Alessandria

Ztl e dissuasore mobile in piazza S. Maria di Castello: si parte lunedì 26 marzo

Da lunedì 26 marzo, tutti i giorni feriali e festivi, dalle 00 alle 24, sarà in funzione la barriera mobile installata tra piazza Santa Maria di Castello e via Milazzo per la realizzazione di una Zona a Traffico Limitato a carattere sperimentale. Ecco cosa devono fare i residenti e coloro che necessitano del permesso per accedere alla Ztl

 ALESSANDRIA - Da lunedì 26 marzo, tutti i giorni feriali e festivi, dalle 00 alle 24, sarà in funzione la barriera mobile installata tra piazza Santa Maria di Castello e via Milazzo per la realizzazione di una Zona a Traffico Limitato a carattere sperimentale. La sperimentazione durerà sei mesi durante i quali verranno prese in considerazione le eventuali osservazioni che i cittadini vorranno rivolgere all’amministrazione in merito alla funzionalità del sistema attivato.

La barriera mobile a scomparsa impedirà l'accesso alla Ztl, per impedire gli accessi irregolari. Gli aventi titolo potranno accedere alla Ztl con regolare autorizzazione rilasciata dal Servizio Autonomo Polizia Locale. I cittadini interessati dovranno munirsi del sistema operativo necessario con la presentazione di una domanda, in carta libera, all’indirizzo dissuasorimobili.autorizzazioni@comune.alessandria.it con l’indicazione di:
-dati dell’utente
-motivo della richiesta
-targa dei veicoli
-recapito telefonico

Contestualmente saranno istituiti alcuni stalli di sosta così distribuiti:
  • piazza santa Maria di Castello:
3 stalli riservati alle persone disabili, nei pressi numero civico 9 e a seguire
1 stallo riservato alle operazioni di carico/scarico delle merci,
2 stalli di sosta liberi, nei pressi del numero civico 7/L,
6 stalli di sosta liberi, nei presso del numero civico 13/c
  • via santa Maria di Castello:
2 stalli di sosta a tariffazione (zona Rovereto) nei pressi del numero civico 11 (lato sx rispetto al senso di marcia) e a seguire;
2 stalli di sosta riservati alle persone disabili (lato sx rispetto al senso di marcia) e a seguire;
area di sosta per velocipedi (cicloposteggio) ai sensi dell’ord. P. 78 del 26/01/17.

“Questo divieto impedirà l’accesso a tutti i veicoli a motore che non hanno diritto al transito nell’area in questione - ha spiegato il vicesindaco ed assessore alle Politiche per la Mobilità Urbana, Davide Buzzi Langhi - Si tratta di un avvio sperimentale per sei mesi, per testarne l’efficacia e valutare gli effetti della chiusura. Auspichiamo che sia risolutivo per il contrasto del fenomeno del parcheggio selvaggio che più volte è stato segnalato nella zona”.
19/03/2018







blog comments powered by Disqus


In autunno Lu e Cuccaro 'sposi'? Pronto il referendum per la fusione

Lu e Cuccaro | Nel Monferrato (quasi) Unesco i due piccoli comuni collinari saranno chiamati ad esprimersi tra la seconda metà di ottobre e la prima settimana di novembre. Se passasse il sì, sarebbe il terzo in provincia

Il campo in sintetico nella giungla della burocrazia: palla alla Federcalcio

Novi Ligure | L'ultimo tassello per dare il via libera ai lavori è l'omologazione del fondo da parte della Federcalcio. L'impianto di Novi Ligure permetterà a tante realtà sportive di giocare: non solo a calcio ma anche a rugby

Locci: "servirebbero un censimento per le prostitute e multe per i clienti"

Alessandria | Il presidente del Consiglio Comunale lancia la sua soluzione sul problema della prostituzione in città, particolarmente sentito durante i mesi estivi: "per le ragazze europee c'è poco da fare, ma le nigeriane andrebbero censite perché sono certamente vittima di tratta. Il fenomeno si può combattere, punendo i clienti"

Portici Vecchi, i soldi per il restyling li anticipano i commercianti

Novi Ligure | Il restyling dei Portici Vecchi, a Novi Ligure, lo pagano i commercianti: saranno infatti i titolari del Bar Sport ad anticipare all'amministrazione comunale i 60 mila euro necessari

Il Comune salda le "bollette luce" arretrate. Ma restano aperte altre partite di "debiti"

Alessandria | E' la commissione bilancio a fare chiarezza sullo stato dell'arte della situazione debitoria e creditoria di Palazzo Rosso con il riaccertamento dei residui attivi e passivi dell'Ente. Tra questi la partita delle bollette dell'energia elettrica arretrate con la ditta emiliana HeraComm: liquidato ormai tutto. Ma restano importanti partite debitorie ancora aperte, come quelle verso partecipate riconosciute dall'Osl ma non ancora concluse: una su tutte Atm in fallimento