Alessandria

"Nessuna nuova moschea in città". Solo un trasferimento in via San Giovanni Bosco

A far scoppiare il caso una delibera di giunta che da l'ok al trasferimento della attuale sala di culto islamica della Comunità musulmana alessandrina da via Verona a via San Giovanni Bosco, dove sarebbe dovuta sorgere la Parrocchia Ortodossa Romena ‘Santo Gerarca Barlaamo di Moldavia’ che però è impossibilitata a finire i lavori....

 ALESSANDRIA - “La Comunità dei Mussulmani di Alessandria O.N.L.U.S trasferirà la sala di culto islamica, attualmente presente in via Verona, nei nuovi spazi di via San Giovanni Bosco a seguito di una cessione di diritto di superficie di cui la Giunta comunale ha preso atto con delibera: nessuna nuova moschea in Città, ma molto più semplicemente la risoluzione di problemi che da tempo si presentano in un’area centrale cittadina” con queste parole l’assessore al Patrimonio del Comune di Alessandria, Giovanni Barosini, ha commentato la notizia relativa alla costruzione di un nuovo luogo di culto islamico in città.

Tutto parte da una delibera della giunta di Palazzo Rosso che dà l'ok ad un passaggio di "cessione del diritto di superficie, già concesso alla Parrocchia Ortodossa Romena ‘Santo Gerarca Barlaamo di Moldavia’ a favore della ‘Comunità dei Mussulmani di Alessandria'". Una possibilità di cessione a terzi da parte della comunità romena sancita nell'atto che risale al 2011, vista la "impossibilità di effettuare i lavori dell’edificio di culto precedentemente autorizzato", soltanto dando comunicazione al Comune di questo passaggio.

A farsi avanti è stata la Comunità musulmana che si è mostrata interessata al subentro per procedere al trasferimento dell’attuale luogo di culto presente in via Verona nella nuova area di via San Giovanni Bosco, rimborsando alla Parrocchia Ortodossa Rumena la somma relativa agli anni non ancora goduti di diritto di superficie. "30 mila 480 euro, ovvero il prezzo riferito ai 92 anni non ancora goduti del diritto di superficie (che erano 99 in totale) essendone già trascorsi 7 e esonerando il Comune da tutte le spese necessarie per il perfezionamento di questo subentro" come si legge nella delibera.

Una presa d'atto dell'amministrazione (in attesa di progetto per dare l'ok definitivo) che viene vista come "una ottimizzazione degli spazi, alleggerendo un’area centrale della città troppo spesso molto congestionata" come spiegato dall'assessore Barosini, risolvendo problemi di viabilità e parcheggio.
Inoltre "i locali di via Verona saranno trasformati a spese della Comunità dei Mussulmani in abitazioni o destinati ad altri usi compatibili con il Piano Regolatore Generale vigente. Questa operazione non comporta alcun costo per l’amministrazione comunale e consente invece di risolvere alcune criticità che da tempo si presentano in quest’area” ha concluso Barosini.
17/05/2018







blog comments powered by Disqus


Seggi aperti, sono oltre 22 mila i novesi chiamati alle urne

Novi Ligure | Sono stati aperti questa mattina alle 7.00 i seggi per le elezioni europee, regionali e comunali. Sono 22.739 gli abitanti di Novi chiamati alle urne. In zona sono 25 i Comuni che devono eleggere un nuovo sindaco

Una poltrona per tre: Muliere, Cabella e Zippo alla resa dei conti

Novi Ligure | Tre candidati sindaco e quasi 143 aspiranti consiglieri: a Novi Ligure la sfida elettorale è tra Rocchino Muliere (centrosinistra), Gian Paolo Cabella (centrodestra ) e Lucia Zippo (Movimento 5 Stelle)

Guida al voto: ecco le regole per Europee, Regionali e Comunali

Election day | Domenica urne aperte dalle 7 alle 23. Subito lo scrutinio per Strasburgo, lunedì pomeriggio gli altri

Maratona elettorale: la diretta televisiva

Politica | Pronti alla lunga maratona elettorale de Il Piccolo, di Radio Gold e di Alessandria News? Da domenica sera fino a lunedì notte seguiremo in tempo reale lo spoglio dei voti. In diretta sul canale 654 del Digitale Terrestre e in streaming su tutti i nostri siti web #maratonapiccologold

Aral: concordato respinto. Il Tribunale chiede di ripresentare il piano

Politica | Il Tribunale di Alessandria ha dichiarato inammissibile la proposta di concordato preventivo di Aral SpA. Le ragioni non riguardano la "sostanza" del piano di risanamento ma alcuni aspetti giuridico-procedimentali. Entro 10-15 giorni salvo ulteriori valutazioni degli Advisor della società di smaltimento rifiuti dovrebbe venire presentata una nuova proposta di concordato