Alessandria

Venezuelani ospiti di Fratelli d'Italia: "Vi dobbiamo molto"

Si è parlato di emigrazione italiana in Sudamerica e della situazione attuale di fame e povertà con Maduro. L'associazione ospitata da Fratelli d'Italia ha ribadito la tragedia: "Quattro milioni di venezuelani sono stati costretti ad emigrare"

ALESSANDRIA - Giovedi' 4 ottobre la comunità venezuelana e quella italiana si sono incontrate nella serata organizzata da Fratelli d'Italia in collaborazione con Airesven (Sostegno Internazionale alla Resistenza Venezuelana) dal titolo "1946: Italia chiama Venezuela". "2018: Venezuela chiama Italia".

Sono circa una settantina, tra venezuelani e italo-venezuelani, i componenti di questa comunità in Alessandria, molti dei quali appartenenti alla quarta generazione degli italiani che emigrarono in questo paese del Sud America.

Durante la serata i Venezuelani hanno incontrato i rappresentanti del Comune di Alessandria: l'Assessore Cherima Fteita e il Consigliere Piero Castellano, che si sono messi a disposizione per aiutar loro nelle difficoltaà quotidiane della vita, "perché molto l'Italia deve al Venezuela ed agli Italiani che là sono emigrati, specie nel secondo dopoguerra".

Airesven, nata come gruppo di preghiera e diventata poi formazione socio politica di resistenza non violenta, denuncia questa situazione: l'auspicio di Blanca Briceno, una delle sue fondatrici è "Che il Signore ci restituisca il Venezuela", questa "Terra di Grazia", come la descrisse Cristoforo Colombo scoprendola nel 1498.

Durante la serata si sono inevitabilmente toccati temi politici di stretta attualità. Secondo Airesven con l'arrivo di Chavez "viene data attuazione al progetto di distruzione pianificata del Paese voluto dal Foro di S. Paolo, laboratorio delle sinistre mondiali dopo la caduta del muro di Berlino. Sinistre che sono un'unione di cattocomunismo e sottomissione all'Islam. Questo progetto è stato finanziato con le immense risorse del Paese: miniere di carbone a cielo aperto, petrolio bituminoso, ferro a montagne... e uranio". 

Povertà e carestia hanno portato quattro milioni di venezuelani ad emigrare negli Stati confinanti. 
 
6/10/2018







blog comments powered by Disqus


Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

"Sostegno leale a Muliere, ma non saremo la stampella del Pd"

Novi Ligure | "Sostegno leale" alla candidatura di Rocchino Muliere per il secondo mandato da sindaco, ma con "un ruolo autonomo" e "non subalterno al Partito Democratico". L'assessore Stefano Gabriele e i suoi "Venti x Novi" hanno sciolto la riserva

Asse Alessandria-Asti contro i tagli di Rfi

Provincia | Il consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno per "il mantenimento dei servizi indispensabili per l'economia del territorio provinciale". Asti sarà alleata di Comune e Provincia per la battaglia per garantire i collegamenti del sud ovest della regione con le dorsali tirreniche e adriatiche

Tari: meno cara per Caritas e Frati Cappuccini. Più spese invece per Palazzo Rosso

Alessandria | Modifiche al Regolamento sulla Tari, la tassa sui rifiuti che va incontro alle esigenze di "aiuto" espresse da alcune realtà benefiche che si occupano della distribuzione pasti ai poveri e di assistenza con una riduzione del 25%. Per adeguamento alla normativa invece è Palazzo Rosso a rimetterci: ora i locali comunali utilizzati a fini istituzionali dovranno pagare la tassa rifiuti, con un esborso di circa 200 mila euro. Che finiranno però sulla filiera rifiuti (Aral)....

Inaugurato il "bosco rotariano": 2500 futuri alberi nella zona di Alessandria2000

Alessandria | Il Bosco della "Famiglia Rotariana", piantato con l'intento di avere un albero per ogni membro del Rotary, è stato celebrato giovedì 13 dicembre con il taglio del nastro, alla presenza delle autorità. Serviranno alcuni anni per vedere i primi risultati. Cuttica: "basta polemiche, guardiamo i fatti. Per 50 alberi tagliati qui ne stiamo piantando 2500"