Ovada

Rifiuti, la sfida del porta a porta: ovadesi tra dubbi e problemi

I primi due incontri pubblici, organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano, hanno evidenziato alcune perplessità dei cittadini, definiti "protagonisti" di questa rivoluzione

OVADA - I primi due incontri pubblici organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano. E poi la consegna dei bidoncini e dei depliant informativi. La "rivoluzione" del "porta a porta" è ormai ai blocchi di partenza, con un periodo di rodaggio che servirà agli ovadesi per prendere confidenza  con il nuovo metodo di raccolta dei rifiuti. Un passo obbligato, al di là delle idee ed opinioni che si rincorrono in questi giorni, ancora tutto da pesare. “Vi stiamo proponendo una gran rottura di palle - ha ammesso il sindaco Paolo Lantero durante l'assemblea pubblica -. Stiamo facendo una scommessa: i protagonisti veri sono i cittadini. Siamo onesti: nell’immediato non costerà di meno. Ma non ci sono altre soluzioni per un problema il cui ambito è molto più ampio dell’Ovadese”. Un territorio che, insieme ad Acqui Terme e concentrico, farà da apripista a questo progetto, già sperimentato (con risultati positivi) in alcune regioni del Nord Est. Lo scenario nel quale parte questo nuovo sistema è chiaro. Sono in corso le pratiche per la sopraelevazione della discarica di Tortona. Quella di Novi non è a questi punti ma non è infinita. Ovadese e Acquese saranno gli apripista in questa sfida. Novese e Tortonese, gli altri due territori inseriti nel Consorzio Servizi Rifiuti di riferimento, hanno preferito rimandare ancora di un anno.

Da anni il bacino Econet è quello più in difficoltà sul tema della differenziata e della sua qualità. “L’eliminazione del cassonetto sulla strada – assicura l’attuale presidente Econet, Anselmo Rinaldi – già di per sé porta a diminuzione della spazzatura destinata allo smaltimento”. “Il modello – ha confermato Gabriella Morsilli, direttrice di Econet – è già stato testato con successo in altre realtà. Questo metodo induce a una grande responsabilizzazione: chi inquina di più, pagherà di più. In questo senso è equo”. Ogni bidoncino consegnato sarà direttamente riconducibile al nucleo famigliare che ne farà uso. Le regole evidenziate nel materiale informativo sono la diretta conseguenza della tecnologia utilizzata per il trattamento dei rifiuti nell’ambito del Consorzio di riferimento. All’assemblea di martedì scorso tanti cittadini hanno provato ad ascoltare tra dubbi e incertezze. “E se mettono la spazzatura nel mio bidoncino?” “Se aderisco al compostaggio lo ritirate?” Il vero scoglio è lo scontro con un territorio che negli ultimi anni ha spesso messo in mostra una scarsa sensibilità nei confronti del problema e dell’ambiente in generale. “L’altro giorno – ha raccontato Morsilli – abbiamo trovato nel bidone dell’indifferenziata una cucina a gas. Crediamo che non sia accettabile. I centri di raccolta (a Ovada quello della Rebba ndr) sono aperti per evitare questi problemi. Se necessario ritiriamo fino a tre pezzi”. Nel frattempo il primo passo sarà, lunedì prossimo, la discussione in Consiglio Comunale dell’apposito regolamento. 

23/06/2018







blog comments powered by Disqus


Alla Casa di Quartiere il documentario sul lavoro di Emergency in Italia

Alessandria | Giovedì 19 luglio il documentario con Ascanio Celestini, Erri De Luca, Cecilia Strada

Pastasciutta antifascista in ricordo dei fratelli Cervi

Visone  | L'Anpi di Acqui Terme e la Comunità San Benedetto al Porto organizzano per il secondo anno consecutivo la "Pastasciutta Antifascista"; un momento per ricordare il 25 luglio (la caduta di Mussolini e la spaghettata dei fratelli Cervi) ed un occasione di condivisione e riflessione sull'oggi. Appuntamento venerdì 20 luglio alla Cascina Mandela

Il turismo come esperienza: nasce Les Carrelages

Ovada | Mira a intercettare i flussi turistici in crescita degli ultimi anni l'associazione creata da allievi del corso di accoglienza turistica della Casa di Carità. L'esordio pubblico con una visita narrata del centro storico

Maturità: tutti i promossi dell'Istituto Barletti

Ovada  | Sono poco più di un centinaio gli alunni dell'Istituto ovadese che si sono sottoposti alle tre prove dell'esame di maturità, terminato qualche giorno fa. Epilogo amaro per tre studenti, che dovranno ripetere l'anno

Il sogno in punta di piedi, Francesca alla Scala di Milano

Tortona | La giovane tortonese è riuscita a frequentare l'esclusivo stage di danza milanese grazie alle sue doti e al curriculum da piccola stella del balletto. La sua insegnante è convinta che la vedremo presto danzare su importanti palcoscenici