Novi Ligure

Campione di karate, podista, pilota: le tante vite di Andrea Chaves

Andrea Chaves Lopez era uno sportivo a 360 gradi e otteneva sempre ottimi risultati: a maggio si era laureato campione italiano di karate, lo stesso mese aveva ottenuto il primo posto al "Castello di pietra", il trail sui sentieri della val Borbera. E ad appena 16 anni aveva conseguito il brevetto per il volo a vela

NOVI LIGURE – A Novi Ligure il mondo dello sport è in lutto per la morte di Andrea Chaves Lopez, a soli 21 anni. Tesserato per l’Atletica Novese e appassionato alpinista, il suo primo amore era stato però il karate.
«Suo padre Yonny l’aveva portato da noi quando Andrea aveva appena 7 anni – ricorda Gimmo Borsoi, maestro e presidente del Tempio del Karate, la nota associazione sportiva novese – Da allora ha sempre continuato a frequentare il nostro dojo».

Andrea era più che un atleta promettente: la sua bravura, unita a un impegno costante negli allenamenti, lo aveva portato a vincere due titoli tricolori, l’ultimo dei quali a maggio di quest’anno nella specialità kumite per la categoria Juniores. Nel 2014, a soli 17 anni, aveva ottenuto la cintura nera. «Andrea metteva il massimo dell’impegno in tutto quello che faceva – dice ancora Borsoi – Era un vero fuoriclasse ed era amato da tutti: al Tempio del Karate sono arrivate decine e decine di messaggi di cordoglio».

Un minuto di silenzio al termine delle gare in tutto il Piemonte: l’ha deciso Fidal, la Federazione italiana di atletica leggera, per la giornata di oggi. Andrea Chaves da due anni infatti era tesserato all’Atletica Novese. «Era un ragazzo dai molteplici interessi e non aveva occasione di partecipare a tutte le gare – afferma il vicepresidente Fabrizio Reale – Quando c’era, però, otteneva spesso ottimi risultati». L’ultima gara l’aveva corsa a Rocca Grimalda, la “Monferrina” del 30 luglio scorso, ed era appunto arrivato secondo. A maggio aveva ottenuto la medaglia d’oro al “Castello di pietra”, un trail di 16 chilometri sui sentieri della val Borbera che Andrea ha chiuso in 1 ora e 12 minuti. «Oggi i nostri atleti indosseranno una fascia nera in segno di lutto», spiega Reale.

«Andrea aveva una grande voglia di scoprire il mondo e di fare nuove esperienze, anche molto impegnative. Due caratteristiche che la dicono lunga sulle sue grandi qualità personali». A parlare è Andrea Mogliazza, presidente dell’associazione Volo a Vela Novi. A dicembre del 2012, appena sedicenne, Andrea aveva infatti conseguito il brevetto per il volo a vela [foto in apertura]. Un altro piccolo-grande record per questo ragazzo novese, che anche in questa “avventura” era stato supportato dal papà Yonny e dalla mamma Patrizia Marchesotti. «Ha volato con noi fino al 2016 – dice Mogliazza – Poi gli impegni all’università lo hanno assorbito maggiormente».

«La città perde un ragazzo straordinario e un atleta dalle grandi doti umane. Ci stringiamo alla sua famiglia e ai suoi amici in questo momento di dolore», dice l’assessore allo Sport Stefano Gabriele esprimendo il cordoglio dell’amministrazione comunale.
10/09/2017







blog comments powered by Disqus


Grigi di nuovo in campo: al 'Mocca' primo atto della semifinale di Coppa

Serie C - Coppa Italia | Alle 19.30 la gara di andata tra l'Alessandria e il Pontedera nella semifinale della Coppa Italia di C. Out gli squalificati Gatto e Ranieri, esordio dal 1' per Bellazzini

'Borsalino in testa e nel cuore' alla StrAlessandria 2018

Alessandria | L’edizione 2018 partirà dal Ponte Meier, simbolo della nuova Alessandria. Luogo d’arrivo tornerà ad essere Piazza della Libertà. Quest'anno appello di solidarietà per la difesa della Borsalino

L'immagine di Aldrovandi al 'Mocca', raccolta fondi contro le multe ai tifosi

Alessandria | Venerdì 23 al Laboratorio Sociale una serata di raccolta fondi per le multe ai tifosi, puniti per aver introdotto all’interno degli stadi l’immagine di Federico Aldrovandi: "Per mostrare la vita non serve preavviso"

Giovanili: tre successi per i Boys

Ovada  | Turno positivo per le giovanili dei Boys e dell’Ovadese Silvanese. La prima vittoria è dei 2001 di Baratti...

Con Passodopopasso “Il Corridore” Marco Olmo al Teatro Parvum

Csvaa Informa | Venerdì 23 febbraio una serata dedicata al racconto di una vita che è stata un modello per tutti, sportivi e non solo: una leggenda vivente della corsa estrema