Alessandria

Più di 500 persone contro la violenza di genere al grido di #wetoogether

La manifestazione per l'8 marzo è stata partecipata da tante alessandrine e alessandrini per combattere la violenza e sostenere la nascita in città di una Casa delle Donne

ALESSANDRIA - L'8 marzo lo Sciopero Globale delle Donne ha attraversato anche Alessandria.

Più di 500 persone hanno deciso di riempire le strade della nostra città, insieme alle donne e agli uomini che hanno manifestato in 70 Paesi del Mondo, per unire le loro voci in un unico grido: #wetoogether.

Ecco il comunicato inviato dal Comitato "Non una di meno" a corredo dell'iniziativa. 
“Noi insieme” per urlare che non accetteremo più di essere una di meno.

“Noi insieme” per essere libere e liberi dalla violenza privata e istituzionale, dalla violenza economica, dal ricatto del lavoro precario e del permesso di soggiorno.

“Noi insieme” come donne, uomini, gay, lesbiche e trans che rifiutano la violenza di genere in ogni forma e ambito delle loro vite.

“Noi insieme” perchè vogliamo che ogni donna in qualsiasi quartiere di qualsiasi città possa camminare per strada la sera sentendosi sicura, denunciare il suo aggressore senza finire sotto accusa o essere addirittura ignorata. Vogliamo che in qualsiasi ufficio, in qualsiasi reparto di qualsiasi azienda non ci sia disparità salariale tra uomini e donne che ricoprono la stessa posizione lavorativa. Vogliamo che ogni donna possa decidere sul suo corpo, che ogni persona possa scegliere o non scegliere di identificarsi in un genere o in un ruolo socialmente imposto.

“Noi insieme” per chiedere che l'amministrazione comunale di Alessandria riconosca l'utilità sociale, politica e culturale di una Casa delle Donne in città, concedendo l'uso di uno spazio pubblico ad oggi vuoto o abbandonato.

Le Istituzioni non potranno più ignorare il grido che la manifestazione alessandrina di oggi, partecipata da private cittadine e cittadini e tante associazioni, ha lanciato forte e chiaro.

Lottiamo contro la violenza di genere e per una Casa delle Donne ad Alessandria, convinte che solo questa dimensione collettiva possa determinare un vero cambiamento culturale e sociale.

Lottiamo per una Casa delle Donne perchè crediamo che non possa essere costruita un'alternativa alla società patriarcale senza di noi.

Costruiamo uno spazio che, a partire dalle esigenze delle donne, possa diventare centro propulsore delle loro azioni.

Il percorso è già iniziato e non si ferma qui.

Non Una di Meno Alessandria
9/03/2018







blog comments powered by Disqus


Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Alessandria | Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

"Pasticceri in formAzione": un’iniziativa di inclusione sociale di CrescereInsieme e Oda

Casale Monferrato | Sabato 23 giugno il momento celebrativo di un percorso realizzato da alcuni richiedenti asilo beneficiari del Progetto Sprar gestito dalla Cooperativa CrescereInsieme, all’interno di una formazione professionale di Prodotti da Forno e Pasticceria presso il Ciofs Palomino e di una sessione di diretta conoscenza di una realtà produttiva,  individuata nella Bottega dell’Oda

Rifiuti, la sfida del porta a porta: ovadesi tra dubbi e problemi

Ovada  | I primi due incontri pubblici, organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano, hanno evidenziato alcune perplessità dei cittadini, definiti "protagonisti" di questa rivoluzione

C'è il nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale

Ovada | Completata la procedura per il rinnovo dell'organo che i sacerdoti nella conduzione pastorale della parrocchia. In tutto sono 27 i nuovi membri