Alessandria

Palazzo Rosso: tra i creditori c'è chi "aggredisce" beni pubblici....e ottiene il risarcimento del 100%

E' una variazione al bilancio che impegna una parte di quota accantonata nel 2017 sul fondo rischi a portare a galla una particolare transazione tra il Comune e un creditore (Audiovox) che non ha accettato la transazione proposta al 70% ...ma che "pignorando le quote della Centrale del Latte" ha ottenuto il pagamento del 100%, "a patto di rinunciare ad aggredire quel bene". A cui difesa si sta muovendo anche a livello romano Molinari (Lega)

 ALESSANDRIA - Palazzo Rosso deve ancora fare i conti con diversi creditori, quelli che non hanno accettato nemmeno l'ultima offerta di transazione per recuperare il proprio credito al 70%, tra i quali non rientrano le partecipate, ovviamente che sono ancora tutta un'altra partita.

Ma è durante una commissione Bilancio nella quale veniva presentata una variazione al bilancio 2018-2020 con un impegno di parte della quota accantonata nel 2017 proprio nel fondo rischi che è venuto a galla un “caso particolare”. E' quello che ha visto aprire una trattativa tra il Comune da una parte e dall'altra – quella del creditore (che risale al periodo precedente il 31/12/2011) – il titolare dell'ex Audiovox, storico negozio di musica e dischi alessandrino. Che ha utilizzato una politica “aggressiva” come è stata definita dall'amministrazione comunale: ha deciso di non accettare il 70% di recupero e ha pignorato un “bene” del Comune, le quote che palazzo Rosso detiene della Centrale del Latte.

E ha vinto. Perché l'amministrazione comunale (nello specifico in commissione dell'assessore al Bilancio Cinzia Lumiera e del dottor Antonello Zaccone) ha deciso di “agire a propria tutela” accettando di pagare (entro il 15 ottobre, ndr) il 100% del credito più le spese legali sostenute (ma senza gli interessi) per una somma di poco superiore ai 65 mila euro. Non una cifra “abnorme” come altre ancora in ballo, che non hanno fatto rischiare Palazzo Rosso. Il credito viene ripianato al 100% e Audiovox in cambio ritira il pignoramento verso la Centrale del Latte.

“Un caso” che potrebbe non fare “buona scuola” secondo Michelangelo Serra del Movimento 5 Stelle: “se passa il messaggio che basta aggredire un bene comunale per arrivare ad ottenere il 100%....”. Ma in linea di massima l'ultima offerta è quella del 70%. Poi ci sono casi che vengono visti “vis a vis” proprio per non incorrere in singole azioni legali....che porterebbero via soldi e sforzi.

Un bene, la Centrale del Latte, che è tornata alla ribalta anche a livello nazionale, con la “difesa” portata in aula addirittura con un disegno di legge dal capogruppo in Parlamento della Lega, Riccardo Molinari (ex assessore di Palazzo Rosso). “Stop alla privatizzazione società Alessandria e Asti” è il messaggio che ha voluto far passare.

"Presto finalmente arriverà in aula la mia proposta di legge per porre fine all'obbligo di dismettere partecipazioni azionarie per le pubbliche amministrazioni che detengono quote in società lattiero casearie, come, ad esempio, la Centrale del Latte di Asti e Alessandria. Proprio ieri infatti la proposta di legge ha ricevuto il via libera d'urgenza e in poco tempo saremo in grado di restituire alle pubbliche amministrazioni le funzioni di garanzia e controllo sulla filiera lattiero-casearia che la riforma Madia aveva tolto. Una proposta di legge necessaria che nasce dall'esigenza di mantenere inalterato il patrimonio di storia, tradizioni, qualità e innovazione espresso dalle centrali del latte e che prende spunto dal caso della Centrale del Latte di Brescia che meno di un anno fa è stata esonerata, con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, dal rispetto della norma Madia. Un passo fondamentale volto a preservare il lavoro svolto dalle centrali del latte sulla qualità e sulla sicurezza alimentare e la genuinità di un prodotto strettamente legato al territorio". Questa la comunicazione di Molinari.
5/10/2018







blog comments powered by Disqus


Raccolta rifiuti: si interpellano i cittadini, per guardare alla soluzione migliore per il futuro?

Alessandria  | Gli abitanti dei sobborghi del Comune di Alessandria sono complessivamente soddisfatti del servizio di raccolta rifiuti effettuato da Amag Ambiente: ha scoprirlo è la stessa azienda che ha raccolto il parere di 800 utenti dei sobborghi, attraverso un sondaggio telefonico. Anche questo servirà per tracciare quale "metodo" di raccolta dovrà essere sviluppato ad Alessandria, vista la richiesta di "proposte" da parte dell'amministrazione comunale?

Muliere: "Non mi tiro indietro, ma sulla mia candidatura decide la coalizione"

Novi Ligure | "I cittadini novesi hanno un sindaco onesto". Il giorno dopo l'avviso di conclusione delle indagini su Rimborsopoli bis il sindaco Muliere non si tira indietro ma dice: "Sulla ricandidatura deciderà la coalizione"

Ticket sui farmaci: dal 1° marzo in Piemonte non si pagherà più

Piemonte | La giunta regionale ha deciso di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini in vigore dal 2002. Chiamparino e Saitta: "Cancelliamo una tassa sulla salute"

Mense: alle lamentele sul cibo, si aggiungono le lavastoviglie che non funzionano. Intanto però ecco le prime sanzioni

Alessandria | La commissione consiliare ha fatto il punto sul servizio di refezione scolastica nuovo: dalle problematiche registrate dal Comitato mensa a quelle che arrivano direttamente ai consiglieri (M5S su tutti). "Cibo, ma non solo. Anche le lavastoviglie che non funzionano". Così alla cooperativa Solidarietà e Lavoro si è chiesto un primo investimento per alcune sostituzioni. Ma sui "disservizi" non è più fase transitoria: sono arrivate le prime sanzioni

Rimborsopoli bis, l'inchiesta non cambia i piani di Muliere: sì alla ricandidatura

Novi Ligure | L'inchiesta "Rimbosopoli bis" non cambia i piani del sindaco Rocchino Muliere, che sarà alla guida della coalizione di centrosinistra alle elezioni amministrative del 26 maggio. Nell'opposizione prevale la linea garantista