Serravalle Scrivia

Il Giro dell'Appennino ritrova il passo della Bocchetta

La 79esima edizione della corsa ritorna sulla salita-simbolo che segna il confine tra alessandrino e genovese. Quasi duecento i chilometri da percorrere, con uno strappo a Fraconalto che potrebbe fare selezione. Ritrovo all'Outlet di Serravalle, partenza davanti allo stabilimento Novi Elah Dufour. Tutti gli orari dei passaggi

SERRAVALLE SCRIVIA – Il Giro dell’Appennino ritorna a casa e farà felici gli appassionati di ciclismo con il mitico transito al passo della Bocchetta. Il Giro dell’Appennino, giunto alla 79esima edizione, domenica 22 aprile regalerà ai tifosi l’accoppiata tra la storica salita e lo straordinario arrivo in via XX Settembre a Genova dopo quasi 200 chilometri di corsa.

Il ritrovo per la partenza sarà a Serravalle Scrivia, davanti all’Outlet, mentre il via ufficiale sarà dato davanti allo stabilimento della Novi Elah Dufour, sponsor ormai storico del Giro dell’Appennino. Una corsa che, come ricorda Ivano Carrozzino, presidente della società organizzatrice Pontedecimo Ciclismo «si svolge ininterrottamente dal 1934 e detiene il record ligure di longevità per manifestazioni sportive professionistiche con ricorrenza annuale».

Come auspicato da molti appassionati di ciclismo ritornerà la Bocchetta e sarà affrontata dal versante di Campomorone, dove Gilberto Simoni nel 2003 stabilì il suo record di 21’ e 54” tuttora imbattuto. Bocchetta che, insieme alle altre tradizionali salite, assegnerà punti decisivi per la classifica del Gran Premio della Montagna quest’anno dedicato alla memoria di Michele Scarponi (investito e ucciso l’anno scorso), che fu secondo sulla Bocchetta e sulla Castagnola, primo sui Giovi e sesto all’arrivo del Giro dell’Appennino del 2012.

Saranno sette i Gran Premi della Montagna, così come i traguardi volanti. E spettacolo nello spettacolo al secondo passaggio la salita della Castagnola sarà allungata fino allo scollinamento di Fraconalto: un ulteriore inasprimento che potrebbe risultare decisivo per l’esito della gara.

La cronotabella prevede il ritrovo all’Outlet alle 11.00 e la partenza effettiva davanti allo stabilimento Novi Elah Dufour alle 11.15. Passaggio a Novi in via Pietro Isola alle 11.19 e a Bosco Marengo tra le 11.35 e le 11.37. Dopo il transito a Casalcermelli, passaggio a Predosa (11.54-11.59), poi a Capriata d’Orba (11.57-12.01), Basaluzzo (12.01-12.05), di nuovo Novi (viale Romita, 12.08-12.13), Pasturana (12.12-12.18), Francavilla Bisio (12.16-12.23), Gavi (12.29-12.37), Carrosio (12.36-12.44), Voltaggio (12.43-12.52) e passo della Castagnola (12.49-12.59). Poi la carovana si trasferirà in provincia di Genova e ritornerà nell’alessandrino con il transito al passo della Bocchetta (14.26-14.46), Voltaggio (14.40-15.01) e Fraconalto (14.48-15.09). Da qui poi discesa finale verso il traguardo fissato nella centralissima via XX Settembre a Genova.
16/04/2018







blog comments powered by Disqus


In Provincia "La Casa dei Comuni"

Provincia | Parte il progetto “Creiamo un Linguaggio in Comune” – Un dialogo in comune per condividere esperienze, migliorare i servizi, rendere più autonomi gli enti locali, progettare insieme il nostro territorio

A proposito di zanzare, tre domande all'assessore regionale

Provincia | Il vicepresidente della Provincia di Alessandria, Federico Riboldi, torna sulla questione zanzare e pone tre domande aperte all'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta

Lavori ammessi per il Bonus verde

Provincia | Il Bonus verde, ovvero l’agevolazione riconosciuta per la “sistemazione a verde” di aree scoperte, prevede, per l’anno di imposta 2018, la possibilità di detrarre dall’imposta lorda Irpef un importo pari al 36% delle spese documentate, fino a un ammontare complessivo non superiore a 5.000,00 euro per unità immobiliare a uso abitativo

Impianto trattamento fanghi: "il progetto così non va bene". Comitato 3a e Comuni: "primo punto messo a segno"

Alessandria | Nella Conferenza dei Servizi la Provincia ha riscontrato carenze e incompletezza nel progetto per l'impianto di trattamento fanghi che dovrebbe sorgere a Carentino. Criticità che da mesi sottolineano il Comitato 3a e i sindaci di tutti i Comuni di quel territorio. Dalla Provincia l'invito "a ritirare il progetto" o "ripresentarne un altro, ma ex novo". Per tutti i sostenitori del "no fanghi" un primo punto messo a segno

“Sul Terzo Valico silenzio surreale in Provincia”

Lavoro | La Cgil vuole riaprire il dibattito su infrastrutture e Terzo Valico. Il segretario nazionale di categoria domani sui cantieri con la segreteria nazionale. “Aziende appaltatrici in difficoltà? Si proceda con i subentri”. "Gli investimenti sulle infrastrutture non sono alternativi alle manutenzioni. Vanno fatti entrambi"