Economia

Itinera: “ossigeno” fino a fine anno, poi si rischiano 800 licenziamenti

I sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil chiedono di mantenere i riflettori accessi sulle norme del nuovo codice degli appalti, che entrerà in vigore il prossimo aprile. “Se non cambia la norma sull'affido dei lavori di manutenzione, si rischia la macellazione sociale”. Consegnata al Prefetto una lettera/appello. Si attende la convocazione dei tavoli ministeriali

LAVORO – Una vertenza aperta da due anni, che non ha ancora trovato una soluzione, e che sta mettendo a rischio 800 posti di lavoro in provincia di Alessandria e oltre mille in tutto il Piemonte.
Si rischia la “macelleria sociale” nel comparto delle manutenzioni stradali, dopo l'introduzione delle norme che prevedono la messa a gara della manutenzione e progettazione per l'80%, da parte dei concessionari. Per tradurre in termini “locali” il gruppo Gavio, concessionario, dovrà mettere a gara il lavoro attualmente svolto dalla controllata Itinera, la quale – in qualità di controllata – non potrà neppure partecipare. “I lavoratori sono seriamente preoccupati”, dicono i sindacati.
Lunedì una rappresentanza di lavoratori è stata ricevuta dal Prefetto, al quale è stato consegnato una lettera appello:
“Siamo impegnati da ormai due anni in una vertenza a sostegno dell’occupazione che ha visto i lavoratori scioperare e manifestare a varie riprese. Stiamo difendendo i posti di lavoro e la qualità dei servizi offerti, non le società concessionarie.
Nell’ ultimo incontro tenuto in sede Ministeriale, il MISE ed il MIT si sono dichiarati disponibili a proporre nella legge finanziaria un emendamento per ottenere lo stralcio dei lavori di manutenzione dal limite degli affidamenti diretti. Questo tipo di intervento sulla norma garantirebbe non solo i livelli occupazionali ma soprattutto la sicurezza e la qualità dei servizi.
Per evitare migliaia di licenziamenti chiediamo al Governo e al Parlamento di intervenire modificando la norma così come auspicato nell’ ultimo incontro al MISE prima dell’ apertura delle procedure di licenziamento collettivo. Chiediamo di escludere le opere di manutenzione e di progettazione dal computo della ripartizione 80-20 prevista dall’ art. 177 d.lgs n. 50/2017, garantendo così la continuità operativa delle imprese ed i nostri posti di lavoro”.

Il tempo, però, stringe: “il gruppo Benetton – spiega Rocco Politi di Fillea Cgil – ha già in procinto di aprire le gare. Il gruppo Gavio ci ha comunicato che potrà garantire gli attuali livelli fino a fine anno. Poi non si sa. Noi non siamo contrari alle gare, ma occorrono dei correttivi. Sono a rischio non solo i posti di lavoro ma anche la sicurezza di chi lavora e viaggia sulle autostrade”.
La manutenzione sulle autostrade richiede infatti specializzazione. “Troppi sono già stati gli incidenti sul lavoro”, dicono ancora i sindacati.
Oltre ai tavoli ministeriali, si prova a percorrere anche la strada delle commissioni parlamentari. “Se entro la fine del mese non ci saranno risposte circa la richiesta di incontri, siamo pronti a mettere in campo forme di lotta”. Lo scorso 10 luglio a Tortona si era tenuta una manifestazione molto partecipata, durante la quale era stato bloccato il casello autostradale.
14/09/2017







blog comments powered by Disqus


Fallimento La Cuntrò S.R.L. (Tribunale di Alessandria – RG 34/2018)

Informazione dalle aziende | Il Curatore raccoglie, entro il 2 luglio 2018, offerte irrevocabili d’acquisto dei contratti d’affitto d’azienda relativi a due attività di ristorazione/pizzeria site in Acqui Terme (AL) e Bistagno (AL).

Sara non ce l'ha fatta, addio alla cantante di Castelnuovo

Cronaca | Si è spenta a causa di un tumore Sara Serafin, di Castelnuovo Scrivia. Era la voce solista di due gruppi musicali. Ha lottato fino all'ultimo contro la malattia che ha spento la sua splendida voce

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Operazione Triangolo, le prime testimonianze sull'inchiesta rifiuti

Cronaca | Diciannove indagati, tra i quali nomi noti dell'imprenditoria alessandrina nel settore delle cave e della lavorazione rifiuti. Un centinaio i testimoni che saranno chiamati a rendere deposizioni davanti al giudice del tribunale di Alessandria. In aula, ieri, i primi tre testimoni: funzionari e dipendenti della Provincia che hanno effettuato sopralluoghi nei siti oggetto di indagine

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni