Cronaca

Solvay e Ausimont, pene ridotte in appello per disastro ambientale

La corte d'Assise d'Appello ha ridotto ad 1 anno e 8 mesi le pene per tre dei manager di Solvay ed Ausimont per disastro ambientale colposo. Assolti gli altri cinque imputati. Solvay annuncia il ricorso in Cassazione. In primo grado la condanna era stata di 2 anni e mezzo

CRONACA - Ridotte ad 1 anno e 8 mesi le pene nei confronti di Giorgio Canti, Giorgio Carimati e Luigi Guarracino, manager Solvay ed Aumont, per il reato di disastro ambientale colposo. Assolto per prescrizione Francesco Boncoraglio; assolti Bernard Delaguiche, Pierre Jaques Joris e Giulio Tommasi.
E' quanto disposto dalla Corte d'Assise d'Appello che oggi, a palazzo di Giustizia di Torino, ha letto la sentenza a seguito dell'appello presentato sia dal pubblico ministero che dalle difese.
In primo grado erano stati condannati per disastro ambientale colposo a due anni e mezzo Francesco Boncoraglio, responsabile della funzione ambiente dello stabilimento; Luigi Guarracino, direttore di stabilimento di Spinetta fino all'ingresso dell'attuale direttore Stefano Bigini; Giorgio Carimati, responsabile tecnico ambiente e sicurezza per il gruppo Solvay; e Giorgio Canti, dirigente Ausimt, poi Solvay. Furono invece assolti gli amministratori delle società che si sono succedute alla guida del polo chimico di Spinetta, prima Ausimnt poi Solvay Carlo Cogliati, Bernardo Delaguiche e Pierre Jacques Joris. Scattò la prescrizione per Giulio Tommasi.
Ieri la corte d'Appello di Torino ha ridotto le pene per tre manager ed assolto gli altri cinque imputati. La riduzione ad 1 anno e 8 mesi è accompagnata dalla sospensione della pena e la non menzione.

La richiesta della procura generale, che aveva terminato l'istruttoria a Torino al posto del pubblico ministero Riccardo Ghio, nel frattempo trasferito, era di 17 anni per Cogliati, Delaguiche e Joris, 16 per Carimati, 15 per Boncoraglio, Guarracino e Canti. Richiesta supportata dai legali di parte civile Spallasso, Lanzavecchia, Pianezza, Giordano, Mara, Mario e Gianluca Violante, Martinelli.

Si chiude così (salvo ulteriori ricorsi in Cassazione, peraltro già annunciati dalla difesa dei manager Solvay), a distanza di dieci anni dalla cosiddetta “emergenza cromo” la pagina giudiziaria iniziata con l'inchiesta avviata dalla procura di Alessandria dopo che nelle falde della Fraschetta venne alla luce la presenza di una ventina di sostanze nocive, tra cui il cromo esavalente.
La tesi accusatoria era volta a dimostrare come i dirigenti delle aziende fossero a conoscenza del reale stato di contaminazione ed abbiano taciuto la verità agli enti preposti al controllo. Non solo, non avrebbero fatto nulla o quasi per porvi fine.
Per contro la difesa, quella Solvay, in primis, ha sostenuto che il colosso della chimica in Europa, che rilevò il sito industriale nel 2004, non era a conoscenza del reale stato di inquinamento precedente – in parte risalente agli anni Cinquanta/Sessanta, quando a Spinetta veniva utilizzato il cromo – e che propose agli enti, una volta venuta a conoscenza degli inquinanti, una messa in sicurezza d'urgenza, negata in sede di conferenza dei servizi. “Solvay ha speso 29 milioni di euro e prevede di spenderne altri 28 da qui al 2029, cui si devono aggiungere gli oltre 7 milioni di euro spesi per la manutenzione delle reti idriche e l’eliminazione dell’alto piezometrico”, ha ricordato Giorgio Carimati, in una dichiarazione spontanea, prima che la corte di ritirasse per la sentenza.

Confermati i risarcimenti per le parti civili, tra cui il ministero dell'Ambiente e le associazioni ambientaliste Wwf, Legambiente, Medicina Democratica ed una cinquantina tra residenti a Spinetta ed ex dipendenti delle aziende.
20/06/2018







blog comments powered by Disqus


Il Tribunale di Alessandria in cerca di nuovi spazi

Alessandria | Una delegazione del Consiglio superiore della magistratura, guidata da Renato Balduzzi, membro del Consiglio, è stata in visita al tribunale di Alessandria. Evidenziate le criticità della struttura alessandrina: “la situazione è sotto gli occhi di tutti, occorrono interventi di manutenzione straordinaria, gli spazi non sono sufficienti”. Si valutano due opzioni: ampliamento del palazzo o trasferimento alla Valfrè

Impianto trattamento fanghi: "il progetto così non va bene". Comitato 3a e Comuni: "primo punto messo a segno"

Alessandria | Nella Conferenza dei Servizi la Provincia ha riscontrato carenze e incompletezza nel progetto per l'impianto di trattamento fanghi che dovrebbe sorgere a Carentino. Criticità che da mesi sottolineano il Comitato 3a e i sindaci di tutti i Comuni di quel territorio. Dalla Provincia l'invito "a ritirare il progetto" o "ripresentarne un altro, ma ex novo". Per tutti i sostenitori del "no fanghi" un primo punto messo a segno

Ultimo weekend rovente. Da martedì si abbassano le temperature

Meteo | Ultimo weekend con temperature sopra la media stagionale. Dal lunedì e soprattutto nella giornata di martedì l'arrivo del vento di grecale si farà sentire, con un "cambio di passo stagionale"

In Provincia "La Casa dei Comuni"

Provincia | Parte il progetto “Creiamo un Linguaggio in Comune” – Un dialogo in comune per condividere esperienze, migliorare i servizi, rendere più autonomi gli enti locali, progettare insieme il nostro territorio

A proposito di zanzare, tre domande all'assessore regionale

Provincia | Il vicepresidente della Provincia di Alessandria, Federico Riboldi, torna sulla questione zanzare e pone tre domande aperte all'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta