Novi Ligure

Una "pietra d'inciampo" in ricordo di Silvio Salomon Ottolenghi

In via Cavour a Novi Ligure sarà installata una "pietra d'inciampo" opera dell'artista Gunter Demnig, per ricordare l'ultima abitazione di Silvio Salomon Ottolenghi, deportato e ucciso ad Auschwitz

NOVI LIGURE – Ogni anno a gennaio, nel Giorno della memoria, vengono ricordati tutti gli ebrei vittime delle leggi razziali del Terzo Reich. Un genocidio che, a distanza di più di settant’anni, continua a far male all’anima. Lunedì prossimo, 15 gennaio, verrà ricordato il novese Silvio Salomon Ottolenghi. Alle 10, in occasione appunto delle celebrazioni per il Giorno della Memoria, l’artista tedesco Gunter Demnig installerà la Pietra d’Inciampo dedicata a Silvio Salomon Ottolenghi, davanti alla sua ultima abitazione, situata in via Cavour 67.

I cinque nipoti di Ottolenghi, Silvia, Giulio, Arturo, Silvio e Franco, tre dei quali residenti tutt’oggi in città, hanno deciso di commemorare la figura del nonno attraverso una “stolpersteine”. Nonostante siano trascorsi molti anni da quel 29 giugno 1944, quando, all’alba, Silvio Ottolenghi fu arrestato nella sua casa di via Cavour, vivo è ancora il suo ricordo. I nazifascisti entrarono nell’abitazione attraverso le finestre del ballatoio dell’abitazione che si affacciava, ieri come oggi, su un cortile interno.

Silvio Salomon Ottolenghi, nato ad Acqui Terme il 5 maggio 1889, dopo aver vissuto per alcuni anni a Torino dove sposò Teresa, si trasferì a Novi. Dalla sua unione con Teresa nacquero cinque figli che, in accordo con la consorte cattolica, furono battezzati; questo permise loro di non essere minimamente toccati dalle leggi razziali. Silvio Ottolenghi all’alba del 29 giugno 1944 fu portato via dalla sua casa e deportato. Quell’alba di inizio estate cambiò per sempre la vita della famiglia Ottolenghi. La moglie Teresa cercò invano il marito andando a piedi fino a Genova sorretta da una forza di volontà e di amore sconfinati, purtroppo però pare che Silvio Ottolenghi fosse stato portato, subito, a Verona e da qui il 2 agosto partì su un convoglio per Auschwitz dove fu ucciso il 6 agosto appena giunto al campo di concentramento nazista. Teresa con i suoi quattro figli, Elda, Giulia, Marisa e Arturo continuò a vivere nella casa di via Cavour fino alla sua morte, avvenuta nel 1981.

L’iniziativa delle Pietre d’Inciampo, attuata in 22 paesi, consiste nell’incorporare nel selciato stradale delle città, proprio davanti alle ultime abitazioni delle vittime di deportazioni, dei blocchi in pietra ricoperti con una piastra di ottone. Sulla targa sono incisi il nome della persona, l’anno di nascita, la data, l’eventuale luogo di deportazione e la data di morte, se nota. Scopo dell’iniziativa è preservare la memoria delle deportazioni e l’espressione “inciampo” rappresenta metaforicamente un invito alla riflessione per tutti coloro che si imbattono nella pietra.

L’amministrazione comunale novese ha aderito all’iniziativa con l’obiettivo di ridare individualità al concittadino Silvio Salomon Ottolenghi e a tutti coloro che si è cercato di ridurre soltanto a numero.
12/01/2018
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


In gara per il David grazie ad un film un po' alessandrino

Alessandria | E' stata una delle prime poliziotte in Italia, e pure sull'Isola dei (non) Famosi. Ma nella carriera della poliedrica Viviana Bazzani c'è spazio anche per una nomination

Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

"Pasticceri in formAzione": un’iniziativa di inclusione sociale di CrescereInsieme e Oda

Casale Monferrato | Sabato 23 giugno il momento celebrativo di un percorso realizzato da alcuni richiedenti asilo beneficiari del Progetto Sprar gestito dalla Cooperativa CrescereInsieme, all’interno di una formazione professionale di Prodotti da Forno e Pasticceria presso il Ciofs Palomino e di una sessione di diretta conoscenza di una realtà produttiva,  individuata nella Bottega dell’Oda

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Alessandria | Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

Rifiuti, la sfida del porta a porta: ovadesi tra dubbi e problemi

Ovada  | I primi due incontri pubblici, organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano, hanno evidenziato alcune perplessità dei cittadini, definiti "protagonisti" di questa rivoluzione