Alessandria

Aral: impianto "stracolmo". La soluzione: "ricavare subito un piccolo spazio nella nuova vasca di Solero"

Il quadro che è emerso dall'incontro in Provincia è "drammatico": impianto di Castelceriolo stracolmo. Oltre a quello che era già stoccato, sembra che i rifiuti continuino a crescere. Tra le prime proposte per ovviare ad una nuova "emergenza rifiuti" c'è quella di realizzare una "vasca nella vasca", ovvero un piccolo spazio da poter utilizzare subito (entro un mese) nella settima vasca in costruzione alla discarica di Solero

 ALESSANDRIA - L'incontro ai piani alti di Palazzo Ghilini tra il neo presidente di Aral, Angelo Marengo, la Provincia e il Comune ha confermato il “quadro drammatico” dell'impianto di Aral a Castelceriolo e in generale della filiera dei rifiuti e del loro smaltimento, come era stato rilevato solo una settimana fa da una relazione di Arpa. Oggi la grande preoccupazione, anche alla luce dell'ordinanza della Provincia che consentiva di proseguire l'attività ma con una forte riduzione del volume di rifiuti stoccati, è nell'impianto di Aral, “stracolmo” di rifiuti, con cumuli di “fos” (frazione organica) dei comuni soci del nostro territorio “fin sopra i capelli”. Oltre cioè la presenza di alcuni cumuli di rifiuti che non si potevano non prendere e stoccare lì, come quelli di Amiu Genova, la domanda vista la continua crescita sembra essere: “come mai si stanno continuando ad accumulare i rifiuti? Qualcuno continua a portarli? (anche se non dovrebbe?)”.

Così prima di arrivare ad una nuova “emergenza rifiuti” il vertice in Provincia di ieri ha cercato di studiare alcune possibili soluzioni. Tra le proposte più favorevoli c'è quella che guarda a Solero, alla nuova vasca che si sta realizzando. “All'interno di quella creare subito, cioè entro un mese al massimo, una vasca nella vasca, cioè un piccolo spazio che possa essere subito utilizzato e riempito con il sovraccarico dell'impianto di Aral” ha spiegato l'assessore Paolo Borasio. Visto che per l'intera settima vasca bisognerà attendere almeno fino a fine anno o poco prima.

Ma non è tutto. Perché non basterebbe. Per la frazione organica presente in abbondanza, in questo mese, potrebbe essere utilizzata insieme all'argilla per fare un nuovo strato sopra ai rifiuti già presenti nella discarica di Mugarone. E infine si dovrà tornare a bussare alla porta di Srt, che sembra essersi detta disponibile per prenderne ancora un po' (di frazione secca come ha fatto per tutto questo tempo), ma che nel concreto dovrà trovare l'accordo sulle quantità e sulle “modalità” di conferimento (pagate?) in una riunione che si terrà la prossima settimana.

In attesa di soluzioni repentine per scongiurare l'emergenza, il primo passo sembra essere “un atto di forza importante del nuovo CdA di Aral nell'organizzazione e gestione dell'azienda e della filiera”. Per iniziare a sistemare qualche tassello....
6/10/2018







blog comments powered by Disqus


Licenziamento senza un motivo, che tipo di indennizzo?

Economia e Lavoro | Cosa può fare un lavoratore quando viene licenziato senza un motivo, ovvero in caso di licenziamento illegittimo? Quali passi fare per opporsi al licenziamento e soprattutto ha diritto a un indennizzo?

Idee-are: idee di ricerca e innovazione

Fondazione SociAL | Il contributo massimo erogabile per ogni idea di ricerca selezionata e che si svilupperà in un progetto, è di 70.000 euro oneri fiscali inclusi. La presentazione delle proposte avverrà in due fasi. Nella prima fase, con scadenza alle ore 12 del 31 gennaio 2019

Asse Alessandria-Asti contro i tagli di Rfi

Provincia | Il consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno per "il mantenimento dei servizi indispensabili per l'economia del territorio provinciale". Asti sarà alleata di Comune e Provincia per la battaglia per garantire i collegamenti del sud ovest della regione con le dorsali tirreniche e adriatiche

Anche il Gruppo Amag tra le aziende del primo report sostenibilità dei servizi pubblici

Provincia | Oltre 4 milioni di investimenti operativi, 100 mila clienti serviti e una diffusione territoriale capillare con 7 sportelli e 351 dipendenti. Questa la fotografia del bilancio ‘verde’ del Gruppo Amag

“Favorire i processi di inclusione – Istituti scolastici e collettività si confrontano”

Società | E' l'evento convegno di presentazione del progetto “InterAzioni in Piemonte – Azione 1 EducAzione” che si terrà lunedì 17 dicembre al Centro Congressi Alessandria. Un progetto finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 (FAMI), coordinato dalla Regione Piemonte e realizzato in collaborazione con gli istituti scolastici e 7 partner privati, tra cui ICS Onlus con l'obiettivo di adattare il sistema scolastico ad un contesto multiculturale