Alessandria

L'8 marzo delle ragazze sulla strada: "una mimosa anche per loro"

Un caffè caldo e una mimosa, questo è stato il piccolo dono portato con il servizio notturno dalla Comunità San Benedetto al Porto alle ragazze che in città si prostituiscono la notte in strada, un gesto semplice per sottolineare che anche loro sono donne da rispettare. "Molto conoscevano il significato della ricorrenza"

ALESSANDRIA - Per San Benedetto al Porto, una delle realtà più attive in ambito sociale in città, il servizio notturno, svolto durante tutto l'anno e particolarmente apprezzato nei mesi più freddi, non è certo una novità. Con regolarità un "team" esce la notte con il furgone carico di beni di conforto, come caffè caldo o te in thermos e compie un giro della città e dei sobborghi, offrendo un po' di sostegno e di ascolto a chi si trova in strada, perché senza tetto o per prostituirsi. 

Lo hanno fatto anche l'8 marzo, una giornata speciale per tutte le donne, che hanno voluto celebrare al fianco di chi certo non l'ha passata festeggiando: "abbiamo offerto loro un caffé in tazzina e un pacchettino regalo, con tanto di mimosa, per la festa della donna" - raccontano gli operatori. "Abbiamo incontrato 21 ragazze in totale, meno del solito perché c'era stato poco prima un passaggio delle forze dell'ordine che aveva allontanato diverse ragazze nigeriane".






"Tutte le ragazza, e le trans, incontrate sono state felicissime del regalo. Per loro è stata una notte particolarmente movimentata perché ancor più mariti del solito, forse approfittando del fatto che loro mogli fossero a festeggiare, si sono messi in macchina per cercare un incontro". 

"Siete gli unici che ci hanno fatto gli auguri" hanno commentato diverse ragazze. "Quasi tutte conoscevano il significato di questa celebrazione, almeno in generale" - raccontano da San Benedetto. 








































 
9/03/2018







blog comments powered by Disqus


Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Alessandria | Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

"Pasticceri in formAzione": un’iniziativa di inclusione sociale di CrescereInsieme e Oda

Casale Monferrato | Sabato 23 giugno il momento celebrativo di un percorso realizzato da alcuni richiedenti asilo beneficiari del Progetto Sprar gestito dalla Cooperativa CrescereInsieme, all’interno di una formazione professionale di Prodotti da Forno e Pasticceria presso il Ciofs Palomino e di una sessione di diretta conoscenza di una realtà produttiva,  individuata nella Bottega dell’Oda

Rifiuti, la sfida del porta a porta: ovadesi tra dubbi e problemi

Ovada  | I primi due incontri pubblici, organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano, hanno evidenziato alcune perplessità dei cittadini, definiti "protagonisti" di questa rivoluzione

C'è il nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale

Ovada | Completata la procedura per il rinnovo dell'organo che i sacerdoti nella conduzione pastorale della parrocchia. In tutto sono 27 i nuovi membri