Provincia

Discarica di Sezzadio, il ministro Costa risponde a Fornaro: "Incontrerò i sindaci ed invierò gli ispettori"

Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa risponde all'interrogazione presentata dall'on. Federico Fornaro: "Spetta alla Regione individuare le aree di salvaguardia, ma ho intenzione di incontrare i 32 sindaci del territorio e di inviare gli ispettori dell'Ispra per valutare l'applicazione del principio di precauzione"

ROMA - "Spetta alle Regioni individuare le aree di salvaguardia e disciplinare le misure relative alla destinazione del territorio interessato e l'adozione di eventuali limitazioni alle varie tipologie di insediamento", così risponde il ministro dell'Ambiente Sergio Costa all'interrogazione presentata alla Camera dall'on. Federico Fornaro (nella foto) relativa alla realizzazione della discarica di Sezzadio-Predosa. "Il campo pozzi di Predosa è in grado di rispondere ad una domanda di acqua potabile per circa 250 mila abitanti. Quello che chiedono i cittadini è l'attuazione del principio di precauzione per la salvaguardia della falda" ha spiegato il capogruppo di Liberi e Uguali nel 'question time' a risposta immediata. 

Il ministro dell'Ambiente ha sottolineato come il campo pozzi di Predosa, su segnalazione della Regione, "sia stato oggetto di ridefinizione delle aree di salvaguardia già nel 2011. Inoltre - ha aggiunto Costa - l'area sulla quale dovrebbe essere realizzata la discarica rientra tra quelle oggetto della deliberazione di Giunta del febbario 2018, relativa alle aree di ricarica degli acquiferi profondi che per le discariche di rifiuti non pericolosi prevede la realizzazione o l'ampliamento di nuovi impianti purché sia garantita maggiore protezione del terreno e delle acque sotterranee rispetto a quanto già previsto dalla normativa vigente. Vengono infatti individuate specifiche misure cautelari relative in particolare alla distanza del fondo scavo dalla falda, l'impermeabilizzazione del fondo e il livello del percolato, nonché l'esecuzione di un sistema di misure di protezione immediata della falda per impedire o comunque minimizzare la fuoriuscita di sostanze indesiderate".

Il ministro Costa si è poi detto disposto ad incontrare i 32 sindaci firmatari della convenzione territoriale, assumendosi l'impegno di "inviare gli ispettori dell'Ispra per valutare l'eventuale applicazione dell'art. 191 del Trattato Europeo" che regola appunto il principio di precauzione, questo perché "le risultanze dello studio condotto dall'Arpa non consentono di affermare che esista una separazione netta tra gli acquiferi superficiali e profondi nell'area in esame del Comune di Sezzadio e che quindi un'eventuale diffusione di contaminanti non possa interessare anche il campo pozzi di Predosa".

"Probabilmente con le tecniche attuali si potrebbe in linea teorica costruire la discarica in sicurezza, ma domani? Prima di mettere a rischio un tale patrimonio noi ci appelliamo alla sua sensibilità ministro Costa affinché una falda di tale portata e qualità non venga messa a rischio a danno delle future generazioni" ha poi chiosato l'on. Fornaro.
 
10/10/2018
Alessandro Francini - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


"Ripartire dal lavoro", Epifani incontra i sindacati provinciali

Novi Ligure | L'ex numero uno della Cgil sarà a Novi Ligure per un convegno sul mondo del lavoro. Poi inaugurerà la nuova sede di Articolo 1 - Mdp. Con lui il capogruppo di Leu Federico Fornaro e il consigliere regionale Walter Ottria

Che fare di Viale della Repubblica? Alessandria s'interroga su un nodo strategico

Alessandria | Nel progetto presentato dall'azienda dei trasporti dovrebbe diventare un punto fondamentale per l'interscambio dei mezzi, oltre che il luogo principale per la sosta degli autobus. L'opposizione però si mostra perplessa: "sarebbe l'ennesima dimostrazione che il Teatro non interessa più a nessuno. Facciamo uno spazio di socialità"

Aral: entro metà dicembre via i rifiuti dalla discarica di Castelceriolo

Alessandria | Entro due mesi, a metà dicembre, la discarica di Castelceriolo sarà completamente liberata dai rifiuti grazie allo spostamento nella settima vasca di Solero, in costruzione. Intanto accordo tra Aral, Srt di Novi e Provincia di Alessandria per cominciare già da lunedì il trasporto con camion di Srt del "fos" e del secco in "addendum" a quanto previsto da convenzione

“Un euro per ogni abitante” per la lotta alle zanzare

Alessandria | E' la proposta del presidente del Consiglio comunale, Emanuele Locci, per incrementare le risorse messe a disposizione dal Comune (e anche dalla Regione per una parte) sul capitolo di “lotta alle zanzare” emersa in commissione Politiche sociali e sanitarie dove sono stati ascoltati i diversi attori che operano nei trattamenti, con specifico riferimento alla diffusione del West Nile Virus

Via Novi: dalla conferenza dei servizi il futuro della provinciale

Ovada | E' da bonificare l'area teatro la scorsa primavera dello sversamento di 10 mila litri di gasolio. La necessità di asportare il terreno potrebbe avere ripercussioni sulla stabilità della sede stradale