Alessandria

Asl, si riducono i tempi dei pagamenti. Ma Alessandria è tra le peggiori

Per la prima volta in tanti anni, la sanità piemontese riesce a pagare abbastanza puntualmente i propri fornitori. L'Asl di Alessandria rimane però tra le peggiori, con 30 giorni di ritardo medio. Pochi comunque rispetto ai 159 giorni di quattro anni fa. Tra le virtuose c'è invece l'azienda ospedaliera

ALESSANDRIA – Per la prima volta in tanti anni, la sanità piemontese riesce a pagare abbastanza puntualmente i propri fornitori, in qualche caso rispettando addirittura i tempi di scadenza delle fatture. E in effetti, dieci o venti giorni di ritardo sono un’inezia, se confrontati ai cento o duecento che si registravano nel 2014.

Se le Asl più virtuose sono quelle di Vercelli e Cuneo, che riescono a pagare i fornitori con un paio di giorni di anticipo rispetto alla scadenza delle fatture, Alessandria fa invece parte della parte bassa della classifica. In base agli ultimi dati disponibili, quelli relativi al primo trimestre del 2018 diffusi dall’assessorato regionale alla Sanità, l’Asl-Al paga infatti con 30 giorni di ritardo. Pochi rispetto ai 159 di quattro anni fa. Peggio fa solo l’ospedale Mauriziano di Torino, che impiega mediamente 32 giorni oltre la scadenza per pagare i fornitori.

L’azienda ospedaliera di Alessandria (che riunisce i due nosocomi del capoluogo, il Santi Antonio e Biagio e il Cesare Arrigo) paga con 8 giorni di ritardo, in media. Nel 2014, i giorni di ritardo erano in media 84.

«Si tratta di un risultato molto importante, oltre a essere uno degli obiettivi che ci eravamo fissati all’inizio della legislatura, quando abbiamo cominciato a lavorare per rimettere a posto i conti della sanità piemontese e per uscire dal piano di rientro», spiega l’assessore alla Sanità Antonio Saitta.

«Tutte le aziende sanitarie piemontesi, in questi anni, hanno compiuto grandi miglioramenti: nel 2014 in molti casi si arrivava a superare i 150 e persino i 200 giorni di ritardo e in passato, per far fronte agli impegni, le aziende avevano dovuto ricorrere ad anticipazioni di cassa per oltre un miliardo di euro con conseguente pagamento di interessi. Il rispetto dei tempi è dunque un vantaggio sia per i fornitori che per lo stesso sistema sanitario», dice Saitta.

La scadenza delle fatture – che nella sanità piemontese valgono circa 3,5 miliardi di euro annui – è fissata a 30, 60 o 90 giorni a seconda del tipo di contratto stipulato delle aziende sanitarie. Secondo i dati dei primi mesi dell’anno, tre aziende riescono a pagare prima della scadenza fissata, altre cinque aziende saldano puntuali o entro un massimo di 10 giorni e tutte le altre riescono a contenere il ritardo entro 20-30 giorni.

Se si guarda ai dati relativi all’anno 2014, al contrario, la quasi totalità delle aziende sanitarie piemontesi aveva un ritardo medio nei pagamenti superiore ai 50 giorni, con picchi negativi di oltre 200 giorni rispetto alle scadenze.
16/04/2018







blog comments powered by Disqus


Per i vent'anni del Festival Echos tre week-end di turismo e musica

Provincia | Si parte il 28 aprile al Sociale di Valenza, per poi toccare quindici comuni della provincia di Alessandria, in un tour turistico-musicale che coniuga grande musica, luoghi da scoprire e eccellenze enogastronomiche da gustare

Export, la Regione aiuta le piccole e medie imprese

Economia | Dodici milioni di euro per l'innovazione delle piccole e medie imprese piemontesi. Il bando scade il 24 aprile. Saranno "premiati" soprattutto i progetti rivolti all'export e alla partecipazione a fiere e mercati internazionali

Progetto 'Giovani e informati', due borse lavoro per i giovani della provincia

Provincia | Lo sportello nasce con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di integrazione nel tessuto sociale e di partecipazione attiva alla vita della comunità locale dei giovani

Corso per aspiranti assistenti volontari penitenziari

Csvaa Informa | Ad Alessandria con l’associazione Betel 5 incontri rivolti alla popolazione con l’obiettivo di aiutare a conoscere e comprendere meglio la realtà del sistema carcerario. Primo incontro 28 aprile

“L'acqua potabile conforme alle norme”. La difesa Solvay chiede l'assoluzione

Cronaca | Una difesa in punta di diritto, ma anche di sostanza, quella del pool degli avvocati di Solvay in Corte d'Assise d'Appello a Torino. “Non c'è la prova di un pericolo per la pubblica incolumità”