Alessandria

Più di 500 persone contro la violenza di genere al grido di #wetoogether

La manifestazione per l'8 marzo è stata partecipata da tante alessandrine e alessandrini per combattere la violenza e sostenere la nascita in città di una Casa delle Donne

ALESSANDRIA - L'8 marzo lo Sciopero Globale delle Donne ha attraversato anche Alessandria.

Più di 500 persone hanno deciso di riempire le strade della nostra città, insieme alle donne e agli uomini che hanno manifestato in 70 Paesi del Mondo, per unire le loro voci in un unico grido: #wetoogether.

Ecco il comunicato inviato dal Comitato "Non una di meno" a corredo dell'iniziativa. 
“Noi insieme” per urlare che non accetteremo più di essere una di meno.

“Noi insieme” per essere libere e liberi dalla violenza privata e istituzionale, dalla violenza economica, dal ricatto del lavoro precario e del permesso di soggiorno.

“Noi insieme” come donne, uomini, gay, lesbiche e trans che rifiutano la violenza di genere in ogni forma e ambito delle loro vite.

“Noi insieme” perchè vogliamo che ogni donna in qualsiasi quartiere di qualsiasi città possa camminare per strada la sera sentendosi sicura, denunciare il suo aggressore senza finire sotto accusa o essere addirittura ignorata. Vogliamo che in qualsiasi ufficio, in qualsiasi reparto di qualsiasi azienda non ci sia disparità salariale tra uomini e donne che ricoprono la stessa posizione lavorativa. Vogliamo che ogni donna possa decidere sul suo corpo, che ogni persona possa scegliere o non scegliere di identificarsi in un genere o in un ruolo socialmente imposto.

“Noi insieme” per chiedere che l'amministrazione comunale di Alessandria riconosca l'utilità sociale, politica e culturale di una Casa delle Donne in città, concedendo l'uso di uno spazio pubblico ad oggi vuoto o abbandonato.

Le Istituzioni non potranno più ignorare il grido che la manifestazione alessandrina di oggi, partecipata da private cittadine e cittadini e tante associazioni, ha lanciato forte e chiaro.

Lottiamo contro la violenza di genere e per una Casa delle Donne ad Alessandria, convinte che solo questa dimensione collettiva possa determinare un vero cambiamento culturale e sociale.

Lottiamo per una Casa delle Donne perchè crediamo che non possa essere costruita un'alternativa alla società patriarcale senza di noi.

Costruiamo uno spazio che, a partire dalle esigenze delle donne, possa diventare centro propulsore delle loro azioni.

Il percorso è già iniziato e non si ferma qui.

Non Una di Meno Alessandria
9/03/2018







blog comments powered by Disqus


Liste d’attesa, la Regione al lavoro sui piani delle Asl

Provincia | Saitta: “In autunno i piani saranno attivi, siamo pronti ad aggredire in modo efficace il problema”. Entrerà anche in funzione il nuovo Cup unico regionale per le prenotazioni. In provincia potenziamenti per le visite in dermatologia, oculistica, gastroenterologia e per gli esami di ecocolordoppler, ecografia addome, mammografia e spirometria

"Nuovo Rinascimento": una rivoluzione pacifica per una società solidale

Alessandria | Questa è l'iniziativa messa in piedi dal presidente dell'associazione IDEA, Paolo Berta a partire da mercoledì 15 agosto e così ogni mattina alle ore 10 davanti la sede dell'associazione in viale Toscanini. "Con scope e ramazze si pulisce, si fanno due parole, ci si conosce e si prende un caffè". Hanno iniziato in 15, per diventare oltre 20 in due giorni: "una città più pulita e più solidale con tutti"

"Si al servizio obbligatorio per il Paese"

Società | Dall'associazione nazionale Alpini riceviamo un comunicato relativo al ripristino della leva obbligatoria. Per Ana "occorre colmare un vuoto educativo che sta toccando in maniera trasversale tutti gli ambiti della società, dalla scuola alla famiglia, dalla Chiesa alla politica" ed è quindi favorevole al "ripristino di un servizio obbligatorio per tutti i giovani, maschi e femmine"

"Stiamo tutti bene": l'ambulatorio sanitario solidale e diffuso

Acqui Terme | Il progetto, sostenuto dalla Fondazione SociAl, ha l’obiettivo di aiutare le fasce della popolazione che, a causa della recente crisi economica o in seguito a modifiche del loro profilo lavorativo, faticano ad introdurre nel bilancio familiare le spese per le cure e la prevenzione medica

Mornese: quattro mesi di lavoro per internet superveloce

Mornese | Firmato l'accordo e inaugurati i lavori di stesura della fibra ottica per quasi 5 chilometri. Investimento pubblico privato da 160 mila euro