Cronaca

Morì sul furgone a Gavi, in quattro condannati per omicidio colposo

Sono stati condannati a sei mesi di reclusione, con la condizionale, quattro gaviesi, per la morte del turista inglese trovato senza vita nel suo furgone. L'accusa iniziale era di omissione di soccorso e abbandono di incapace. Il giudice ha riconosciuto l'omicidio colposo. Il fratello della vittima: "questa non è giustizia"

CRONACA - Sei mesi ciascuno di condanna, con la condizionale, non per abbandono di incapace e omissione di soccorso, bensì per omicidio colposo dell'inglese Lee Turner Scott (nella foto), morto nella notte del 17 febbraio 2017 nel furgone posteggiato nell'area dell'ex cava. La sentenza per i quattro giovani di Gavi, che hanno patteggiato, è arrivata ieri mattina, davanti al tribunale di Alessandria. A chiedere la riqualificazione del reato per Paolo Barbieri, 24 anni, Francesco Carpaneto, 24 anni, Stefano Rabbia, 33, Davide Zunino, 23, è stato lo stesso pubblico ministero, Giovanni Gasparini.
Cosa accadde quella fredda notte, a Gavi, è stato ricostruito in aula, attraverso le indagini dei carabinieri e le immagini riprese da una videocamera che lo stesso Scott, esperto di sistemi elettronici, aveva installato. Appassionato di enogastronomia e natura, trovandosi a Milano per motivi di lavoro, il 46enne aveva fatto tappa a Gavi. In uno dei bar del paese aveva conosciuto i quei giovani. Scott aveva un carattere aperto e gioviale, e fece subito amicizia con i quattro, tanto che la sera del 18 febbraio viene invitato a cena a casa di uno di loro. Mangiano e bevono, parecchio, in compagnia. A fine serata i quattro riportano il turista inglese nel furgone parcheggiato nel piazzale adibito a posteggio bus, che Scott utilizzava come camper. E' ubriaco e fatica a reggersi in piedi, ma i giovani lo lasciano ugualmente da solo. Il referto parla di morte “per intossicazione acuta in concorso con ipotermia”. Forse, ubriaco, non era riuscito ad attivare il riscaldamento o magari neppure a coprirsi. E il freddo non gli ha lasciato scampo. Gli stessi giovani, il mattino successivo, erano andati ad accertarsi delle sue condizione, ma non ottennero risposta. 
Inizialmente l'ipotesi di reato è omissione di soccorso e abbandono di incapace. In sede di udienza preliminare il pubblico ministero ha proposto la riqualificazione del reato in omicidio colposo. Sei mesi è la pena inflitta dal giudice. In aula era presente anche il fratello di Scott, Craig, che si è costituito parte civile con l'avvocato Vittorio Gatti. Al temine dell'udienza Craig è, soprattutto,amareggiato. “Nessuno mi ha chiesto scusa, nessuno mi ha dato una spiegazione, nessun risarcimento. Questo è uno scherzo, non è giustizia”. Solo uno dei quattro si sarebbe avvicinato per stringergli la mano, insegno di pace. Troppo tardi e troppo poco, per la famiglia di Scott che sembra intenzionata ad avviare un procedimento in sede civile per ottenere il risarcimento dei danni.
Il 46enne ha lasciato due fratelli e l'anziano padre, di cui si prendeva cura. Ora le sue ceneri riposano a fianco di quelle della madre, al cimitero di Birmingham.
17/03/2018







blog comments powered by Disqus


Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica

Eccellenza della ricerca può significare sviluppo territoriale?

Provincia | “Sanità, ambiente e ricerca scientifica”, cosa è stato fatto e cosa resta da fare. Sono i temi che saranno affrontati in un convegno organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, in collaborazione con l’Associazione Cultura e Sviluppo, Lamoro Agenzia di sviluppo del territorio e la Fondazione SolidAL Onlus, mercoledì 24 ottobre nella sala Conferenze Palatium Vetus in Piazza della Libertà, ad Alessandria

'IoLavoro' torna ad Alessandria: da mercoledì 17 aperte le iscrizioni on line

Economia e Lavoro | Giunta alla 22° edizione a Torino e con 20 edizioni locali in diversi territori piemontesi, IOLAVORO può definirsi la più grande job fair italiana

Otto anni di reclusione al padre che abusò del figlioletto

Cronaca | Il 32enne di Ovada è stato condannato in abbreviato per violenza sessuale nei confronti del figlio di 5 anni alla pena di otto anni. Era stato arrestato dopo che le telecamere nascoste avevano filmato l'abuso durante un incontro assistito

Geometri e ragionieri di nuovo insieme. E poi c'è il liceo per ballerini

Provincia | Il Vinci si accorpa con Nervi/Fermi, il Saluzzo/Plana avrà il Liceo Coreutico. Sono alcune delle novità del piano scolastico approvato dalla Provincia, che prevede il corso di logistica e l'artistico-multimediale a Casale