Novi Ligure

Maddalena, Via Crucis con il vescovo. Poi l'incontro con la comunità Sant'Egidio

Nei prossimi giorni l'oratorio di Santa Maria Maddalena a Novi Ligure sarà luogo di preghiera per due occasioni legate al periodo quaresimale in corso: prima la Via Crucis con il vescovo, poi l'incontro di preghiera con la Comunità di Sant'Egidio

NOVI LIGURE – Nei prossimi giorni l’oratorio di Santa Maria Maddalena a Novi Ligure, uno dei tesori di arte e fede della nostra città, sarà luogo di preghiera per due occasioni legate al periodo quaresimale in corso.

Venerdì 16 marzo, alle 21.00, si terrà una Via Crucis presieduta dal vescovo Vittorio Viola e organizzata dal Centro missionario diocesano di Tortona nell’ambito della 26esima Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri. Anche in tempi recenti infatti i missionari hanno pagato con la propria vita la risposta alla chiamata di Gesù Cristo: “Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo a ogni creatura” (Marco 16, 15). Solo l’anno scorso sono stati uccisi nel mondo 23 missionari: 13 sacerdoti, 1 religioso, 1 religiosa, 8 laici. Una realtà poco conosciuta, ma non per questo meno significativa come segno dei tempi travagliati che stiamo attraversando.

Martedì 20 marzo, alle 20.45, la Comunità di Sant’Egidio invita all’incontro di preghiera quaresimale, durante il quale si pregherà per tutte le popolazioni afflitte da quella “Terza Guerra Mondiale a pezzetti”, così come l’ha definita Papa Francesco, che sta insanguinando tante, troppe nazioni. Oltre a ciò, ci sarà l’opportunità di conoscere più da vicino il progetto Dream, acronimo inglese che significa “Contrasto alle malattie attraverso mezzi eccellenti e avanzati”: cosa che, qui da noi, definiamo “diritto alla salute” e che in Africa, dove invece sembrava un’utopia irrealizzabile, in tanti casi sta diventando realtà (come si può vedere dal sito internet dream.santegidio.org). In questa occasione sarà possibile sostenere il progetto Dream con l’acquisto di uova di Pasqua.
12/03/2018







blog comments powered by Disqus


Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Alessandria | Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

"Pasticceri in formAzione": un’iniziativa di inclusione sociale di CrescereInsieme e Oda

Casale Monferrato | Sabato 23 giugno il momento celebrativo di un percorso realizzato da alcuni richiedenti asilo beneficiari del Progetto Sprar gestito dalla Cooperativa CrescereInsieme, all’interno di una formazione professionale di Prodotti da Forno e Pasticceria presso il Ciofs Palomino e di una sessione di diretta conoscenza di una realtà produttiva,  individuata nella Bottega dell’Oda

Rifiuti, la sfida del porta a porta: ovadesi tra dubbi e problemi

Ovada  | I primi due incontri pubblici, organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano, hanno evidenziato alcune perplessità dei cittadini, definiti "protagonisti" di questa rivoluzione

C'è il nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale

Ovada | Completata la procedura per il rinnovo dell'organo che i sacerdoti nella conduzione pastorale della parrocchia. In tutto sono 27 i nuovi membri