Gavazzana

Cerboncini e l'improvvisazione: concerto a Gavazzana

Matteo Cerboncini, musicista legato a Novi Ligure e molto apprezzato in zona - e non solo, sarà il protagonista di Cerbo Solo, concerto che si terrà a Gavazzana. Cerboncini presenterà un progetto solista basato sull'improvvisazione

GAVAZZANA - Lunedì 15 gennaio, alle ore 21.30, le cantine del Gavazzana Blues ospiteranno Matteo Cerboncini che presenterà un progetto solista basato sull’improvvisazione. Il genere musicale sarà principalmente il blues. Uno spettacolo che coinvolgerà tutti gli spettatori e, direttamente, chi vorrà duettare con l'artista.
Il club metterà a disposizione il pianoforte, ingressi jack, batteria e microfoni. "Sarà uno spettacolo nelle spettacolo!" affermano gli organizzatori.

Nato a Genova nel 1986, inizia a suonare la chitarra giovanissimo collezionando esperienze variegate nell’ambito della produzione musicale e dell’insegnamento.

Dal 2004 al 2009 suona dal vivo nel circuito delle cover band incamerando circa 500 concerti in Italia e all’estero, oltre alle serate nei locali con il suo trio blues.

Dal 2010 inizia a lavorare dal vivo in Italia, Europa e Canada con artisti del panorama pop italiano come Gianluca Grignani, Dolcenera, Fausto Leali e Biagio Antonacci, ma anche con artisti blues statunitensi, come Susan Cattaneo e Sonny Rhodes.

Dal 2014 lavora sempre più assiduamente in diversi studi di registrazione per la realizzazione di album e produzioni televisive, come la controversa edizione 2017 di “Amici” al fianco di Morgan e Boosta (Subsonica); collabora in modo regolare con il produttore ed arrangiatore Erik Bosio (Cluster), entrando in contatto anche con il mondo della musica vocale.

Dal 2016 inizia a lavorare al suo progetto solista, basato sull’improvvisazione e sulla musica blues e americana (ma non solo).
Insegna regolarmente (dal 2010) in scuole di musica e privatamente.
Al momento è docente di chitarra presso la Rga di Milano, l’istituto musicale Casella di Novi Ligure e la Scuola Civica Rebora di Ovada.
Ha inciso 2 album con il suo gruppo Mamasuya, di cui uno in collaborazione con il grande musicista tedesco Johannes Faber.
È o è stato endorser di diversi produttori di strumenti: Blade Guitars, Dangelo Amplifiers, Blackshark Cabinets, Milk Pedals.

Ingresso libero riservato ai soci.
9/01/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Ospedali, nessuna chiusura in vista. Ma in tanti vanno a farsi curare fuori

Alessandria | Smentita dall'assessore alla Sanità l'ipotesi di chiudere gli ospedali di Novi, Ovada, Acqui, Tortona e Casale per costruire un nuovo nosocomio provinciale. Ma aumentano gli alessandrini che decidono di farsi curare fuori regione

Sara non ce l'ha fatta, addio alla cantante di Castelnuovo

Cronaca | Si è spenta a causa di un tumore Sara Serafin, di Castelnuovo Scrivia. Era la voce solista di due gruppi musicali. Ha lottato fino all'ultimo contro la malattia che ha spento la sua splendida voce

Fallimento La Cuntrò S.R.L. (Tribunale di Alessandria – RG 34/2018)

Informazione dalle aziende | Il Curatore raccoglie, entro il 2 luglio 2018, offerte irrevocabili d’acquisto dei contratti d’affitto d’azienda relativi a due attività di ristorazione/pizzeria site in Acqui Terme (AL) e Bistagno (AL)

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Operazione Triangolo, le prime testimonianze sull'inchiesta rifiuti

Cronaca | Diciannove indagati, tra i quali nomi noti dell'imprenditoria alessandrina nel settore delle cave e della lavorazione rifiuti. Un centinaio i testimoni che saranno chiamati a rendere deposizioni davanti al giudice del tribunale di Alessandria. In aula, ieri, i primi tre testimoni: funzionari e dipendenti della Provincia che hanno effettuato sopralluoghi nei siti oggetto di indagine