Alessandria

Ztl si o no? “Prima utilizziamo piazze come parcheggi di interscambio e navette che portano in centro”

Questa è l'idea sul tavolo dell'assessore al commercio Mattia Roggero. “Alessandria ha già dei parcheggi di interscambio naturali, come piazza Perosi, Caduti di Nassiriya...piazze gratuite. Da cui far partire navette ogni 15 minuti dirette in centro. Così educhiamo ad usare i mezzi pubblici per venire in centro”. M5S: “piazza della Libertà e il centro devono però essere chiusi, senza permettere di poter parcheggiare. Altrimenti.....”

 ALESSANDRIA - Centro chiuso al traffico veicolare (Ztl, quindi) si, centro chiuso no. Un tema “tabù” per Alessandria : da una parte le scelte delle amministrazioni che si sono succedute, dall'altra la reazione del mondo del commercio del centro città. Dall'altra ancora quello degli “alessandrini”.

Un tema difficile che è spesso reso ancora più complicato dall'assenza – ad esempio – di parcheggi a corona, dagli spalti o un po' più in periferia dove poter lasciare il proprio mezzo e muoversi con mezzi pubblici (che funzionano, ovviamente). Tanti sono gli esempi di città “a misura d'uomo” come Alessandria dove tutto questo non è fantascienza, ma dove esiste già: come Parma. Alessandrianews solo poche settimane fa aveva portato l'esempio di un'altra città dell'Emilia Romagna, Reggio, che ha deciso di utilizzare come aree di sosta di “scambio” i parcheggi dei centri commerciali: gratuiti, così come la navetta che il comune mette a disposizione per arrivare fino in centro.

E Alessandria? Che respinge a piene mani la pedonalizzazione di piazza della Libertà e vie limitrofe (proposta dal Movimento 5 Stelle) lo fa perché non ci sono “strutture” di appoggio come i parcheggi a corona del centro? Questo per l'amministrazione comunale sembra invece un punto fondamentale su cui puntare – se non per arrivare ad un vero e proprio ragionamento di Ztl, anche solo parziale – almeno per provare a rilanciare il commercio del centro cittadino, senza intasare di auto alcune zone, come piazza della Libertà e guardando anche alla salute dei cittadini, all'aspetto dell'inquinamento.

L'idea è già sul tavolo dell'assessore al Commercio, Mattia Roggero, che affiancato dal collega di giunta e vicesindaco Davide Buzzi Langhi (per le deleghe di competenza), vuole mettere in piedi una “trattativa” un dialogo con Amag Mobilità per iniziare una campagna di comunicazione per educare il cittadino.


Ma a fare cosa? “A lasciare la propria auto in parcheggi di interscambio che non si devono costruire da zero (come l'ipotesi di multipiano in piazzale Berlinguer e con project financing), ma che Alessandria ha già e che sono piazza Perosi, Caduti di Nassiriya, piazza Teresa Michel e piazza Ceriana al Cristo, ad esempio”.

Sono già piazza “libere”, ovvero non a pagamento. “Da li, con parcheggio gratis si deve attivare un servizio di navetta che passi ogni 15 minuti e che porti in centro. Per il cittadino è il solo costo del biglietto dell'autobus”.

Un servizio “serio”, con orari precisi. Che basterà ad educare l'alessandrino a prendere il mezzo pubblico per venire in centro, lasciando “fuori” la propria auto? “Non basterà se si continuerà a lasciare la possibilità di arrivare in centro in auto e di parcheggiare a pochi metri, in piazza della Libertà, magari anche mantenendo la prima mezz'ora gratuita” sono le parole di Francesco Gentiluomo, consigliere 5 Stelle. Solo non permettendo alternative l'alessandrino potrebbe iniziare ad abituarsi e a sfruttare un servizio che avvantaggia tutto e tutti.

Chissà se Alessandria ci proverà e ci riuscirà davvero?
1/10/2018







blog comments powered by Disqus


"La sfida impopulista" di Paolo Gentiloni

Alessandria | Martedì 18 dicembre in Sala Ferrero l'ex presidente del Consiglio sarà intervistato dal direttore de "Il Piccolo" Alberto Marello

Servizio informatico: “taglio netto con Csi Piemonte?”. No. Anzi rinnovo di una convezione triennale

Alessandria | La delibera portata all'attenzione della commissione consiliare ha fatto “scintille” tra i membri della giunta (Assessore Fteita) e della maggioranza (FI- Sciaudone) su una questione come quella del servizio informatico per il quale il Consiglio comunale con una mozione lo scorso anno aveva dettato la via del “taglio con Csi Piemonte”. Mentre oggi rinnova con una convezione per altri tre anni. “Noi lo avevamo detto che non si sarebbe potuta applicare una cesura così netta in così poco tempo” la risposta di Rita Rossa (PD)

Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

"Sostegno leale a Muliere, ma non saremo la stampella del Pd"

Novi Ligure | "Sostegno leale" alla candidatura di Rocchino Muliere per il secondo mandato da sindaco, ma con "un ruolo autonomo" e "non subalterno al Partito Democratico". L'assessore Stefano Gabriele e i suoi "Venti x Novi" hanno sciolto la riserva

Asse Alessandria-Asti contro i tagli di Rfi

Provincia | Il consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno per "il mantenimento dei servizi indispensabili per l'economia del territorio provinciale". Asti sarà alleata di Comune e Provincia per la battaglia per garantire i collegamenti del sud ovest della regione con le dorsali tirreniche e adriatiche