In cammino

Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro

Quindicesima puntata della rubrica “In cammino”, una selezione di percorsi del nostro territorio che il Cai ha censito, mappato e segnalato sul campo. La rassegna prevede sentieri per ogni tipo di preparazione, dalle passeggiate alle escursioni più lunghe e difficili, fino alle mete per i più esperti

IN CAMMINO - Oggi segnaliamo un percorso di media lunghezza, creato dalla passione dell’Associazione degli Alpini di Montechiaro d’Acqui, identificato come Sentiero 577 “Sentiero degli Alpini” della zona Acqui Terme e le sue valli.

Montechiaro d’Acqui è un piccolo borgo, in gran parte percorribile a piedi, con stradine lastricate in pietra, antichi archivolti e lapidi tardo medioevali, inserito in un paesaggio unico, tra boschi, calanchi fioriti di ginestre e timo selvatico, con un panorama sull’Appennino Ligure, le Langhe e la Pianura Padana.

Monumenti e luoghi d'interesse sono i ruderi del castello distrutto dagli spagnoli nel XVII secolo, le architetture religiose della Parrocchiale di San Giorgio e del Santuario della Carpeneta e la raccolta di oggetti del mondo contadino nell’ex-chiesa di Santa Caterina. Tra i prodotti tipici segnaliamo: robiole di capra, vini di collina, tartufi e funghi, cacciagione e carne di qualità, nocciole e miele.

Descrizione del percorso. Da Acqui Terme si risale l’ex strada statale 30 della val Bormida fino a giungere a Montechiaro d’Acqui Piana; superato il semaforo al centro del paese, si svolta a sinistra per la chiesa di Sant’Anna (204 m) dove si trova la sede degli Alpini, punto di partenza del percorso. Il primo tratto del percorso ricalca la strada comunale tra i campi coltivati della zona Pieve, poi al primo bivio tiene la destra, sovrapponendosi per circa un chilometro al sentiero 573 (Anello di Montechiaro).

Il sentiero procede in continua salita e supera la Cascina Mancina fino a giungere sulla SP 225 all’altezza del km 3. In questo punto i due percorsi si dividono e il sentiero 577 svolta a sinistra, percorre la strada asfaltata per un breve tratto e s’inerpica sul versante boscato. L’irta salita caratterizzata da brevi tornanti sul versante calanchivo è degnamente ricompensata dalla vista panoramica sempre più ampia sui rilievi acquesi e, in particolare nei mesi di maggio e giugno, dalla fioritura delle ginestre (Spartium junceum).

Al termine della salita il sentiero giunge sulla SP 225 in corrispondenza di Montechiaro d’Acqui Alto (501 m), svolta a sinistra e risale la strada provinciale, supera la sede della Pro loco e, per un altro breve tratto, coincide nuovamente con il sentiero 573. Dalla sede della Pro loco il percorso prosegue su asfalto per circa 150 metri e poi svolta a destra sul sentiero che scende verso il fondovalle del rio Plissone.

Dapprima il percorso attraversa i calanchi, poi supera una zona boscata, svolta a destra, aggirando un’area prativa, giunge sul fondovalle, guada il rio e inizia a risalire leggermente di quota giungendo a un capanno, punto di sosta dal quale inizia la discesa a tratti ripida verso il rio Plissone. Giunto sul fondovalle, il sentiero risale il rio e in alcuni punti appositamente indicati è possibile visitare gli orridi, profonde incisioni sotto forma di stretti canaloni dalle pareti aspre e irte, originatisi dalla lenta ma continua azione erosiva della sabbia e dei ciottoli presenti nell’acqua del torrente, che ne incidono il letto in rocce resistenti.

Proseguendo in piano il sentiero attraversa quello che un tempo era una zona coltivata a orti (L’orto d’Franceschein) dagli abitanti del posto, oggi riconquistata dalla vegetazione boschiva. Il sentiero ricalca un tratto di carrozzabile inghiaiata, dove si trova la ricostruzione di un pozzo antico, per poi svoltare a sinistra sul sentiero che risale per circa 150 m il rio Ciapin, piccolo tributario del rio Plissone, fino al punto in cui si trova la deviazione per l’Orrido dei Laghi, particolarmente scenografico. Dal punto di deviazione, il sentiero inizia l’irta risalita del versante boscato, superando un affioramento roccioso soprannominato il Cappello dell’Alpino (270 m) e poi, grazie anche a una scaletta d’appoggio, giunge sul comodo sterrato di crinale che si ricongiunge all’asfalto della strada comunale per frazione Chiarini.

Il percorso svolta a destra e risale in direzione di Montechiaro Alto, sbucando sulla SP 225 nei pressi dell’abitato, dove si chiude il percorso ad anello; dal paese di Montechiaro Alto si ripercorre in discesa il tratto iniziale per ritornare alla chiesa di Sant’Anna, da dove era partito l’itinerario.

Difficoltà: escursionistico
Lunghezza: 12,19 km
Tempo: 3 ore

Per ulteriori informazioni, cartografia e tracce gps: http://www.provincia.alessandria.gov.it/sentieri/index.php?whattodo=sentieri&file=singola&id=144
 

Yaru Tekno Gtx di Montura
per uomo e donna, è uno scarponcino tecnico leggero particolarmente adatto su terreni sconnessi. Grazie alla protezione per sassi e urti accidentali del puntale in PU potrai lasciarti trasportare dal tuo spirito avventuriero, senza compromettere la sicurezza del tuo piede, inoltre un'eccezionale suola MegaGrip Vibram ti permetterà di azzardare sui terreni particolarmente scivolosi. La membrana Gtx impermeabile lo rendono perfetto in casi di pioggia improvvisa. Scopri tutto ciò che ti serve per i tuoi trekking preso il nostro punto vendita Sportrage

 
14/09/2017







blog comments powered by Disqus


I No Tav: "Giù le mani dalla Benedicta"

Bosio | Mentre il commissario di governo per il Terzo Valico Iolanda Romano organizza la ciclocamminata nelle terre interessate all'opera, i No Tav rispondono con la manifestazione "Giù le mani dalla Benedicta" il 1° ottobre

Prigionieri di chi e di cosa

Opinioni | Come si può ragionevolmente sostenere che in Alessandria o in altre città italiane si viva “prigionieri a casa nostra”? Come si può essere così accecati dalle proprie paure e dai propri pregiudizi per arrivare a inventare una realtà che non esiste, non è mai esistita e nemmeno mi sembra in procinto di esistere?

Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone

In cammino | Diciasettesima puntata della rubrica “In cammino”, una selezione di percorsi del nostro territorio che il Cai ha censito, mappato e segnalato sul campo. La rassegna prevede sentieri per ogni tipo di preparazione, dalle passeggiate alle escursioni più lunghe e difficili, fino alle mete per i più esperti

Dal latte al pane: 6 nuovi progetti di offerta formativa agroalimentare

Provincia | Agriturist Alessandria dà il "Buon Anno Scolastico" agli istituti di ogni ordine e grado della provincia presentando il suo opuscolo di offerta formativa agroalimentare “Scatta il verde, vieni in campagna”. 28 le aziende che partecipano a "Fattorie Didattiche" e 6 nuovi progetti

Le eccellenze della lirica per la serata perosiana

Tortona | Sabato 23 settembre il Gran Galà Perosiano con l’Orchestra sinfonica del Teatro Regio di Torino, solisti di eccezione e il Coro di voci bianche del Teatro Regio di Torino e del Conservatorio Verdi diretti dal maestro Donato Renzetti