Ovada

Rinnovo vicino tra Regione e Trenitalia, i pendolari attaccano

Il contratto tra Regione Liguria - proprietaria, tra le altre, della Acqui-Genova, e Trenitalia, prevede un rinnovo di quindici anni. Oltre ai numerosi disservizi rilevati e documentati negli ultimi tempi, i pendolari criticano anche la durata del documento.

OVADA - Il monito era stato lanciato poco prima di Natale, attraverso un documento redatto dal Comitato Pendolari Valle Stura e Orba e sottoscritto da tante altre associazioni perlopiù complementari. L'inizio dell'anno ha portato un voto unanime, di maggioranza e opposizione, sul Documento di raccomandazioni della Commissione sul Contratto di servizio. "E' apprezzabile l'impegno e l'interessamento dei consiglieri su questo fronte, perdipiù vista la presenza di esponenti di tutti gli schieramenti - spiega Manuela Delorenzi, in rappresentanza del Comitato -. Forse per la prima volta in molti anni si sta iniziando ad assistere da parte dei consiglieri regionali ad un interessamento significativo verso una problematica così importante com’è quella del servizio ferroviario di competenza della Regione? Noi, insieme al Comitato Pendolari Savona-Genova, Pendolari del Levante, Comitato Ricorrenti CinqueTerre e WWF-Italia-Liguria ce lo auguriamo. Ma occorre che l’Assessore Berrino si faccia forte di questo sostegno, che viene da consiglieri di tutti gli schieramenti politici, e porsi nei confronti dell’impresa ferroviaria in modo molto più forte di quanto è stato fatto in passato". 

Il contratto tra Regione Liguria - proprietaria, tra le altre, della Acqui-Genova, e Trenitalia, prevede un rinnovo di quindici anni. Oltre ai numerosi disservizi rilevati e documentati negli ultimi tempi, i pendolari criticano anche la durata del documento. "E’ la Regione in rappresentanza dei suoi cittadini che è il committente, ed è l’impresa ferroviaria che deve sottostare alle regole stabilite dal committente, non il contrario - prosegue Delorenzi -. E se il territorio ha bisogno del servizio, è vero che Trenitalia ha bisogno del contratto, e cosa oramai accertata, è dal servizio regionale che vengono la maggior parte dei profitti per Trenitalia". I Comitati che hanno sottoscritto questo impegno stanno invocando anche i sindacati, che potrebbero giocare un ruolo fondamentale (in una partita che appare comunque in salita) ed i singoli utenti che ogni mattina usufruiscono dei convogli ferroviari ("Non i treni giocattolo in Piazza De Ferrari che possono incantare gli utenti" precisa Delorenzi), pur senza avere un ruolo preciso in qualche associazione o movimento dei pendolari.

 
12/01/2018







blog comments powered by Disqus


Reati in calo, si punta ad una prevenzione "mirata"

Provincia | Reati in calo in provincia di Alessandria. Sono i dati illustrati dal Questore di Alessandria Michele Morelli relativi all'attività di tutte le forze dell'ordine presenti sul territorio. Diminuiscono i furti, tranne quelli d'auto, e le rapine ma aumentano quelle ai danni dei commercianti

Influenza in calo, oltre 52 mila vaccinazioni in provincia

Provincia | Gli ultimi dati sull'influenza in Piemonte segnano un calo dei casi: Il numero di casi è in diminuzione nella fascia pediatrica da 0 a 14 anni e anche negli ultrasessantacinquenni. Le vaccinazioni in totale sono state 623 mila e nella Asl Alessandria se ne contano oltre 52 mila

La voce della base associativa: tornano le assemblee di zona Confagricoltura

Economia e Lavoro | “Le Assemblee di Zona presentano ampio spazio dedicato all’ascolto e alla partecipazione degli associati", commenta il presidente di Confragricoltura, Luca Brondelli

L'appello del parroco per sistemare la chiesa: "Fate offerte, sono deducibili"

Villalvernia | Il preventivo per la sistemazione del tetto della chiesa è di 390 mila euro. E così la parrocchia di Santa Maria Assunta, a Villalvernia, ha pensato di scrivere a tutti i fedeli, ricordando un particolare "burocratico" ma importante: le offerte sono deducibili dal reddito

Imprese digitalizzate, dalla Camera di Commercio parte la quarta rivoluzione industriale

Alessandria | Il piano nazionale sulla digitalizzazione investe le Camere di Commercio del ruolo di intermediari attivi verso aziende e professionisti, ancora poco 'moderni'. Sono previsti incentivi per diventare una realtà 4.0