Alessandria

Asl, si riducono i tempi dei pagamenti. Ma Alessandria è tra le peggiori

Per la prima volta in tanti anni, la sanità piemontese riesce a pagare abbastanza puntualmente i propri fornitori. L'Asl di Alessandria rimane però tra le peggiori, con 30 giorni di ritardo medio. Pochi comunque rispetto ai 159 giorni di quattro anni fa. Tra le virtuose c'è invece l'azienda ospedaliera

ALESSANDRIA – Per la prima volta in tanti anni, la sanità piemontese riesce a pagare abbastanza puntualmente i propri fornitori, in qualche caso rispettando addirittura i tempi di scadenza delle fatture. E in effetti, dieci o venti giorni di ritardo sono un’inezia, se confrontati ai cento o duecento che si registravano nel 2014.

Se le Asl più virtuose sono quelle di Vercelli e Cuneo, che riescono a pagare i fornitori con un paio di giorni di anticipo rispetto alla scadenza delle fatture, Alessandria fa invece parte della parte bassa della classifica. In base agli ultimi dati disponibili, quelli relativi al primo trimestre del 2018 diffusi dall’assessorato regionale alla Sanità, l’Asl-Al paga infatti con 30 giorni di ritardo. Pochi rispetto ai 159 di quattro anni fa. Peggio fa solo l’ospedale Mauriziano di Torino, che impiega mediamente 32 giorni oltre la scadenza per pagare i fornitori.

L’azienda ospedaliera di Alessandria (che riunisce i due nosocomi del capoluogo, il Santi Antonio e Biagio e il Cesare Arrigo) paga con 8 giorni di ritardo, in media. Nel 2014, i giorni di ritardo erano in media 84.

«Si tratta di un risultato molto importante, oltre a essere uno degli obiettivi che ci eravamo fissati all’inizio della legislatura, quando abbiamo cominciato a lavorare per rimettere a posto i conti della sanità piemontese e per uscire dal piano di rientro», spiega l’assessore alla Sanità Antonio Saitta.

«Tutte le aziende sanitarie piemontesi, in questi anni, hanno compiuto grandi miglioramenti: nel 2014 in molti casi si arrivava a superare i 150 e persino i 200 giorni di ritardo e in passato, per far fronte agli impegni, le aziende avevano dovuto ricorrere ad anticipazioni di cassa per oltre un miliardo di euro con conseguente pagamento di interessi. Il rispetto dei tempi è dunque un vantaggio sia per i fornitori che per lo stesso sistema sanitario», dice Saitta.

La scadenza delle fatture – che nella sanità piemontese valgono circa 3,5 miliardi di euro annui – è fissata a 30, 60 o 90 giorni a seconda del tipo di contratto stipulato delle aziende sanitarie. Secondo i dati dei primi mesi dell’anno, tre aziende riescono a pagare prima della scadenza fissata, altre cinque aziende saldano puntuali o entro un massimo di 10 giorni e tutte le altre riescono a contenere il ritardo entro 20-30 giorni.

Se si guarda ai dati relativi all’anno 2014, al contrario, la quasi totalità delle aziende sanitarie piemontesi aveva un ritardo medio nei pagamenti superiore ai 50 giorni, con picchi negativi di oltre 200 giorni rispetto alle scadenze.
16/04/2018







blog comments powered by Disqus


Confische di beni mafiosi: Piemonte 'maglia nera' per riutilizzo sociale dei beni

Cronaca | Preoccupa il Rapporto elaborato da Libera Idee: servono 1.925 giorni per una riassegnazione. La percentuale di prticelle catastali destinate e riutilizzate si attesta intorno al 18%, ultimo posto in Italia per riutilizzo sociale dei beni

Circoli Pd, domenica il 'grosso' del voto. Alessandria sceglie Giachetti

Politica | Gli aventi diritto sono i tesserati ai quali verrà chiesto di scegliere una tra le sei mozioni presentate da altrettanti aspiranti alla segreteria nazionale: Zingaretti, Giachetti, Martina, Corallo,Boccia e Saladino. Il governatore del  Lazio sarà ad  Alessandria mercoledì 23 gennaio

A teatro la vita è una metafora dell'America's Cup

Castelnuovo Scrivia | Due serate di teatro: nel Piccolo Teatro Enzo Buarné sarà ospite la compagnia alessandrina Gli Illegali con lo spettacolo "Altro che America's Cup" di Massimo Brioschi, per la regia di Luigi Di Carluccio. Un'avventura che sembra un gioco ma in cui i dibattiti fondamentali che riguardano la nostra vita vengono alla luce

Ordigno nel Po: domenica 20 la disattivazione

Cronaca | Interverranno gli artificieri dell'Esercito. Confermata la necessità di evacuare una zona di 600/700 metri intorno ai luoghi di rinvenimento e di disattivazione e di ordinare il riparo al chiuso e il divieto di accesso e circolazione in un’ulteriore zona compresa entro il raggio di 1.800 metri

Lu e Cuccaro Monferrato, ora il Comune unico è una realtà

Provincia | La Regione ha approvato il dl per la fusione dei due Comuni. I consigli comunali dei due paesi termineranno la loro attività il 31 gennaio. I sindaci oggi in carica supporteranno il commissario prefettizio fino alle elezioni di maggio 2019