Provincia

Coldiretti: “pioggia e neve sono una manna dopo la siccità”

Quello che si è concluso è stato l’anno più secco dal 1800 con effetti drammatici l'acqua che cade importante per ripristinare le scorte idriche nei terreni, nei laghi e nei fiumi

PROVINCIA - La caduta della pioggia e della neve in alcune zone è manna per ripristinare le riserve idriche dopo un 2017 in cui è caduta quasi un terzo di acqua in meno della media che ha provocato la più grave siccità da 217 anni con drammatici effetti sull’agricoltura ma anche rischi per gli usi civili ed industriali. È quanto afferma Coldiretti Alessandria in riferimento all’ondata di maltempo di queste ore e delle previsioni per i prossimi giorni.

“L’arrivo della pioggia e della neve dopo un anno particolarmente asciutto – sottolinea il presidente provinciale Coldiretti Alessandria Roberto Paravidino – è importante per ripristinare le scorte idriche nei terreni, nelle montagne, negli invasi, nei laghi e nei fiumi”. Nel Nord Italia è caduto l’11% di pioggia e neve in più rispetto alla media dopo che i mesi precedenti erano stati segnati da un lungo periodo di siccità che ha ridotto al minimo le scorte di acqua. Il bilancio del 2017 resta tuttavia fortemente negativo con un deficit idrico del 26% e per questo la caduta della pioggia e della neve è manna per ripristinare le riserve idriche nelle montagne e scongiurare drammatici effetti sull’agricoltura ma anche rischi per gli usi civili ed industriali.
9/01/2018







blog comments powered by Disqus


Ospedali, nessuna chiusura in vista. Ma in tanti vanno a farsi curare fuori

Alessandria | Smentita dall'assessore alla Sanità l'ipotesi di chiudere gli ospedali di Novi, Ovada, Acqui, Tortona e Casale per costruire un nuovo nosocomio provinciale. Ma aumentano gli alessandrini che decidono di farsi curare fuori regione

Solvay e Ausimont, pene ridotte in appello per disastro ambientale

Cronaca | La corte d'Assise d'Appello ha ridotto ad 1 anno e 8 mesi le pene per tre dei manager di Solvay ed Ausimont per disastro ambientale colposo. Assolti gli altri cinque imputati. Solvay annuncia il ricorso il Cassazione. In primo grado la condanna era stata di 2 anni e mezzo

Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

Operazione Triangolo, le prime testimonianze sull'inchiesta rifiuti

Cronaca | Diciannove indagati, tra i quali nomi noti dell'imprenditoria alessandrina nel settore delle cave e della lavorazione rifiuti. Un centinaio i testimoni che saranno chiamati a rendere deposizioni davanti al giudice del tribunale di Alessandria. In aula, ieri, i primi tre testimoni: funzionari e dipendenti della Provincia che hanno effettuato sopralluoghi nei siti oggetto di indagine