Alessandria

Di Masi e Olympic, fine di una storia: entro nove mesi chiusi i due negozi di Torino

Dopo 81 anni di attività (il primo punto vendita fu inaugurato nel 1937) entro la prossima primavera lo storico marchio d'abbigliamento Olympic, proprietà della famiglia Di Masi, chiuderà i due negozi sotto i portici di piazza San Carlo a Torino

TORINO - L'annuncio è uno shock, soprattutto per gli oltre venti dipendenti fin qui stipendiati dalla famiglia Di Masi: dopo 81 anni di attività (il primo punto vendita fu inaugurato nel 1937) entro la prossima primavera lo storico marchio d'abbigliamento Olympic chiuderà i due negozi sotto i portici di piazza San Carlo a Torino. La notizia è di questa mattina, pubblicata sull'edizione torinese del 'Corriere della Sera',

Poco più di un mese fa la morte dell'adorato padre Francesco, poi, dopo l'immediata eliminazione dai play off di C, l'annuncio a sorpresa: "basta spese folli, si riparte dai giovani". Ora la chiusura dei due storici negozi di famiglia, come si legge su Corriere Torino, "comunicata nei giorni scorsi personalmente da Luca Di Masi ai circa 25 dipendenti", che ora hanno nove mesi per cercare un'altra occupazione sperando nel frattempo nella comparsa di un nuovo acquirente, cosa al momento poco probabile.

Un periodo tutt'altro che semplice per il presidente dell'Alessandria, che ad ogni modo nella conferenza stampa di fine campionato ha assicurato di non aver alcuna intenzione di vendere la società di via Bellini. A tifosi ed addetti ai lavori non resta perciò che fare affidamento sulle parole di Luca Di Masi, al quale va dato atto di aver sino ad oggi dimostrato onestà intellettuale e coerenza. Nel mondo del calcio però, soprattutto di questi tempi, ribaltoni societari ed annunci a sorpresa sono ormai da mettere in un conto che spesso si rivela troppo salato, soprattutto per chi nel calcio investe milioni senza avere alle spalle finanziatori multimiliardari, holding di vario genere o cordate formate da facoltosi (e a volte misteriosi...) imprenditori.
21/06/2018







blog comments powered by Disqus


Master di nuoto, un valenzano si impone ad un anno dalla 'ripresa'

Valenza | Orafo, Guardia d'Onore al Pantheon, concorrente ad un reality americano e nuotatore da podio. Alberto Raspagni torna da Palermo con grandi risultati. E dire che aveva ripreso da pochi mesi gli allenamenti

Lucrezia Lupi e la Novese: una storia che ricomincia

Novi Ligure | Lucrezia Lupi, 27 anni, torna a giocare nella Novese. Fortemente voluta in squadra dal mister Fossati e dal presidente Saccone, in passato ha militato nell'Alessandria, nell'Acqui e nel Borghetto. "Indossare la maglia del club dove sei nata è una responsabilità e una gratifica enorme"

Sogni in campo aperto

Campionati Mondiali di Calcio 2018 | Dunque dopo due partite vinte ai rigori ed una ai supplementari, dopo aver cantato tra le più belle arie calcistiche di questo mondiale, la Croazia, come Gilda, la figlia di Rigoletto, al fin è caduta. Il condottiero Didier Deschamps, non lo ammetterà mai, ma ha vinto giocando all'italiana

Tacchino: un'estate brillante con le promesse del ciclismo

Castelletto d'Orba | Il preparatore atletico castellettese ha curato la preparazione della nazionale juniores e ha portato un suo atleta al successo nei campionati giovanili di mountain bike

Ovadese Silvanese: prima uscita pubblica, in attesa del ritiro

Ovada  | Dopo settimane di lavoro e di attesa la compagine di mister Vennarucci è stata svelata agli ovadesi, che hanno approfittato della festa serale per conoscere gli ultimi arrivi dal calciomercato