Provincia

Terzo Valico, "camion nei limiti previsti dal piano traffico"

L'Osservatorio Ambientale del Terzo Valico dei Giovi si è riunito per parlare dei flussi di traffico ed analizzare le criticità dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova. Sul versante ligure i cantieri sono ripartiti in forma ridotta. Sul versante piemontese, “volumi al di sotto della soglia massima prevista dal Piano del traffico”

CRONACA – L'Osservatorio Ambientale del Terzo Valico dei Giovi si è riunito per parlare dei flussi di traffico ed analizzare le criticità dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova. Mentre sul fronte ligure si registra un riavvio dei lavori “ridotto”, a causa dei problemi di circolazione, sul fronte piemontese si è discusso di “eventuali misure per intervenire in modo tempestivo nel caso si dovessero manifestare improvvise difficoltà, con riferimento ad alcuni tratti stradali particolarmente sensibili, come la SP140 tra Arquata Scrivia e il casello dell’A7 di Vignole Borbera e la ex SS10 tra le rotonde di Spinetta Marengo e della Stortigliona”. La nota inviata dall'ufficio stampa non indica quali misure siano state individuate.

Piano del traffico e monitoraggio dei flussi
Secondo quanto previsto dalla Delibera regionale di approvazione del Piano Cave (D.G.R. Piemonte n. 1-5386 del 18/07/2017), l’Osservatorio Ambientale è tenuto a monitorare il Piano del traffico, al fine di verificare che i flussi effettivi di traffico di cantiere nelle strade piemontesi interessate siano inferiori a quelli previsti e di consentire una risoluzione rapida delle eventuali criticità che dovessero manifestarsi.
Il monitoraggio si basa sui dati trasmessi periodicamente da Cociv, che durante la seduta ha presentato la relazione sui flussi di traffico in Piemonte generati dai mezzi di cantiere – sia per i conferimenti di terre ai siti di deposito, sia per gli approvvigionamenti di materiali – da maggio ad agosto 2018. I flussi vengono rendicontati incrociando i dati dei GPS installati sui veicoli con i documenti di transito dei trasportatori. Dai dati non sono emerse criticità, con volumi sempre al di sotto della soglia massima prevista dal Piano del traffico.

Confronto fra le metodologie Arpal e quelle dei laboratori di analisi
Su richiesta dell’Osservatorio Ambientale, Arpal ha effettuato un confronto volto all’intercalibrazione delle metodologie di analisi (ossia la verifica per rendere omogenee le specifiche modalità operative e le performance) utilizzate dai cinque laboratori che su incarico di Cociv, sul fronte ligure, hanno il compito di effettuare le analisi sulle varie componenti ambientali oggetto di monitoraggio. Al termine della valutazione ha rilasciato parere positivo, condizionato all’adeguamento ad alcune prescrizioni e si è ora nella fase conclusiva dell’iter. Arpa Piemonte realizzerà una valutazione analoga per i cantieri piemontesi.
(foto: immagine generica)
14/09/2018







blog comments powered by Disqus


"Toninelli tiene fermi i finanziamenti del Terzo Valico? da ottobre lavori fermi"

Economia | Il presidente della Regione Piemonte esprime preoccupazione per il futuro del Terzo Valico dei Giovi: "sembra che il ministro Toninelli stia tenendo fermi i finanziamenti già decisi, deliberati e pubblicati in Gazzetta Ufficiale per il 5° lotto dei lavori del Terzo Valico. Se questi fondi non verranno sbloccati, dall’inizio di ottobre i lavori purtroppo si fermeranno"

CasaPound inaugura la sede di Tortona. L'Anpi non ci sta: "Vergogna! Grave offesa al territorio"

Tortona | Venerdì 28 apre la nuova sede tortonese di CasaPound, tra gli invitati anche il presidente nazionale Gianluca Iannone. Le associazioni e i movimenti antifascisti organizzano in un presidio di protesta in piazza Gavino Lugano

A "Solerock" musica, birra e salamelle

Solero | Sabato 29 settembre musica rock sotto le stelle: due gruppi si esibiranno sul palco allestito nella piazza del comune, aperitivo al Bar dello Sport, attrazioni per i più piccoli, birra, salamelle, dolciumi e pizza

Poste, rebus sulle assunzioni e stabilizzazioni

Provincia | In provincia di Alessandria mancano almeno trenta porta lettere, ma l'azienda, dicono i sindacati, non ha intenzione di procedere con nuove assunzioni o di stabilizzare i precari. Cgil, Cisl e Uil chiedono come Poste Italiane intenda garantire gli standard qualitativi del servizio

Il Monferrato doc Nebbiolo è realtà

Provincia | Sono 600 gli ettari potenzialmente destinabili a Monferrato doc Nebbiolo e oltre 500 le aziende interessate da questa possibilità legislativa