Novi Ligure

In cammino verso il 21 marzo, giornata contro le mafie

Il primo giorno di primavera ricorre la Giornata nazionale contro le mafie. Il presidio di Novi Ligure di Libera, l'associazione fondata da don Ciotti, la celebra con una escursione nel parco delle Capanne di Marcarolo

BOSIO – In cammino verso l’appuntamento del 21 marzo. Primo giorno di primavera, sì, ma anche appuntamento importante per la cultura civica del nostro Paese: dall’anno scorso, infatti, il 21 marzo è per legge “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”. Una ricorrenza che, in realtà, si celebra fin dal 1996, su impulso di Libera, la rete di associazioni fondata da don Luigi Ciotti per combattere la criminalità organizzata con le armi della legalità, della solidarietà e della giustizia sociale.

“Cento passi verso il 21 marzo” è il nome della serie di iniziative che, in tutta Italia, saranno organizzate da Libera per sottolineare l’importanza di quella data. Quale posto migliore, qui da noi, per mettersi in cammino metaforicamente e concretamente se non il parco naturale delle Capanne di Marcarolo?

Per sabato 17 marzo, infatti, il presidio novese di Libera organizza la manifestazione “Passi di memoria e di impegno” che prenderà il via alle 10.00 presso Cascina Pizzo con i saluti dei rappresentanti dell’associazione Memoria della Benedicta, cui seguirà un’introduzione a cura dei volontari di Libera sul significato della Giornata nazionale antimafia. Poi gambe in spalla per una semplice escursione che toccherà la Tana del Lupo e l’Ecomuseo di Cascina Moglioni, dove è prevista la pausa pranzo. Dopo la visita all’ecomuseo, ritorno a Cascina Pizzo per la chiusura della manifestazione (ore 16.00 circa).

L’accompagnamento è a cura dei guardiaparco. Per info e iscrizioni scrivi qui. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con G. S. Valliriunite, Nordic Walking Passion Alessandria, Isral, Cai, Anpi, associazione Memoria della Benedicta, ente delle Aree protette dell’Appennino Piemontese e Comune di Bosio.
12/03/2018







blog comments powered by Disqus


Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Alessandria | Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

"Pasticceri in formAzione": un’iniziativa di inclusione sociale di CrescereInsieme e Oda

Casale Monferrato | Sabato 23 giugno il momento celebrativo di un percorso realizzato da alcuni richiedenti asilo beneficiari del Progetto Sprar gestito dalla Cooperativa CrescereInsieme, all’interno di una formazione professionale di Prodotti da Forno e Pasticceria presso il Ciofs Palomino e di una sessione di diretta conoscenza di una realtà produttiva,  individuata nella Bottega dell’Oda

Rifiuti, la sfida del porta a porta: ovadesi tra dubbi e problemi

Ovada  | I primi due incontri pubblici, organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano, hanno evidenziato alcune perplessità dei cittadini, definiti "protagonisti" di questa rivoluzione

C'è il nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale

Ovada | Completata la procedura per il rinnovo dell'organo che i sacerdoti nella conduzione pastorale della parrocchia. In tutto sono 27 i nuovi membri