Alessandria

Dopo acqua e gas Amag punta all'illuminazione pubblica

Investimenti per 50 milioni di euro e la nuova sfida: gestire i lampioni delle città. Paolo Arrobbio, presidente Amag da un paio di mesi, non teme la concorrenza aggressiva, ma sta già prendendo le sue contromisure per non perdere (troppe) quote del mercato gas

 ALESSANDRIA - Da banchiere non poteva che prendere subito in mano le cartelle con i bilanci, la redditività e l'organizzazione interna, per confermare (per pimo a se stesso) che Amag è un'azienda con tutte le carte in regola per competere sul mercato territoriale. 

Da soli due mesi alla presidenza di Amag, Paolo Arrobbio ha già le idee chiare sui passi da fare per quando anche il gas finirà sul libero mercato. 

Dal primo gennaio 2019 anche il gas sarà infatti su libero mercato, Amag ne è praticamente il monopolista ad Alessandria: va da sè una fisiologica redistribuzione degli utenti ed una aggressione da parte degli altri operatori energetici.

"È proprio il momento di fare il salto di qualità per non rimanere schiacciati".

Per spiccare ci vogliono investimenti. Nonostante le banche – detto da un esperto del settore – in questo momento storico siano molto caute a finanziare somme ingenti, Arrobbio - casalese di 64 anni, una vita passata alla Banca Popolare di Novara, ora Gruppo BPM - punta nel potenziamento della rete idrica e del gas. “Cifre importanti, parliamo di 40/50 milioni per avere una delle reti migliori in Italia”.

Sempre nell’ottica di una crescita globale di Amag, Arrobbio sta pensando di migliorare non solo le reti con i tubi, ma anche quella delle vendite e del marketing. “La struttura commerciale dev’essere più presente, sia per le aziende, sia per i privati”.

La nuova strategia aziendale è però un’altra: “Ci apriremo ad altri servizi, per prima l’illuminazione pubblica. Enel Sole ha la convenzione in scadenza di una parte dei 14 mila punti luce del comune di Alessandria. “Ci candidaiamo sia per la manutenzione sia per l’erogazione. Il sogno è quello di estendere questo nuovo servizio anche agli altri Comuni della Provincia”.

Per rimanere nel cuore e nelle case degli alessandrini Amag continuerà ad investire molto sul territorio, soprattutto nella promozione turistica, nella cultura e nello sport dilettantistico, mondo in cui è difficile trovare sponsor. "È una scelta doverosa che paga sul ritorno di immagine".
 

 
8/10/2018







blog comments powered by Disqus


Autovelox di nuova generazione sulle strade provinciali

Provincia | Stanno per essere installati ventidue nuovi autovelox sulle strade della provincia di Alessandria. Non si tratta di nuove postazioni, precisano dagli uffici di palazzo Ghilini, bensì della sostituzione di quelli già esistenti. Saranno più efficienti e tecnologicamente avanzati

Anche una "maman" alessandrina coinvolta nella tratta delle schiave del sesso

Cronaca | Abita ad Alessandria una delle persone coinvolte in un vasta operazione condotta dai carabinieri di Carbonia, in Sardegna, denominata “Arruga” che ha portato all'arresto di 6 persone per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti a minorenni, associazione a delinquere, sfruttamento e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione e detenzione di banconote contraffatte

Tentata rapina a Vignole, due arresti

Cronaca | Sono stati arrestati venerdì due uomini che venerdì avevano tentato di rapinare la filiale della banca a Vignole. Erano tenuti sott'occhio da diversi giorni da agenti in borghese delle questure di Venezia e Alessandria. A Venezia erano riusciti a mettere a segno un colpo da 80 mila euro

Emanuela Martini: il Torino Film Festival tra passato e futuro del cinema

Cinema | L'intervista alla direttrice: “ Il TFF va a scoprire nuovi talenti e a riscoprire pezzi della storia del cinema, e credo che questo sia fondamentale”

Accusato di tentato omicidio, la procura chiede 13 anni di carcere

Cronaca | La procura ha chiesto la pena di 13 anni di reclusione per il serravallese accusato di tentato omicidio per la sparatoria avvenuta lo scorso aprile a Novi, in via Rattazzi in cui era rimasto ferito un uomo di origine albanese. I due si erano conosciuti in carcere. Per la difesa si tratta invece di lesioni aggravate