Piemonte

"Tagliandi” alle caldaie: nuova campagna di sensibilizzazione

Mantenere efficienti gli impianti ed evitare sanzioni: i consigli dalla Regione Piemonte. Se l'impianto è autonomo la responsabilità dei controlli è dell'occupante dell'unità immobiliare, se l'impianto è centralizzato spetta all'amministratore di condominio assicurarsi che tecnici specializzati vengano periodicamente a controllare

PIEMONTE - L'imminente arrivo della stagione fredda riporta inevitabilmente d'attualità il tema dei controlli sugli impianti di riscaldamento, in particolare sull'esigenza della prevenzione e sull'osservanza degli obblighi da seguire per evitare sanzioni. La Regione Piemonte, in particolare il Settore Sviluppo energetico sostenibile della Direzione Competitività, lancia una campagna specifica per sensibilizzare i cittadini a trarre tutti i vantaggi di una corretta manutenzione che equivale a ottenere più sicurezza, un abbattimento dei costi in bolletta e la riduzione degli sprechi.

Com'è noto da tempo, se l'impianto è autonomo la responsabilità dei controlli è dell'occupante dell'unità immobiliare (proprietario o inquilino che sia). Semplici gli accorgimenti da seguire, primo fra tutti un consiglio indispensabile, in questo caso più che altro al proprietario: se la caldaia ha più di 15 anni è decisamente opportuno preventivarne l'acquisto di una nuova e le migliori, sotto il profilo del rendimento e dei costi, sono quelle a condensazione.

Tutti gli impianti di riscaldamento autonomo devono essere periodicamente manutenuti (la cadenza dipende dal tipo di apparecchio) e se hanno più di 4 anni di vita è necessario anche che il tecnico compili il rapporto di controllo sull'analisi dei fumi. L'elenco delle imprese cui rivolgersi per effettuare "il tagliando della caldaia" è disponibile sul Catasto Impianti termici (www.sistemapiemonte.it/cms/privati/ambiente-e-energia/servizi/810-catasto-impianti-termici)

Se l'impianto invece è centralizzato spetta all'amministratore di condominio assicurarsi che tecnici specializzati vengano periodicamente a controllare. Il capitolo più importante, per questo tipo di caldaie, è quello delle termovalvole, divenute ormai obbligatorie dal giugno dello scorso anno. Per la loro installazione ci pensa la ditta incaricata in assemblea condominiale, ma serve appunto una delibera e la responsabilità della mancata adozione è a carico dei singoli proprietari. In certi casi l'installazione delle termovalvole può essere esclusa se esiste una specifica perizia che escluda tecnicamente la possibilità del loro posizionamento.

In generale, comunque, si tratta di un fenomeno ormai residuale, così come sono sempre meno i condomini ancora non in regola. I controlli, sia per quanto riguarda le caldaie autonome sia per quelle centralizzate, spettano alle Province.

Infine, sempre nell'ambito della campagna di sensibilizzazione in tema di efficienza energetica, un apposito filone sarà dedicato alla necessità di dotarsi dell'Attestato di Prestazione Energetica (Ape), documento obbligatorio per ottenere l'agibilità di un nuovo edificio e per la compravendita o locazione di edifici esistenti. Se ne occupa un professionista esperto, che stila una sorta di “pagella” per l'immobile: è un documento utile proprio perché da questo è possibile trarre spunto per individuare gli interventi più significativi ed economicamente convenienti da effettuare a casa propria.

Maggiori informazioni su www.regione.piemonte.it/energia/efficienza_energetica.htm

9/10/2018







blog comments powered by Disqus


Treni per Milano, tutto regolare. Ma la linea in un'ora pare un miraggio

Alessandria | Caos orari rientrato nel giro di pochi giorni: Trenord non ha cambiato i treni diretti per Milano. Resta comunque il problema di una stazione di serie B che progressivamente viene tagliata fuori dai convogli nazionali

Celiaci sì, ma con gusto: show cooking a Dolci Terre

Novi Ligure | Alla rassegna enogastronomica Dolci Terre di Novi due appuntamenti dedicati ai celiaci, in collaborazione con l'Aic: dietisti e chef proporranno piatti della tradizione in versione gluten free. E c'è anche chi ha convertito la propria azienda agricola alla produzione di pasta senza glutine

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Sosta per i residenti: via al rinnovo degli abbonamenti

Alessandria | Da lunedì 10 dicembre un servizio rafforzato e nuove semplificazioni per venire incontro alle esigenze degli utenti. Scadenza a fine anno

Oasi Agrisolidale: agricoltura a chilometro zero e solidarietà

Tagliolo  | Un modello che fa bene alla piccola economia del territorio perché crea sinergia tra le aziende. E sabato prossimo una versione particolare dei mercatini di Natale