Acqui Terme

Acqui Terme entra nel servizio digitale dell'Anagrafe Nazionale

Grazie a un'unica Anagrafe nazionale sarà possibile ottenere certificati anagrafici in qualsiasi Comune italiano già presente in Anpr e non più esclusivamente in quello di residenza

ACQUI TERME - Dopo l'attivazione della carta d'identità elettronica, il Comune di Acqui Terme, grazie al supporto di ApKappa, annuncia un importante risultato nel percorso di Innovazione Digitale che vede impegnata l’Amministrazione Comunale: la città della Bollente è uno dei Comuni alessandrini a concretizzare il passaggio ad ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente), che accorperà i dati delle oltre ottomila anagrafi dei Comuni italiani, costituendo un riferimento unico per la Pubblica Amministrazione, le società partecipate e i gestori di servizi pubblici. 

Grazie a un'unica Anagrafe nazionale sarà possibile ottenere certificati anagrafici in qualsiasi Comune italiano già presente in ANPR e non più esclusivamente in quello di residenza; in futuro i cittadini potranno inoltre collegarsi direttamente on line ad ANPR per richiedere certificati e informative.

Alla banca dati di ANPR possono fare riferimento non solo i Comuni, ma l'intera Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi, nel rispetto assoluto della tutela dei dati personali. ANPR rappresenta uno dei passi fondamentali nell’ambizioso progetto, promosso dall’AgID, che guida la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione: ridisegnare i processi attraverso cui essa si relaziona con i cittadini partendo da un patrimonio informativo condiviso, di qualità e sempre aggiornato, con cui realizzare concretamente la data driven administration. 

"Dopo l'attivazione della carta d'identità elettronica, è un grande passo – sottolinea il sindaco Lorenzo Lucchini – per il Comune di Acqui Terme, che procede nell’ambito dell'informatizzazione in maniera spedita. Attualmente sono solo quattro i Comuni alessandrini che sono passati all’ANPR. Traghettare da una anagrafe locale a una banca dati unica nazionale rappresenta un delicato passaggio strategico per il nostro ente. La creazione di una banca dati unica è fondamentale, poiché permetterà i passaggi anagrafici in maniera più puntuale e semplice. È ovvio che solo quando tutti i Comuni italiani faranno questo passaggio capiremo la portata e i benefici di tale progetto. Fondamentale è, come sempre, la collaborazione, l'operatività e l'esperienza delle risorse comunali, che permettono di raggiungere sempre nuovi e importanti risultati. Siamo orgogliosi che Acqui Terme sia uno dei primi Comuni dell’alessandrino. Ci muoviamo sempre verso il cambiamento, innovando il modo di lavorare e offrendo servizi avanzati ai cittadini".
10/10/2018







blog comments powered by Disqus


Ai Giovedì Culturali scienziati a confronto sui cambiamenti climatici

Alessandria | Riccardo Valentini, membro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change a cui è stato conferito il Nobel nel 2007, parlerà con Paola Rivaro, nota per le sue ricerca in Antardide, della necessità di una nuova economia e una nuova etica politica per accompagnare la crescita della nostra società verso forme più sostenibili in grado di lasciare alle nuove generazioni un futuro più sicuro e accogliente

Ospedale: l'Ovadese ripropone le sue richieste

Ovada | In un vertice tra la rappresentanza dei sindaci e il vertice dell'Asl rimessa sul piatto la proposta del reparto a gestione mista con la compartecipazione dei medici di famiglia

Vela: torna la scuola del cittadino responsabile

Ovada | Domani sera primo appuntamento con il corso curato da associazione Vela che porta medici e cittadini a confrontarsi sui temi caldi della sanità

Dieci anni di Anioc, i Cavalieri vanno a convegno

Francavilla Bisio | Da dieci anni nella zona di Novi Ligure è attiva una delegazione dell'Anioc, l'associazione degli insigniti di onorificenze cavalleresche. Mario Mazzarello chiama a raccolta gli iscritti per un convegno a Francavilla Bisio

Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città

Alessandria | Un reportage per osservare cosa si trova oltre il muro che circonda la Casa Circondariale "Catiello e Gaeta", ormai diventata sul piano amministrativo un'unica realtà con il carcere di San Michele. Il nostro capoluogo è uno degli ultimi in Italia ad avere una struttura detentiva in pieno centro. Ecco come funziona la vita all'interno