Alessandria

Si riaprono le porte del Punto D al Cristo, centro di ascolto e di incontro per le famiglie

Taglio del nastro per la riapertura del Punto D al quartiere Cristo, che grazie all'impegno del Cissaca e di due cooperative sociali rimette in piedi un centro di ascolto, di incontro e di attività per la famiglia. Open day il 18 ottobre

 ALESSANDRIA - “Una scelta importante in tempi di contrazione delle risorse quella di riaprire il Punto D in un quartiere popoloso come il Cristo”. Queste le prime parole del presidente del Cissaca, Gianni Ivaldi nella mattinata di inaugurazione – con formale taglio del nastro alla presenza degli assessori comunali Ciccaglioni e Roggero – del nuovo “Centro per le famiglie”. Un impegno grazie all'azione di due cooperative sociali, Azimut e Il Gabbiano, “affinché diventi punto di ascolto, di aggregazione sociale e anche di crescita per il quartiere e per tutta la città”.

“La riapertura di questi locali è la dimostrazione che anche con la contrazione economica, i servizi per la città non vengono meno. Anzi. Il Comune ha dato questo spazio al Cissaca, braccio destro dell'amministrazione nelle azioni di assistenza sociale, che mette in atto il compito più importante: imparare ad ascoltare le persone” ha dichiarato l'assessore Piervittorio Ciccaglioni, accompagnato dall'assessore Mattia Roggero, quasi emozionato: “ci venivo da ragazzo insieme agli amici a suonare”. Un percorso per “far riappropriare la città e il quartiere a questo luogo". Questo è quello che si vuole cercare di mettere in atto con questa “sfida”, come è stata definita dalla direttrice del Cissaca, la dottoressa Guasasco. Per andare incontro alle povertà dei nostri giorni, “che non sono solo quelle materiali, ma sono quelle relazionali, soprattutto tra generazioni”.

Così lo spirito è quello di far riavvicinare le famiglie, di recuperare gli “antichi valori”, riunendo sotto un unico spazio: quello del Punto D. “Questo è il lavoro sul quale concentreremo le energie, con tutti gli operatori del settore”. Si passa così dagli spazi per i bambini, con laboratori ludico-sociali, al laboratorio teatrale dai 10 ai 18 anni (con inizio a novembre). Poi sala polifunzionale dove sarà lasciato spazio al sostegno alla genitorialità, piuttosto che alla consulenza famigliare (sostegno a genitori separati ad esempio).

La giornata di presentazione alle famiglie e ai cittadini del Cristo è il 18 ottobre, con un Open Day per visitare i nuovi locali, tutti ristrutturati, e per informarsi sulle prossime iniziative e attività del nuovo Punto D.
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Ai Giovedì Culturali scienziati a confronto sui cambiamenti climatici

Alessandria | Riccardo Valentini, membro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change a cui è stato conferito il Nobel nel 2007, parlerà con Paola Rivaro, nota per le sue ricerca in Antardide, della necessità di una nuova economia e una nuova etica politica per accompagnare la crescita della nostra società verso forme più sostenibili in grado di lasciare alle nuove generazioni un futuro più sicuro e accogliente

Ospedale: l'Ovadese ripropone le sue richieste

Ovada | In un vertice tra la rappresentanza dei sindaci e il vertice dell'Asl rimessa sul piatto la proposta del reparto a gestione mista con la compartecipazione dei medici di famiglia

Vela: torna la scuola del cittadino responsabile

Ovada | Domani sera primo appuntamento con il corso curato da associazione Vela che porta medici e cittadini a confrontarsi sui temi caldi della sanità

Dieci anni di Anioc, i Cavalieri vanno a convegno

Francavilla Bisio | Da dieci anni nella zona di Novi Ligure è attiva una delegazione dell'Anioc, l'associazione degli insigniti di onorificenze cavalleresche. Mario Mazzarello chiama a raccolta gli iscritti per un convegno a Francavilla Bisio

Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città

Alessandria | Un reportage per osservare cosa si trova oltre il muro che circonda la Casa Circondariale "Catiello e Gaeta", ormai diventata sul piano amministrativo un'unica realtà con il carcere di San Michele. Il nostro capoluogo è uno degli ultimi in Italia ad avere una struttura detentiva in pieno centro. Ecco come funziona la vita all'interno