Provincia

Le spese per trasporto pubblico sono detraibili?

Dal 1° gennaio 2018, è stato attivato il Bonus trasporti 2018 (o Bonus autobus 2018 o Bonus treni 2018) che è una detrazione fiscale per l’acquisto dell’abbonamento dei mezzi pubblici...

PROVINCIA - Con la Legge di Bilancio 2018 è stata introdotta un’importante misura per incentivare l’uso dei mezzi di trasporto pubblico da parte dei contribuenti che scelgono di utilizzare il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale al posto dei mezzi privati. Infatti dal 1 gennaio 2018, è stato attivato il Bonus trasporti 2018 (o Bonus autobus 2018 o Bonus treni 2018) che è una detrazione fiscale per l’acquisto dell’abbonamento dei mezzi pubblici (treno, bus, metro, tram etc) e la piena deducibilità dell’acquisto di titoli di viaggio da parte del datore di lavoro per i propri lavoratori subordinati. 

La detrazione della spesa sostenuta per l’abbonamento di bus, metro o treni riguarda sia le spese sostenute direttamente dal contribuente che quelle affrontate per conto dei familiari fiscalmente a carico. La percentuale di detraibilità è fissata al 19% ed entro il limite di 250 euro di spesa all’anno per ciascun abbonamento. Facciamo un esempio: se in una famiglia di 4 persone, si acquistano 4 abbonamenti, due per i figli e due per i genitori, la famiglia potrà detrarre dalle tasse il 19% di ciascun abbonamento, naturalmente l’importo massimo di spesa per ciascuna persona sarà 250,00 euro. Lo sconto verrà riconosciuto in detrazione fiscale IRPEF sulle imposte dovute e dovrà quindi essere richiesto in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi 2019, per il periodo di imposta 2018. Importante: al fine di usufruire della detrazione bisognerà conservare la ricevuta di pagamento solo così si potrà indicare la spesa sostenuta. 

Una ulteriore novità riguarda i datori di lavoro che, sempre dal 1 gennaio 2018, possono portare in deduzione totale le spese sostenute per il rimborso dei titoli di viaggio dei propri lavoratori dipendenti. Le spese sostenute dalle aziende per il rimborso dei titoli di viaggio acquistati dai lavoratori e dai loro familiari non concorreranno alla formazione del reddito da lavoro dipendente. Rientrano nell’agevolazione in esame anche le somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti dal datore di lavoro o le spese da quest’ultimo direttamente sostenute, volontariamente e/o in conformità a disposizioni di contratto, di accordo o di regolamento aziendale per l’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale del dipendente e dei familiari che si trovano fiscalmente a carico, non concorrono a formare reddito.


Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni: 

Sede Provinciale di ALESSANDRIA  
Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria
Tel. 0131/25.10.91

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO
Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato 
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di TORTONA 
Via Emilia 244 -15057 Tortona 
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di NOVI LIGURE 
Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure 
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di VALENZA 
c/o Comunità Parrocchiale 
Via Pellizari 1 -15048 Valenza 
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di ACQUI TERME 
Via Nizza 60/B - 15011 Acqui Terme 
Tel. 349.97.54.687

 

 


10/02/2018







blog comments powered by Disqus


Gig Economy: un "lavoretto" da 800 euro all'anno...e senza tutele

Economia e Lavoro | La ricerca sulla provincia di Alessandria realizzata dalla Uil e dall'Università del Piemonte Orientale, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha fatto emergere un “fenomeno in espansione, che fa riferimento soprattutto alla fascia di età 19-34, con un titolo di studio di media superiore o inferiore, ma che non da alcuna garanzia o tutela e che è mal retribuito con una media di poco più di 5 euro all'ora”. Un incentivo al lavoro sommerso, se non si “norma”

Vendeva cannoli dicendo che erano di una nota pasticceria, negoziante in tribunale

Cronaca | Nel negozio di Litta Parodi aveva affisso un cartello in cui annunciava la vendita di pasticceria fresca della pasticceria Zoccola di Alessandria. Ora è a giudizio per frode in commercio

Muore in un incidente stradale Roberto Maestri del Circolo Marchesi del Monferrato

Cronaca | Era di ritorno da un impegno di lavoro nel mantovano, ma in provincia di Cremona è rimasto vittima di un incidente stradale. Maestri aveva contribuito a mantenere viva la storia e il folklore del Monferrato

Lo Straniero racconta il suo 'Quartiere italiano': la band acquese al secondo album

Musica | Scritto e realizzato nell'arco di due anni 'Quartiere italiano' presenta una serie di episodi autoconclusivi per un racconto intrecciato che man mano diventa un fuori orario animato dai volti che abitano le nostre città

Fondi regionali per assistenza anziani, secondo il M5S anche l'AslAL sotto i parametri previsti

Provincia | La denuncia del consigliere regionale Davide Bono: "Per l'assistenza agli anziani ricoverati nelle Rsa 40 milioni inutilizzati". Tra le Asl che non rispettano i parametri che quella alessandrina