella del Pd"

Novi Ligure | "Sostegno leale" alla candidatura di Rocchino Muliere per il secondo mandato da sindaco, ma con "un ruolo autonomo" e "non subalterno al Partito Democratico". L'assessore Stefano Gabriele e i suoi "Venti x Novi" hanno sciolto la riserva

Asse Alessandria-Asti contro i tagli di Rfi

Provincia | Il consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno per "il mantenimento dei servizi indispensabili per l'economia del territorio provinciale". Asti sarà alleata di Comune e Provincia per la battaglia per garantire i collegamenti del sud ovest della regione con le dorsali tirreniche e adriatiche

Tari: meno cara per Caritas e Frati Cappuccini. Più spese invece per Palazzo Rosso

Alessandria | Modifiche al Regolamento sulla Tari, la tassa sui rifiuti che va incontro alle esigenze di "aiuto" espresse da alcune realtà benefiche che si occupano della distribuzione pasti ai poveri e di assistenza con una riduzione del 25%. Per adeguamento alla normativa invece è Palazzo Rosso a rimetterci: ora i locali comunali utilizzati a fini istituzionali dovranno pagare la tassa rifiuti, con un esborso di circa 200 mila euro. Che finiranno però sulla filiera rifiuti (Aral)....