Casale Monferrato

Commemorazione dell'Eccidio della Banda Tom: l'appello dell'Anpi

Il presidente dell'Anpi di Casale Monferrato Gabriele Farello: “Si stanno moltiplicando organizzazioni neofasciste. Sindaci, Amministratori, Istituzioni, il 20 gennaio colmiamo il Teatro Municipale e la Cittadella di fasce tricolore: affermiamo un’altra visione delle realtà che metta al centro il valore della persona, della vita, della solidarietà, dell’uguaglianza, della democrazia”

CASALE MONFERRATO – Nel 73° anniversario dell'eccidio della Banda Tom, sabato 20 gennaio si terrà la commemorazione ufficiale. “Si stanno moltiplicando nel nostro Paese e nel nostro contesto, organizzazioni neofasciste presenti in modo crescente nella realtà sociale e sul web. Esse diffondono una rappresentazione settaria della Patria e del tricolore caratterizzata da discriminazione, odio per le diversità, razzismo e xenofobia - ricorda Gabriele Farello, presidente dell'Anpi di Casale Monferrato - Tutto questo a ottant’anni da uno dei provvedimenti più odiosi del fascismo: la promulgazione delle leggi razziali”.

Farello fa un appello ai sindaci, agli amministratori pubblici e alle istituzioni: “partecipate alla commemorazione dell’eccidio della Banda Tom, una celebrazione rinnovata, ricca di musica e animazione giovanile. Colmiamo il Teatro Municipale e la Cittadella di fasce tricolore: affermiamo un’altra visione delle realtà che metta al centro il valore della persona, della vita, della solidarietà, dell’uguaglianza, della democrazia come fondamento della nostra società. Valori scritti chiaramente nella nostra Costituzione che il 1° gennaio 2018 ha compiuto settant’anni. Valori che appartengono a tutti: indistintamente dall’area politica di appartenenza”.

Questo il programma della giornata
ore 9,30 Palazzo S. Giorgio - sede municipale: riunione delle autorità civili, militari, religiose, scolastiche
ore 9,45 corteo per via Mameli, via Liutprando, piazza mons. Angrisani
ore 10 Cattedrale di Sant’Evasio: Messa di suffragio
ore 10,30 ricostituzione del corteo per via Duomo, piazza Mazzini, via Saffi
ore 10,45 Teatro Municipale: interventi di Titti Palazzetti, sindaco di Casale Monferrato, e di Germano Carpenedo presidente Comitato Unitario Antifascista. Intervento musicale degli allievi del corso musicale della scuola media Trevigi e della Colibrì band dell’istituto Balbo con la partecipazione di Paolo Bonfanti. Verranno eseguite Hallelujah e The Partisan di Leonard Cohen e Tredici degli Yo Yo Mundi. Proprio la presenza del degli studenti delle scuole sul palco rappresenta la principale novità del programma della commemorazione. Orazione ufficiale tenuta da Fabrizio Meni, storico e docente all'istituto Balbo.

Al termine della cerimonia trasferimento alla Cittadella, ricostituzione del corteo e deposizione delle corone alle lapidi dei 13 caduti della Banda Tom e del partigiano Gaetano Molo.
La Banda Tom è stata una brigata partigiana comandata da Antonio Olearo (detto Tom, medaglia d’oro al valor militare), attiva in Monferrato durante la Resistenza. Dopo essere stati catturati il 14 gennaio 1945 a Casorzo, Antonio Olearo detto Tom, 24 anni, di Ozzano Monferrato, Giuseppe Augino, 22 anni, di Enna, Alessio Boccalatte, 20 anni, partigiano della Brigata Garibaldi Piacibello, Aldo Cantarello, 19 anni, di San Michele Alessandria, Luigi Cassina detto Ginetto o Tarzan, 25 anni, di Casale Monferrato, Giovanni Cavoli detto Dinamite, 34 anni, di Solero, Albert Harbyohire Harry (ufficiale della RAF), 31 anni, Giuseppe Maugeri, 23 anni, di Siracusa, Remo Peracchio, 21 anni, di Montemagno, Boris Portieri, 17 anni, di Genova, Giuseppe Raschio, 21 anni, di San Michele Alessandria, Luigi Santambrogio detto Gigi, 17 anni, di Casale Monferrato e Carlo Serretta detto Scugnizzo, 17 anni, partigiano della Brigata Garibaldi Piacibello, vennero incatenati, obbligati a marciare seminudi e scalzi, interrogati crudelmente e, dopo il trasporto a Casale Monferrato, condotti alla Cittadella dove furono trucidati il 15 gennaio e dove i loro corpi rimasero due giorni insepolti nella neve.
11/01/2018







blog comments powered by Disqus


Al via stage lavorativi per richiedenti asilo e rifugiati: il futuro è fare il saldatore

Alessandria | Cambalache dà il via a un nuovo progetto di formazione e inserimento lavorativo per richiedenti asilo sul modello virtuoso di Bee My Job, ma questa volta nell’ambito saldatura

Volontariato per integrare, al via campagna multietnica

Alessandria | Per la prima volta in una campana pubblicitaria locale ci si rivolge direttamente ad un pubblico eterogeneo, chiedendo di prestare il proprio tempo per fare del bene, o creare nuove associazioni

Marciapiede occupato da totem pubblicitari? Barosini: "rimozione e accertamento responsabilità"

Alessandria | In via dei Martiri, anche se in posizioni diverse, sono di nuovo comparsi i cartelloni pubblicitari ad ostruire il passaggio sul marciapiede a raso. L'assessore Giovanni Barosini ha fotografato e segnalato subito. "Quello mobile è stato subito spostato nel modo adeguato. Ora però voglio capire a suo tempo chi aveva autorizzato il posizionamento di quello fisso..."

È possibile riprodurre l’inizio dell’Universo? Il Big Bang in laboratorio

Alessandria | Martedì 19 giugno alla Biblioteca del Dist Mario Sitta spiegherà come e perchè farlo e illustrerà il Large Hadron Collider del Cern di Ginevra

Disability Manager: "facilitatore del cambiamento per favorire l'inclusione sociale"

Società | Con la fine della prima edizione del Corso di perfezionamento e di Alta formazione in Disability Management, presso l'Università degli Studi del Piemonte Orientale e due giornate a Bruxelles per capire meglio in quale direzione si sta orientando l'Europa su queste tematiche è doveroso approfondire la figura del "disability manager" la sua funzione ma anche le origini di questo profilo professionale