Alessandria

Ztl "sperimentale" in piazza Santa Maria di Castello

L'amministrazione comunale decide per una Zona Traffico Limitato "sperimentale" per 6 mesi in piazza Santa Maria di Castello. Divieto di transito e sosta dalla 00-24 con l'attivazione del "pilomat" a limitare gli accessi. Ma questo è solo un primo e immediato provvedimento di una "revisione" complessiva della viabilità e mobilità urbana, come spiegato dal vicesindaco Buzzi Langhi

 ALESSANDRIA - La decisione arriva dall'amministrazione di Cuttica di Revigliasco: piazza Santa Maria di Castello si chiude al traffico veicolare con una Ztl “sperimentale”. La proposta di giunta, che arriva da un confronto tra Polizia Municipale e assessore Davide Buzzi Langhi, è di una Zona Traffico Limitato (e quindi non una Apu, cioè Area pedonale) sperimentale per 6 mesi con limitazioni di transito e sosta in un arco temporale 00-24, cioè di 24 ore. Il blocco della piazza da via Milazzo sarà regolato dal "pilomat" che lì è stato posizionato e che nel giro di un mesetto (entro quindi la fine del mese di marzo)-  "tempo di mandare tutti gli avvisi ai residenti e ai commercianti della zona", come spera il vicesindaco - sarà attivo. 

“Divieto di circolazione e sosta di qualsiasi veicolo a motore” ovviamente con delle deroghe: ai mezzi di soccorso e delle forze dell'ordine, ai mezzi per la pulizia della strada e per la raccolta dei rifiuti (quindi di Amag Ambiente), a coloro che hanno un garage o un posto auto e infine con “autorizzazioni temporanee di necessità” cioè a coloro che richiedono un permesso di accesso temporaneo alla Ztl alla Polizia Municipale. "Siamo stati di manica larga - ha spiegato Buzzi Langhi - viste le poche attività commerciali presenti in zona. Perciò se un corriere o un rappresentante devono scaricare in una di quelle attività gli verrà concesso il permesso per transitare in piazza, senza troppa difficoltà".

Così scritta e pensata sembra una “vera zona traffico limitato”: con un pilomat alzato H24. L'unica presente in città. "La Ztl in Alessandria è fatta a macchia di leopardo, con orari troppo variegati di chiusura alle auto. Servirà rivedere tutto il piano della Ztl e omogeneizzare quelle già presenti in alcuni punti della città" sono state le parole dell'assessore. 

Che in questo annuncio di “prima iniziativa sperimentale” incastra anche altre idee e altri progetti che riguardano la viabilità e la mobilità cittadina. Così si guarda all'arrivo di “7 varchi di accesso” per il controllo di punti strategici all'ingresso della città. E solo dopo l'installazione di questi “si penserà alla mobilità elettrica, che è da incentivare”. E sul piano economico gestionale (Peg) per la mobilità elettrica ci sono 200 mila euro: “visto il parco mezzi deficitario di Amag Ambiente, che ha bisogno di un rinnovo, il Comune potrebbe intervenire in parte per l'acquisto di nuovi mezzi elettrici per la pulizia del centro”. E – sempre a detta dell'assessore -in cambio Amag si prenderebbe in carico l'installazione di 6 colonnine di ricarica elettrica delle auto (2 in piazza della Libertà, due in piazza Garibaldi e 2 vicino al distributore di metano dove c'è la sede di Amag Mobilità). E non sono gli unici mezzi elettrici che potrebbero vedersi tra non moltissimo tempo in città: Buzzi Langhi ha citato come quasi definito e alla fine del percorso il bando regionale al quale Alessandria ha partecipato per avere 2 autobus elettrici (la speranza è entro un paio di mesi, con un contributo anche di Palazzo Rosso di 120 mila euro).

