Intervistando la storia

Tiberio Torriani, Vescovo di Tortona e pacificatore tra guelfi e ghibellini a Novi

Ora che la visita di mons. Vittorio Viola alla Zona Pastorale di Novi Ligure è in pieno svolgimento, vogliamo intervistare, dopo Giseprando, un altro Vescovo di Tortona che non si disinteressò ai problemi politici della sua gente

INTERVISTANDO LA STORIA -  Ora che la visita di mons. Vittorio Viola alla Zona Pastorale di Novi Ligure è in pieno svolgimento, vogliamo intervistare, dopo Giseprando, un altro Vescovo di Tortona che non si disinteressò ai problemi politici della sua gente.

Torriani o “della Torre”, è la famiglia guelfa che ebbe la signoria di Milano prima dei Visconti?
Sì: dopo la battaglia di Desio (1277), i Visconti ci esiliarono, così ci rifugiammo nel Patriarcato di Aquileia, retto dal vescovo Raimondo della Torre, che mi ordinò sacerdote e mi affidò delicati incarichi diplomatici.

Quando giunse qui da noi, a Tortona?
Fui nominato l’11 luglio 1317 da papa Giovanni XXII nell’ottica di una rete di alleanze contro i Visconti, capi della fazione ghibellina: dato però che Tortona era sotto controllo visconteo, mi trasferii a Genova, diocesi confinante, sotto la protezione delle armi di Roberto d’Angiò, re di Napoli, capo dei guelfi italiani. Entrai in possesso effettivo della mia diocesi solo nel 1322, quando le truppe di re Roberto presero il controllo di Tortona.

E a quel punto fece mandare in esilio i ghibellini da Tortona e dal suo territorio, che all’epoca arrivava fino a Novi.
No. Il Vangelo supera la logica della vendetta continua tra guelfi e ghibellini: io preferii comportarmi da uomo di Dio, e l’8 settembre 1324 riuscii ad imporre ai Bianchi e gli altri guelfi novesi un compromesso con i Cavanna, capi dei ghibellini locali.

E come?
Primo, facendo consegnare il castello di Novi ai soldati di re Roberto. Secondo, vietando sia ai Bianchi che ai Cavanna di avere contatti con altri esponenti non-novesi della propria fazione. Terzo, stabilendo multe pesanti a chi infrangeva il patto perché, purtroppo, le scomuniche non hanno più l’effetto di un tempo. In questo modo volli rompere la spirale nefasta che caratterizzava le lotte tra guelfi e ghibellini in tutta Italia: la fazione esiliata si metteva d’accordo con i forestieri per rientrare e mandare via chi li ha precedentemente espulsi. Le conseguenze di questo circolo vizioso appena descritto? Instabilità continua, disgregazione sociale e perdita del senso di comunità: mali che sembrano affliggere ancora la vostra società, anche se con meno spargimento di sangue rispetto ad allora.

Quanto rimase a Tortona?

Poco. Nel 1325 feci uno scambio di sede con Princivalle Fieschi: io andai al suo posto a Brescia, dove rimasi fino alla mia morte nel 1333; lui fece il suo ingresso a Tortona. Entrambi ci avvicinammo a casa, essendo lui di nobile famiglia genovese; e lui, più di me, riuscì a far breccia nel cuore dei suoi concittadini.
12/02/2018







blog comments powered by Disqus


Gig Economy: un "lavoretto" da 800 euro all'anno...e senza tutele

Economia e Lavoro | La ricerca sulla provincia di Alessandria realizzata dalla Uil e dall'Università del Piemonte Orientale, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha fatto emergere un “fenomeno in espansione, che fa riferimento soprattutto alla fascia di età 19-34, con un titolo di studio di media superiore o inferiore, ma che non da alcuna garanzia o tutela e che è mal retribuito con una media di poco più di 5 euro all'ora”. Un incentivo al lavoro sommerso, se non si “norma”

Vendeva cannoli dicendo che erano di una nota pasticceria, negoziante in tribunale

Cronaca | Nel negozio di Litta Parodi aveva affisso un cartello in cui annunciava la vendita di pasticceria fresca della pasticceria Zoccola di Alessandria. Ora è a giudizio per frode in commercio

Muore in un incidente stradale Roberto Maestri del Circolo Marchesi del Monferrato

Cronaca | Era di ritorno da un impegno di lavoro nel mantovano, ma in provincia di Cremona è rimasto vittima di un incidente stradale. Maestri aveva contribuito a mantenere viva la storia e il folklore del Monferrato

Lo Straniero racconta il suo 'Quartiere italiano': la band acquese al secondo album

Musica | Scritto e realizzato nell'arco di due anni 'Quartiere italiano' presenta una serie di episodi autoconclusivi per un racconto intrecciato che man mano diventa un fuori orario animato dai volti che abitano le nostre città

Fondi regionali per assistenza anziani, secondo il M5S anche l'AslAL sotto i parametri previsti

Provincia | La denuncia del consigliere regionale Davide Bono: "Per l'assistenza agli anziani ricoverati nelle Rsa 40 milioni inutilizzati". Tra le Asl che non rispettano i parametri che quella alessandrina