Alessandria

"Question Time del cittadino": un modo per far parlare direttamente la cittadinanza con l'amministrazione

Questa la proposta del Movimento 5 Stelle. Interpellanze direttamente rivolte dai cittadini alla giunta comunale durante le sedute del Consiglio comunale. “Un primo passo per riavvicinare la cittadinanza alla politica. Una partecipazione diretta”. Che non trova tutti d'accordo....

 ALESSANDRIA - Perché non dare tre minuti ad un comune cittadino di Alessandria per porre una domanda, per chiedere spiegazioni su una questione importante o una problematica della città direttamente al sindaco o agli assessori comunali durante una seduta del Consiglio comunale?
Questa è in sostanza, con tutta una serie di “paletti” - come il fatto che le interpellanze dei cittadini vengano prima vagliate dall'ufficio di presidenza del Consiglio comunale, così che si possano ritenere “accoglibili” - la proposta del Movimento 5 Stelle che è stata portata in commissione Affari Istituzionali, affinché da semplice “proposta” (mozione) possa diventare un articolo aggiuntivo all'interno dello Statuto comunale.

“Sarebbero al massimo un paio ad ogni seduta, per un totale di 8 minuti in cui è il cittadino a rivolgersi direttamente all'amministrazione comunale senza creare quindi svantaggi per i lavori dell'aula, ma invece con il grande vantaggio di tentare di fidelizzare di nuovo la cittadinanza e riavvicinarla alla politica, ai lavori dell'amministrazione comunale”. Una forma, insomma, di partecipazione diretta, già applicata in altri comuni vicini a noi, come Valenza, Acqui Terme, ma anche Torino, Venaria e Parma volendosi spostare un po' fuori dai confini territoriali. Una forma di interazione tra il cittadino e l'amministrazione pubblica che oggi non è possibile, visto che le sedute del Consiglio comunale sono pubbliche, ma è possibile solamente “assistere”.

Perché no? “Perché si snatura il ruolo per cui siamo stati eletti, come consiglieri comunali, rappresentanti dei cittadini” è la risposta del consigliere di Forza Italia Mauro Bovone, che la definisce una “fantasia”. Contrario anche il capogruppo di maggioranza di SiAmo Alessandria, Giuseppe Bianchini che la definisce una forma per sopprimere la “democrazia mediata” che è quella rappresentata dal ruolo dei consiglieri comunali. Una proposta che non viene appoggiata nemmeno dal consigliere Enrico Mazzoni (Pd) che la vede più come “una battaglia ideologica del Movimento 5 Stelle, che non come una vera forma di riavvicinamento dei cittadini e quindi di reale partecipazione della città”. Mentre si dovrebbe pensare a ridare vita alla “partecipazione” ma in incontri e dibattiti....”cosa che forse i grillini stanno comunque portando avanti, noi meno ora”.

Una posizione “personale” quella di Mazzoni, che si scosta da quella di buona parte degli altri gruppi di minoranza. Dai Moderati al Gruppo Dema, fino al Quarto Polo. “Sono d'accordo che siamo noi i rappresentanti dei cittadini, ma nulla vieta di pensare ad una democrazia più allargata. E' quello che in un certo modo si faceva in passato con i consigli di quartiere” ha commentato Vincenzo Demarte. Che ha parlato di “avere coraggio” nel tentare una strada nuova che nulla toglie al ruolo del consigliere. D'accordo anche la capogruppo del Quarto Polo: “una partecipazione diretta come questa non l'avevamo mai pensata. Forse potrebbe servire anche a far conoscere un po' di più al cittadino la macchina comunale, come funziona, cosa viene fatto”. “Non so se può essere la strada giusta, ma qualcosa in più per tentare di riavvicinare la gente a questo Palazzo lo potrebbe fare” è stato il giudizio di Diego Malagrino. Tutti d'accordo sul portare in breve tempo all'attenzione un'altra questione aperta, quella dei “quartieri”, rifacendosi un po' all'idea delle vecchie circoscrizioni.

Una proposta che vuole “aprire le porte del Palazzo” per Michelangelo Serra dei 5 Stelle. Che è sicuramente un “simbolo” e non la risoluzione al problema della disaffezione della cittadinanza. “Ma è un primo passo, una apertura al cittadino”. Posizioni e visioni troppo distanti: la question time del cittadino sarà portata in Consiglio comunale, dove ogni forza politica potrà appoggiare o meno la proposta. “Se chiudiamo le porte del Palazzo comunale, almeno lo dovrete dire in faccia ai cittadini” ha sentenziato Serra.
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Grillini novesi contro il governo: "Il Terzo Valico inutile e dannoso"

Novi Ligure | "Non condividiamo la scelta del governo", hanno detto gli esponenti grillini di Novi Ligure a proposito del Terzo Valico. Stoccata ai comitati No Tav: "Non si accorgono di diventare strumento dei soliti partiti"

"La sfida impopulista" di Paolo Gentiloni

Alessandria | Martedì 18 dicembre in Sala Ferrero l'ex presidente del Consiglio sarà intervistato dal direttore de "Il Piccolo" Alberto Marello

Il tema del regionalismo differenziato apre il il ciclo di incontri del Dottorato in Autonomie locali

Alessandria | Mercoledì 19 dicembre a Palazzo Borsalino la lezione di apertura dedicata al tema "Luci e ombre del regionalismo differenziato" con Matteo Cosulich, professore di Diritto costituzionale nell'Università di Trento, studioso del regionalismo italiano e conoscitore delle autonomie speciali

Primarie Pd: vince Marino ma crolla l'affluenza

Politica | Si dimezza in provincia l'affluenza alle urne per le primarie del Pd. Militanti e simpatizzanti erano chiamati a scegliere il futuro segretario regionale. In testa Mauro Maria Marino, di estrazione renziana. Nessuno ha raggiunto però il 50%: la scelta quindi passa all'assemblea regionale

Servizio informatico: “taglio netto con Csi Piemonte?”. No. Anzi rinnovo di una convezione triennale

Alessandria | La delibera portata all'attenzione della commissione consiliare ha fatto “scintille” tra i membri della giunta (Assessore Fteita) e della maggioranza (FI- Sciaudone) su una questione come quella del servizio informatico per il quale il Consiglio comunale con una mozione lo scorso anno aveva dettato la via del “taglio con Csi Piemonte”. Mentre oggi rinnova con una convezione per altri tre anni. “Noi lo avevamo detto che non si sarebbe potuta applicare una cesura così netta in così poco tempo” la risposta di Rita Rossa (PD)