E poi c'è il Pums, il piano urbano di mobilità sostenibile: “che fine ha fatto?” hanno chiesto a più voci dai banchi della minoranza, tanto il M5S quanto il Pd. “C'è stato un confronto con l'azienda del trasporto urbano, dalla quale non si può prescindere per prendere decisioni e stilare delle linee guida su questo tema” sostiene il vicesindaco. Meno convinta la minoranza: “ma ci sono incontri con la Line Pavia che ha la maggioranza di quote di Amag Mobilità? C'è un tavolo di confronto e dialogo aperto?”. “E' importante chiudere questa partita e avere un Pums il prima possibile – sono anche le parole di Serra dei 5 Stelle – Perché in molte altre città con questo Piano di Mobilità hanno ottenuto cospicui finanziamenti europei”. E ad Alessandria sono proprio quelli che servono. “Gli stessi 'varchi di accesso' come si possono attivare senza un piano chiaro di Ztl e di viabilità cittadina?” ha chiesto Marica Barrera.

Ma dal fronte amministrazione c'è la consapevolezza “che non è così facile attuare cambiamenti sulla mobilità urbana” (come il passato dimostra, ndr), ma allo stesso tempo c'è la volontà di fare qualcosa. Cosa ancora non è così chiaro. Ma come diceva Dante, “del doman non v'è certezza”.

5/03/2018







blog comments powered by Disqus


"Uscire dall'isolamento ferroviario: proposta di seduta consiliare congiunta Alessandria Asti"

Alessandria | Una mozione, a firma dei gruppi di minoranza Pd-Lista Rossa e Moderati, per chiedere una seduta consiliare (formare o informale) congiunta Alessandria e Asti al fine di presentare un documento condiviso al Ministero dei Trasporti, alle Regioni Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, all’Agenzia per la Mobilità Piemontese e a Trenitalia per "uscire dall'isolamento ferroviario"

Parco Carrà: via la parete di arrampicata per lasciare spazio ad un parco "Primosport 0-6"

Alessandria | Palazzo Rosso ha deciso: la parete d'arrampicata in disuso ormai dello "skate park" sarà rimossa e l'area già recintata sarà destinata a lavori per creare un parco "Primosport 0-6" per la cui realizzazione il Comune ha partecipato ad un bando e lo ha vinto. Lavori affidati ad una ditta di Mandrogne per quasi 24 mila euro

Manutenzione del verde pubblico gratuitamente dai migranti: polemica sull'assegnazione

Alessandria | Il consigliere d'opposizione Giorgio Abonante esprime perplessità sulla compatibilità fra la nomina nel cda dell'Ipab Borsalino di Anna Pagella, presidente di Social Domus, da poco assegnataria dell'affidamento Sprar per conto del Comune e sull'opportunità che Palazzo Rosso firmi un accordo per la cura del verde con il Consorzio Abc, che ha come responsabile una persona indagata per ipotesi di reato contro l'Inps

Palazzo Rosso: "Siamo nel Patto di Stabilità". Ma a piangere è la "cassa" negativa

Alessandria | Ultima variazione di bilancio per il 2018 presentata in commissione da dirigenti e dall'assessore Cinzia Lumiera. "Il monitoraggio del Patto di Stabilità è positivo": emergenza risolta, che deve però fare i conti con la negatività della "cassa" di Palazzo Rosso. "Non è perché ci sono più spese, ma perché coi nostri soldi stiamo pagando i debiti post dissesto e i fornitori in tempi congrui". Visto il momento "buono" si va a bussare a Roma alla Cassa Depositi e Prestiti per ottenere mutui...

Con il fallimento di Svial, "chi si accolla la proprietà dell'ex scuola di Casalbagliano?"

Alessandria | La presa d'atto dell'amministrazione comunale della sentenza di fallimento della società Svial ha lasciato aperto un altro problema, relativo ad uno degli immobili che erano in pancia alla società di cartolarizzazione: l'ex scuola di Casalbagliano che ha subito danni con il maltempo di novembre. A chi andrà ora la proprietà? Intanto a differenza di Valorial, Svial "pesa" meno sui conti di bilancio di palazzo Rosso...