Pallavolo - Serie B

Novi Pallavolo: prova di forza con Cirié, ora sotto con Parma

Nella serata di sabato 2 i novesi hanno dato spettacolo liquidando in poco più di un’ora la pratica Cirié per tre set a zero. Sabato 9 si gioca a Parma alle 17,30

NOVI LIGURE - La sosta fra la fine dell’andata e l’inizio del girone di ritorno non ha cambiato la condizione di forma di una Novi Pallavolo che anche nel 2019 dà l’impressione di potere ripetere l’exploit dell’anno passato anche perché rispetto al 2018 la distanza dai playoff è di solo quattro punti rispetto agli otto di un anno fa.

I novesi, nella serata di sabato 2, hanno dato spettacolo liquidando in poco più di un’ora la pratica Cirié, non una cenerentola perché i torinesi prima della sfida erano avanti ai biancoblù che col successo hanno ridotto a una lunghezza il distacco dai rivali accorciando una classifica che vede la capolista Caronno 34 inseguita a quota 32 dal Parella a sua volta avanti di due punti su un Alba in caduta libera: dietro, Cirié e Novi. La tante sfide incrociate di febbraio potranno rimescolare le carte con Novi che a fine mese riceverà in casa la capolista dopo essersi recata in casa del Parella.

I novesi danno l’impressione di essere la mina vagante della classifica, una squadra cioè in grado di vincere e perdere con ogni avversario ma rispetto all’andata la condizione e la convinzione del gruppo appare migliore perché alcuni elementi chiave della rosa sono in crescita costante e perché la preparazione atletica impostata da Quagliozzi è entrata nel momento migliore per i suoi ragazzi. Lo si è visto sabato con Cirié, battuto 3-0 (parziali di 26-24; 25-20; 25-16) in poco più di un’ora al termine di un match contro una rivale che non era proprio una compagine facile da affrontare e contro la quale la rivalità sportiva è sempre molto alta. Sugli scudi molti elementi, dai centrali Belzer e Zappavigna agli attaccanti Moro e Guido senza dimenticare il regista Corrozzatto e chi fa un lavoro di recupero palloni importante ma oscuro come il baby Bassanese altro elemento che sta crescendo di partita in partita.

"Abbiamo ancora margini di miglioramento importanti, possiamo fare meglio e dare di più ma la strada intrapresa è sulla falsariga di quella vista nelle ultime partite prima della sosta: il gruppo c’è e sa di essere competitivo", spiegano i dirigenti novesi che sottolineano come il successo e il momento positivo sia dovuto al gruppo mai come quest’anno unito e coeso in campo e fuori.

Sabato 9 si gioca a Parma alle 17,30 contro una compagine che ha ripreso a fare buona pallavolo dopo un momento di appannamento. Non sarà una passeggiata per Moro e compagni che però se vogliono pensare in grande devono puntare al bersaglio grosso.
7/02/2019
Maurizio Iappini - sport@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Colombo si presenta: "Dovrò dimostrare di essere all'altezza. Classifica? Non guardiamo le disgrazie altrui"

Serie C - girone A | Alberto Colombo ed il suo vice Gianluca Fasano da ieri pomeriggio alla guida dell'Alessandria: "Come uscire da questa situazione? L'unica medicina sono i risultati. Nei ragazzi vedo grande disponibilità"

La panchina dell'Alessandria ad Alberto Colombo

Calcio | L'ex tecnico di Pro Patria, Reggiana, Sud Tirol e Vicenza ha firmato fino al prossimo giugno. L'allenatore in seconda sarà Gianluca Fasano

Dlf Judo: Vittoria Tassone e Carlotta Zeme ottengono il pass per le finali nazionali

Judo | Sabato 16 a Giaveno si sono svolte le qualificazioni regionali per i Campionati Italiani U18. Ok Vittoria Tassone e Carlotta Zeme che saranno ad Ostia il 2 e il 3 marzo

Apd Rugby: i risultati del week end dei pulcini della palla ovale

Rugby | Pieno di rugby per quasi tutte le formazioni dell’APD Rugby Alessandria. Ferma solo la Under 6 a causa delle influenze che hanno decimato i numeri anche questa settimana

Giovanili: Ovadese Silvanese, buon punto per la Juniores a Borgo Vercelli

Ovada  | Tutte nel primo tempo le realizzazioni fra i locali e la squadra allenata da mister Gandini. Borgo in vantaggio al 10’ su calcio di rigore trasformato da Juni, pari al 34’ scaturito da una punizione di Costantino deviata da Perassolo