Alessandria

“SíAmo in tanti e cresceremo, insieme alla città”

Ricerca di proposte e idee ancor prima di critiche. Questo è l'esito dell'assemblea di SiAmo Alessandria che solo pochi giorni fa si è riunita per mettere in evidenza alcune delle problematiche ancora irrisolte della città, ma soprattutto per cercare con il coinvolgimento di tutti di proporre idee e iniziative che "aiutino" Alessandria

 ALESSANDRIA - Una assemblea ampiamente partecipata quella della associazione “SíAmo Alessandria” che si è tenuta alcuni giorni fa. Al centro dell'attenzione tanti temi, tutti inerenti la città di Alessandria: dalle criticità ambientali, a quelle sociali, fino allo sviluppo socio-economico di cui si ha bisogno.

Ma soprattutto il tema dominante è stata la ricerca di idee, proposte ed iniziative concrete per ‘aiutare Alessandria’ a riprendere vigore e smalto.

“Stop alle lamentele fini a se stesse”, “basta denigrare autolesionisticamente la città che amiamo” queste sono state solo alcune delle considerazioni emerse dall'incontro. "Alessandria necessita del contributo fattivo e generoso di tutti: imprenditori, associazioni, aziende, volontari e semplici cittadini".

L’ assemblea ha chiesto a gran voce che, oltre alle criticità note (pulizia della città, maggior sicurezza) si investa sul sociale, si focalizzi l’attenzione sulle tante famiglie alessandrine in grave crisi economica.

Le riunioni di SiAmo Alessandria si ripeteranno a cadenza mensile in tutte le circoscrizioni del territorio comunale. La prossima iniziativa, considerato che “SíAmo Alessandria” è anche una associazione culturale, consiste in una originale mostra di pittura il 26 novembre al Melchionni-Caffè.

Erano presenti gli assessori Barosini e Straneo, nonché i consiglieri comunali Bianchini ed Onetti, che tradurranno le proposte emerse in atti da sottoporre al Consiglio comunale.
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Ex Acquedotto, entrano i Vigili: gli Amici della Bici senza sede?

Alessandria | Da oggi inizieranno i lavori per il presidio della Polizia Municipale ai Giardini Pubblici, negli spazi che finora hanno ospitato i membri della Fiab. Barosini: "purtroppo è difficile offrire altri spazi, abbiamo solo locali fatiscenti e in periferia, con molte richieste di assegnazione da parte delle associazioni"

Mobilità, Ztl, arredo urbano e sicurezza del centro città: è la GDO a dare risorse da investire

Alessandria | Una mozione del PD sul Pums, il Piano Urbano della Mobilità sostenibile. Una "armonizzazione" anche con la viabilità, la sosta, la ztl. E poi arredo urbano e sicurezza per il centro e il commercio (la risposta del vicesindaco Buzzi Langhi). Che lancia l'idea tutta in divenire della giunta per un'area del centro cittadino, "anche grazie ai 200 mila euro che aspettiamo come compensazione dal nuovo centro commerciale di via G. Bruno". Cioè dalla GDO

Elezioni, il centrosinistra conferma la fiducia a Muliere: "Avanti così"

Novi Ligure | La coalizione di centrosinistra ha rinnovato la fiducia al sindaco di Novi Ligure Rocchino Muliere e ha confermato che sarà candidato alle elezioni del 26 maggio: "E' una persona onesta e ha lavorato bene"

Aral: "ai creditori subito il 34%". Poi la speranza è riposta negli Sfp, strumenti finanziari partecipativi

Alessandria | Da un lato il Comune di Genova che ha deliberato per l'acquisizione da parte della sua partecipata Amiu Genova del 2% delle quote di Aral. Dall'altro il Consiglio comunale di Alessandria che ha approvato il "regolamento" che dovrà gestire gli "Sfp" Strumenti finanziari partecipativi con cui saranno pagati (in parte) i creditori. Il debito si trasforma in "strumenti di capitale", oggi "certificati" che diventeranno denaro con gli utili che tornerà a fare Aral

Meno soldi per il verde pubblico, “servizio da rivedere”

Alessandria | Sul prossimo bilancio di palazzo Rosso saranno stanziate meno risorse per la manutenzione del verde. “Era già poco soddisfacente prima, ora occorrerà razionalizzare”. Si sperimentano anche nuove sementi e diserbanti, ma i risultati arriveranno solo in tre anni. Per la zona D 3 si punta ad un accordo con le aziende