Alessandria

Me.dea.: nuova casa rifugio. Apre anche il Centro a Casale

L'assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte Monica Cerutti ha fatto visita al Centro Antiviolenza. Nelle prossime settimane l’apertura di una nuova unità abitativa per tre persone che si andrà ad aggiungere ai sei posti letto già attivi e l’apertura del nuovo Centro a Casale Monferrato

ALESSANDRIA - L'assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte Monica Cerutti ha fatto visita al Centro Antiviolenza me.dea, nell'ambito della serie di incontri de I lunedì nei Centri antiviolenza. L’appuntamento è stata l’occasione per fare il punto sulle buone pratiche adottate a livello locale e regionale per sostenere le donne vittime di violenza, individuare criticità e avanzare proposte, per rafforzare ulteriormente la rete regionale contro la violenza che oggi può contare tra l’altro su una specifica disposizione di legge, la 4/2016 “Interventi di prevenzione e contrasto della violenza di genere e per il sostegno alle donne vittime di violenza e ai loro figli”.

L’assessora ha espresso la sua soddisfazione per il Centro Antiviolenza me.dea, “ben radicato sul territorio di riferimento e che fa parte di una rete provinciale consolidata grazie a un accordo triennale che è in fase di rinnovo. Ringrazio le operatrici e le volontarie per il grande lavoro fatto fin qui e per i nuovi progetti che impegneranno me.dea nel 2018, in linea con gli obiettivi del nostro piano di attuazione della legge regionale”.

Me.dea nel 2017 ha fronteggiato 182 richieste di aiuto, tra accessi diretti, telefonici e segnalazioni. Grazie ai fondi regionali, il Centro Antiviolenza nelle prossime settimane lavorerà all’apertura di una nuova unità abitativa come casa rifugio per tre persone che si andrà ad aggiungere ai sei posti letto già attivi e all’apertura del nuovo Centro a Casale Monferrato. Come suggerito dal Piano Straordinario contro la violenza, inoltre, l’associazione avvierà due appartamenti di seconda accoglienza per donne che non sono più in situazioni di pericolo e si avviano verso una nuova autonomia, progetti per il trattamento degli uomini autori di violenza e percorsi di formazione per operatori sanitari.

“Il 2018 segnerà un altro fondamentale passaggio per me.dea – dichiara la presidente Sarah Sclauzero – perché ci vedrà di fatto raddoppiare i servizi offerti sul territorio provinciale, oltre che avviare progetti del tutto nuovi. Si tratta di una bella prova di maturità per noi, resa possibile dall’impegno e dalla dedizione delle operatrici e volontarie e dalla grande professionalità e sensibilità incontrate nell’Assessorato regionale alle Pari Opportunità. Negli ultimi anni la Regione Piemonte ha contribuito a professionalizzare l’accoglienza delle donne vittime di violenza, attraverso un lavoro capillare fatto di tavoli permanenti di confronto, proposte operative e ovviamente la predisposizioni di bandi per accedere ai finanziamenti pubblici. Doveroso e sentito un grazie a Monica Cerutti e a tutto il suo staff per il prezioso lavoro svolto in favore delle donne e per la sincera collaborazione costruita”.

Tra le criticità evidenziate nel corso dell’incontro quella legata alla gestione dell'emergenza per la quale sarebbe necessario adottare dei comportamenti uniformi per tutti i soggetti della rete.
13/03/2018







blog comments powered by Disqus


O fa troppo caldo o fa troppo freddo, Alessandria bocciata sul clima

Alessandria | Troppi giorni di nebbia fanno sprofondare il capoluogo in fondo alla classifica nazionale del benessere climatico. Ma anche i tanti giorni di caldo e di contro quelli in cui si battono i denti. La classifica del Sole 24 Ore è impietosa

Meno turisti in provincia, si salvano l'alessandrino e il casalese

Società | Sono stati presentati ieri a Torino i dati sui flussi turistici in Piemonte. Nellaprovincia di Alessandria si registra un calo di arrivi e presenze, "trascinati" da un dato negativo soprattutto nell'acquese. Secondo Alexala il calo della città delle terme è dovuto ai passaggi gestionali delle strutture termali. Bene il casalese, il capoluogo e il tortonese. Arrancano Ovada e Novi

Una festa per ringraziare chi assiste i disabili

Società | Si terrà il 19 maggio il primo "Care giver day", una giornata dedicata a chi si occupa tutti i giorni di famigliari o conoscenti con gravi disabilità, promosso da Cissaca, Asl e dalle associazioni che si occupano di fragilità. Ad Alessandria sono 989 gli anziani seguiti dai servizi e 857 le persone disabili. L'appello: "donateci il materiale per fare un grande murales"

Sicurezza e territorio: a Cultura e Sviluppo dialogo con il Prefetto e il Questore

Alessandria | Giovedì 28 marzo l'incontro con Antonio Apruzzese e Michele Morelli per discutere delle problematiche del territorio alessandrino

Ospedale Incontra: donne e neomamme saranno le protagoniste

Alessandria | Mercoledì 27 marzo sarà l’occasione per ottenere risposte concrete ai problemi che maggiormente interessano le donne di varie fasce d’età, dalle patologie più gravi ai disturbi comuni che spesso vengono sottovalutati