Fubine Monferrato

Mi - Mate Monferrato Infernot Music Art Taste Experience

Venerdì 15 settembre un evento per valorizzare il tesoro del Monferrato e degli infernot: street food e vini locali, esposizione di artisti, jazz session e live instant painting and modeling

FUBINE MONFERRATO – Si terrà venerdì 15 settembre Mi – Mate Monferrato Infernot Music Art Taste Experience. L'appuntamento è in piazza Colombo e nell’Infernot attiguo alla piazza dalle 18 fino a mezzanotte. Per la prima volta il centro del paese e il Belvedere diventano il teatro di un evento unico che valorizza il buono e il bello del Monferrato. Fubine Monferrato è un piccolo paese con un meraviglioso centro storico che rientra nella componente 6 “Il Monferrato e gli Infernot” dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, patrimonio Unesco.

Gli infernot sono delle strutture che risalgono al '700-'800 e sono strutture tipiche del basso Piemonte e del Monferrato, solitamente venivano costruite dai contadini durante l’inverno e venivano utilizzate per la conservazione del vino. Alcuni infernot, quelli più grandi che appartenevano ad esempio ai preti o ai signori possidenti, avevano una cella ghiacciaia che permetteva di conservare anche alcuni alimenti. Le strutture sono di due tipologie, pietra dura o materiale simile all’arenaria, sono costruite sotto il livello della cantina per mantenere una temperatura costante di 12-14 gradi e sono composte da cunicoli, nicchie e talvolta da celle ghiacciaie.

Mi – Mate vuole valorizzare Il Monferrato e il tesoro degli Infernot (in questa serata sarà visibile quello del 1746 attiguo al Comune, uno dei più antichi di Fubine e l’unico dotato di un’antica ghiacciaia), la bellezza del paesaggio e del Belvedere di Fubine Monferrato con l’arte, la musica e il gusto del Monferrato. L’evento inizia alle 18 e termina a mezzanotte. Piazza Colombo verrà allestita ed ospiterà lo street food curato interamente da Rovida Signorelli e i vini d’eccellenza dei produttori locali. A partire dalle 21 gruppi di persone saranno accompagnati all’interno dell’Infernot e nelle cantine attigue per ascoltare la storia degli infernot ammirando le opere d’arte degli artisti che saranno esposte in questa particolare occasione.

Inoltre all’interno delle cantine ci sarà una jazz session di Giorgio Penotti e Stefano Solani che ispireranno la live instant painting and modeling di Davide Minetti e Giovanni Bonardi.

L’idea e l’organizzazione del format artistico e culturale è frutto della collaborazione tra At Media s.r.l. e l’Associazione Monferrato 2020 e l’organizzazione degli allestimenti e lo street food sono curati interamente da Davide Valsecchi con la collaborazione d’autore di Rovida Signorelli.
13/09/2017







blog comments powered by Disqus


I No Tav: "Giù le mani dalla Benedicta"

Bosio | Mentre il commissario di governo per il Terzo Valico Iolanda Romano organizza la ciclocamminata nelle terre interessate all'opera, i No Tav rispondono con la manifestazione "Giù le mani dalla Benedicta" il 1° ottobre

Mesotelioma: pazienti di Casale oggetto di uno studio dell'Università del Piemonte Orientale

Università | Uno studio pubblicato sulla rivista Cancer Letters sul mesotelioma maligno della pleura (Mmp), che ha coinvolto docenti e ricercatori dell'Università del Piemonte Orientale ha evidenziato che il 10% dei pazienti con mesotelioma di questo tipo è portatore di fattori di rischio genetici ereditati di cui è già noto il ruolo determinante nello sviluppo di altri tumori, come i tumori mammario e ovarico

Un concorso fotografico per la 'riscoperta' del Monferrato

Occimiano | C'è tempo per partecipare fino al 30/09 alle 12 al 3° Concorso fotografico “Come eravamo, come siamo, come saremo” di Occimiano

Ato6 ha bisogno di un'etichetta: concorso per le scuole primarie alessandrine

Provincia | L'ente per il controllo del Servizio Idrico Integrato promuove per l’anno scolastico 2017/2018 il concorso ‘Mi disegni l’etichetta?’ per le classi quarte delle scuole primarie presenti nei Comuni del territorio di competenza dell’ATO6

Prigionieri di chi e di cosa

Opinioni | Come si può ragionevolmente sostenere che in Alessandria o in altre città italiane si viva “prigionieri a casa nostra”? Come si può essere così accecati dalle proprie paure e dai propri pregiudizi per arrivare a inventare una realtà che non esiste, non è mai esistita e nemmeno mi sembra in procinto di esistere?