Alessandria

Inaugurato il nuovo 'Nido insieme al Borsalino': punto di incontro tra anziani e bambini

L'inaugurazione del nuovo 'Nido insieme al Borsalino' si è svolta giovedì 8, una sperimentazione di incontro tra generazioni sino dalla prima infanzia

ALESSANDRIA - L’IPAB Soggiorno Borsalino di Alessandria, Centro Servizi Polifunzionale per la Persona, oltre ad azioni rivolte al territorio, persegue l’obiettivo del Ben-essere – Qualità della vita di chi abita quotidianamente l’Ente: ospiti anziani, residenziali e non, familiari, operatori, ognuno con bisogni differenti ma tutti rappresentativi del contesto macro-sociale. Molti operatori sono donne, mamme, mamme singles, nonne con figli e nipoti a carico. 

In questo senso, partendo da richieste ed in seguito all’incontro e poi collaborazioni con la realtà APS La Montanina e nello specifico con la responsabile Sara Sterpin, Educatrice, con cui si sono attuate alcune precedenti azioni in sinergia con i Servizi Socio-Educativi-Culturali dell’Ente, è nata la possibilità concreta di aprire un “Nido in famiglia”, all’interno dell’Ente stesso, aperto al territorio. 

Nido Insieme al Borsalino, la cui inaugurazione/openday si è svolta giovedì 8, è una sperimentazione di incontro tra generazioni sino dalla prima infanzia. La scelta della data rappresenta “la nostra scelta”, per quest’anno, di celebrare la giornata della donna, ricordandoci della quotidianità delle donne, mamme, nonne, lavoratrici a casa e fuori casa. 

In Europa i nidi in casa di riposo cominciano ad essere diffusi, nell’alessandrino rappresentano la sperimentazione e forse la sfida; per l’Ente rappresenta aprire lo spettro di intervento di 360 gradi, accostando bambini, genitori, anziani e facendo vivere in positivo il pregiudizio che vede l’anziano tornato bambino, inutile ed escluso. Non tutti gli anziani sono rimbambiti (dal latino tornati bambini) ma tutti, se in salute psico-fisica, sono fonte di saggezza, premure, curiosità, gioia per i bambini e, ancora, tutti gli anziani desiderano sentirsi ancora utili, importanti. 

Così, spazi adeguati, familiari ma a norma di legge, possono diventare luoghi magici dove incontrare, oltre che operatori preposti e formati, anche grandi nonni/raccontastorie da cui essere coccolati. Spazi facilmente raggiungibili, sostenibili dalle mamme/papà che magari lavorano nello stesso spazio o vicino, in quanto l’Ente è in pieno Centro Storico. 

Le iscrizioni per bambini da 0 a 36 mesi sono aperte. Per informazioni e iscrizioni 393 6239576.
10/03/2018







blog comments powered by Disqus


Distretto del novese, uno dei protagonisti del Salone del gusto

novi ligure | Anche il Distretto del Novese sarà uno dei protagonisti della kermesse torinese grazie alla collaborazione con Regione Piemonte. Infatti, nell'ambito dell’evento firmato Slow Food, sono state organizzate una serie di presentazioni di prodotti enogastronomici all'interno della sede regionale, nel cuore della città

Università del Piemonte Orientale: 1,7 milioni in più dal Ministero

Alessandria | Prima in Italia per l'incremento del Fondo di Funzionamento Ordinario: l'Upo premiata per i risultati nella ricerca, l’eccellenza dei Dipartimenti e la gestione virtuosa del “costo standard” per studente

Film e festa della birra: divieto di sosta in due piazze

Ovada  | Fine settimana nel segno della birra, visto che in queste ore la città ospita l'"International World Beer e Street Food Festival". Da segnalare anche il primo ciak del remake de "I Tartassati" in piazza XX settembre.

Drin drin fa il campanello

Opinioni | Prendere una strada contro mano, senza scampanellare o almeno rallentare, sembra diventato uno sport nazionale. Ormai è facile vedere uno che fila come un razzo sul marciapiede, facendosi largo tra i pedoni che vi transitano. Non credo che si possa andare avanti così. Credo, piuttosto, che sia necessaria qualche regolata

Impianto trattamento fanghi: "il progetto così non va bene". Comitato 3a e Comuni: "primo punto messo a segno"

Alessandria | Nella Conferenza dei Servizi la Provincia ha riscontrato carenze e incompletezza nel progetto per l'impianto di trattamento fanghi che dovrebbe sorgere a Carentino. Criticità che da mesi sottolineano il Comitato 3a e i sindaci di tutti i Comuni di quel territorio. Dalla Provincia l'invito "a ritirare il progetto" o "ripresentarne un altro, ma ex novo". Per tutti i sostenitori del "no fanghi" un primo punto messo a segno