Alessandria

Più di 500 persone contro la violenza di genere al grido di #wetoogether

La manifestazione per l'8 marzo è stata partecipata da tante alessandrine e alessandrini per combattere la violenza e sostenere la nascita in città di una Casa delle Donne

ALESSANDRIA - L'8 marzo lo Sciopero Globale delle Donne ha attraversato anche Alessandria.

Più di 500 persone hanno deciso di riempire le strade della nostra città, insieme alle donne e agli uomini che hanno manifestato in 70 Paesi del Mondo, per unire le loro voci in un unico grido: #wetoogether.

Ecco il comunicato inviato dal Comitato "Non una di meno" a corredo dell'iniziativa. 
“Noi insieme” per urlare che non accetteremo più di essere una di meno.

“Noi insieme” per essere libere e liberi dalla violenza privata e istituzionale, dalla violenza economica, dal ricatto del lavoro precario e del permesso di soggiorno.

“Noi insieme” come donne, uomini, gay, lesbiche e trans che rifiutano la violenza di genere in ogni forma e ambito delle loro vite.

“Noi insieme” perchè vogliamo che ogni donna in qualsiasi quartiere di qualsiasi città possa camminare per strada la sera sentendosi sicura, denunciare il suo aggressore senza finire sotto accusa o essere addirittura ignorata. Vogliamo che in qualsiasi ufficio, in qualsiasi reparto di qualsiasi azienda non ci sia disparità salariale tra uomini e donne che ricoprono la stessa posizione lavorativa. Vogliamo che ogni donna possa decidere sul suo corpo, che ogni persona possa scegliere o non scegliere di identificarsi in un genere o in un ruolo socialmente imposto.

“Noi insieme” per chiedere che l'amministrazione comunale di Alessandria riconosca l'utilità sociale, politica e culturale di una Casa delle Donne in città, concedendo l'uso di uno spazio pubblico ad oggi vuoto o abbandonato.

Le Istituzioni non potranno più ignorare il grido che la manifestazione alessandrina di oggi, partecipata da private cittadine e cittadini e tante associazioni, ha lanciato forte e chiaro.

Lottiamo contro la violenza di genere e per una Casa delle Donne ad Alessandria, convinte che solo questa dimensione collettiva possa determinare un vero cambiamento culturale e sociale.

Lottiamo per una Casa delle Donne perchè crediamo che non possa essere costruita un'alternativa alla società patriarcale senza di noi.

Costruiamo uno spazio che, a partire dalle esigenze delle donne, possa diventare centro propulsore delle loro azioni.

Il percorso è già iniziato e non si ferma qui.

Non Una di Meno Alessandria
9/03/2018







blog comments powered by Disqus


Cultura e Sviluppo Community: "si migliora insieme"

Alessandria | Giovedì 18 ottobre l'evento di presentazione delle attività dell’associazione e di ascolto delle idee del territorio. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare il cambio generazionale al vertice dell’Associazione stessa: Giorgio Guala passerà il testimone al nipote Francesco

Al Caffè Scienza la sicurezza alimentare “dal campo alla tavola”

Alessandria | L’Unione Europea e l’Oms hanno messo in evidenza come “la sicurezza alimentare sia una responsabilità condivisa dal campo alla tavola”. In quest’ottica sono fondamentali la rintracciabilità e la tracciabilità delle produzioni. Appuntamento lunedì 15 ottobre a Cultura e Sviluppo

Allievi dell'Enaip all'opera durante i Giovedì Culturali

Alessandria | Gli allievi del 2° anno del corso Operatore della ristorazione -  sala bar avranno la possibilità di vivere un'esperienza di alternanza scuola lavoro, occupandosi del servizio al buffet all'associazione Cultura e Sviluppo

Sem Cup, vincono Barisone e Calissano. Ma a trionfare è la solidarietà

Serravalle Scrivia | Il trofeo di golf ideato da Marco Semino è arrivato alla terza edizione e ha battuto tutti i record di partecipazione. A trionfare comunque è stata la solidarietà, con i fondi donati alle Suore di Carpeneto e alla Flying Angels Foundation

Ospedale Infantile: diagnosticata in pediatria una rara cardiopatia congenita in neonato di 7 giorni

Alessandria | Una gravidanza complicata dal diabete gestazionale, a cui ha fatto seguito un parto spontaneo: una gioia immensa per i genitori del piccolo NN, che alla nascita presentava un peso regolare e un regolare adattamento alla vita. Ma il terzo giorno di vita è stato diagnosticato un difetto cardiaco congenito grave e molto raro definito finestra aorto polmonare