Provincia

Elezioni, presentato ai candidati il manifesto politico di Coldiretti Alessandria

Conclusi sul territorio gli incontri con gli esponenti politici. Dalle proposte a costo zero all’impegno contro gli accordi di libero scambio: hanno firmato e sottoscritto il documento Forza Italia, Lega Nord e PD mentre Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali hanno optato per una riflessione

PROVINCIA - Si sono conclusi sul territorio provinciale gli incontri con i candidati alle prossime elezioni. Ai rappresentanti dei maggiori schieramenti politici - Forza Italia, Lega Nord, Liberi e Uguali, Movimento 5 Stelle, PD - sono state presentate le “cinque proposte a costo zero per i primi cento giorni di governo” contenute nel manifesto politico di Coldiretti. 

Il manifesto, presentato singolarmente a ciascuno schieramento politico, indica le prime cinque misure che il prossimo Governo può mettere in atto per riequilibrare la filiera agroalimentare. Al primo posto l’etichettatura obbligatoria per tutti i prodotti agroalimentari. A seguire, la richiesta di istituire il ministero del cibo che accorpi risorse e funzioni del Mipaaf e quelle del Ministero per lo sviluppo economico relative all’agroalimentare. Il terzo punto la richiesta di semplificazione normativa e burocratica, il quarto punto è relativo al segreto di Stato sulle importazioni, che Coldiretti vorrebbe superato al fine di conoscere esiti di ispezioni e controlli, flussi commerciali internazionali e le loro destinazioni al mercato interno, quindi, e, infine, quella di una legge sui reati agroalimentari che sanzioni in maniera efficace frodi, contraffazioni e contrasti le infiltrazioni malavitose.  

Punti di interesse generale per tutta la società, non solo per il settore primario e quindi alla portata trasversale di tutti i candidati e partiti che stanno affrontando la campagna elettorale. Portare avanti un impegno comune: è questo, infatti, il proposito della richiesta di sottoscrizione del manifesto politico di Coldiretti, una firma che vale un impegno sostanziale nella direzione del rafforzamento della sovranità alimentare dell’Italia in Europa e nel mondo. “I candidati hanno dimostrato grande disponibilità, ma soprattutto condivisione delle battaglie che Coldiretti sta portando avanti da anni. – ha affermato il presidente provinciale Roberto Paravidino - Nonostante le loro diverse posizioni politiche, Coldiretti è riuscita a far convergere i candidati sui temi del futuro: cibo, agricoltura, trasparenza, ambiente, territorio”. Non solo l’impegno a sottoscrivere l'impegno a favore delle cinque proposte, ma anche contro la ratifica del CETA e di altri analoghi accordi commerciali. In particolare sulla vicenda degli accordi internazionali è stato chiesto ai candidati l’impegno a sostenere la riapertura dei negoziati per più attente valutazioni sugli impatti economici, sociali e ambientali. Una firma che non rappresenta un atto propagandistico elettorale, ma l'affermazione di un convincimento sentito verso il mondo agricolo, che nei fatti le diverse posizioni politiche hanno sempre sostenuto. L'attenzione e la sensibilità verso questi i temi rappresentano la base per far crescere l’Italia, per favorire la costruzione del bene comune, la conferma che stiamo lavorando insieme nella giusta direzione. 

Hanno firmato e sottoscritto l’accordo Forza Italia, Lega Nord e PD mentre Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali hanno optato per una riflessione. Coldiretti Alessandria augura un buon lavoro ai candidati che riusciranno a conquistare il ruolo di parlamentare, auspicando venga sempre garantita la giusta attenzione all’agricoltura, fondamento dell’economia italiana.
3/03/2018







blog comments powered by Disqus


Il Tribunale di Alessandria in cerca di nuovi spazi

Alessandria | Una delegazione del Consiglio superiore della magistratura, guidata da Renato Balduzzi, membro del Consiglio, è stata in visita al tribunale di Alessandria. Evidenziate le criticità della struttura alessandrina: “la situazione è sotto gli occhi di tutti, occorrono interventi di manutenzione straordinaria, gli spazi non sono sufficienti”. Si valutano due opzioni: ampliamento del palazzo o trasferimento alla Valfrè

Impianto trattamento fanghi: "il progetto così non va bene". Comitato 3a e Comuni: "primo punto messo a segno"

Alessandria | Nella Conferenza dei Servizi la Provincia ha riscontrato carenze e incompletezza nel progetto per l'impianto di trattamento fanghi che dovrebbe sorgere a Carentino. Criticità che da mesi sottolineano il Comitato 3a e i sindaci di tutti i Comuni di quel territorio. Dalla Provincia l'invito "a ritirare il progetto" o "ripresentarne un altro, ma ex novo". Per tutti i sostenitori del "no fanghi" un primo punto messo a segno

Ultimo weekend rovente. Da martedì si abbassano le temperature

Meteo | Ultimo weekend con temperature sopra la media stagionale. Dal lunedì e soprattutto nella giornata di martedì l'arrivo del vento di grecale si farà sentire, con un "cambio di passo stagionale"

In Provincia "La Casa dei Comuni"

Provincia | Parte il progetto “Creiamo un Linguaggio in Comune” – Un dialogo in comune per condividere esperienze, migliorare i servizi, rendere più autonomi gli enti locali, progettare insieme il nostro territorio

A proposito di zanzare, tre domande all'assessore regionale

Provincia | Il vicepresidente della Provincia di Alessandria, Federico Riboldi, torna sulla questione zanzare e pone tre domande aperte all'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta