Alessandria

Più di 500 persone contro la violenza di genere al grido di #wetoogether

La manifestazione per l'8 marzo è stata partecipata da tante alessandrine e alessandrini per combattere la violenza e sostenere la nascita in città di una Casa delle Donne

ALESSANDRIA - L'8 marzo lo Sciopero Globale delle Donne ha attraversato anche Alessandria.

Più di 500 persone hanno deciso di riempire le strade della nostra città, insieme alle donne e agli uomini che hanno manifestato in 70 Paesi del Mondo, per unire le loro voci in un unico grido: #wetoogether.

Ecco il comunicato inviato dal Comitato "Non una di meno" a corredo dell'iniziativa. 
“Noi insieme” per urlare che non accetteremo più di essere una di meno.

“Noi insieme” per essere libere e liberi dalla violenza privata e istituzionale, dalla violenza economica, dal ricatto del lavoro precario e del permesso di soggiorno.

“Noi insieme” come donne, uomini, gay, lesbiche e trans che rifiutano la violenza di genere in ogni forma e ambito delle loro vite.

“Noi insieme” perchè vogliamo che ogni donna in qualsiasi quartiere di qualsiasi città possa camminare per strada la sera sentendosi sicura, denunciare il suo aggressore senza finire sotto accusa o essere addirittura ignorata. Vogliamo che in qualsiasi ufficio, in qualsiasi reparto di qualsiasi azienda non ci sia disparità salariale tra uomini e donne che ricoprono la stessa posizione lavorativa. Vogliamo che ogni donna possa decidere sul suo corpo, che ogni persona possa scegliere o non scegliere di identificarsi in un genere o in un ruolo socialmente imposto.

“Noi insieme” per chiedere che l'amministrazione comunale di Alessandria riconosca l'utilità sociale, politica e culturale di una Casa delle Donne in città, concedendo l'uso di uno spazio pubblico ad oggi vuoto o abbandonato.

Le Istituzioni non potranno più ignorare il grido che la manifestazione alessandrina di oggi, partecipata da private cittadine e cittadini e tante associazioni, ha lanciato forte e chiaro.

Lottiamo contro la violenza di genere e per una Casa delle Donne ad Alessandria, convinte che solo questa dimensione collettiva possa determinare un vero cambiamento culturale e sociale.

Lottiamo per una Casa delle Donne perchè crediamo che non possa essere costruita un'alternativa alla società patriarcale senza di noi.

Costruiamo uno spazio che, a partire dalle esigenze delle donne, possa diventare centro propulsore delle loro azioni.

Il percorso è già iniziato e non si ferma qui.

Non Una di Meno Alessandria
9/03/2018







blog comments powered by Disqus


E' l'anno del rilancio del parcheggio di via Parma? Ma le tariffe non piacciono a tutti

Alessandria | Secondo Amag Mobilità il parcheggio di via Parma ha iniziato il suo percorso rilancio: aumentano gli utenti e si tenta di collocare sul mercato delle locazioni gli uffici. Ma le tariffe, secondo alcuni, sono troppo elevate. L'azienda: “sono in linea con le tariffe degli stalli in centro. Sono disponibili inoltre abbonamenti convenienti”

Trisobbio Pulito: giornata ecologica con la Pro Loco

Trisobbio  | Torna l'iniziativa promossa dal 1995 ad oggi dalla Pro Loco di Trisobbio in sinergia con alcuni abitanti volenterosi e desiderosi di mantenere il decoro nelle vie e strade del paese

Riqualificazione di via Roma, il progetto spiegato ai cittadini

Serravalle Scrivia | A Serravalle Scrivia è in programma un incontro per la presentazione del progetto del piano particolareggiato di riqualificazione del centro storico. Via Roma è la strada che subirà i maggiori cambiamenti

Castelletto comune virtuoso e 'riciclone', dove la juta prende il posto della plastica

Provincia | A Castelletto Monferrato la raccolta del verde si fa con i sacchi di juta, "totalmente biodegradabili, traspiranti e più resistenti di quelli in plastica". Il sindaco Colletti: "Da noi differenziata all'86%, ridurre la Tari nei comuni virtuosi come il nostro". L'idea del vice sindaco: "Sostituire il polistirolo per imballaggi con i pop corn"

Pranzo solidale con Betel da condividere nel segno della solidarietà

Csvaa Informa | Domenica 24 marzo nella Parrocchia di San Michele Arcangelo un pranzo di beneficenza organizzato dalle associazioni Betel onlus e Dike onlus, con il supporto del Csvaa