Scuola e Università

Dalla Regione 10 borse di studio per gli specializzandi in medicina

Saitta: “Abbiamo mantenuto l’impegno che avevamo preso nei mesi scorsi. Abbiamo cercato di concentrarci sulle situazioni che presentano le maggiori carenze, ma è evidente come il fabbisogno del Piemonte sia decisamente più elevato. Occorre che il Miur incrementi il proprio stanziamento”

SCUOLA E UNIVERSITA' - Dieci borse di studio supplementari per gli specializzandi in medicina delle università piemontesi. Lo prevede la delibera presentata dall’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta e approvata nei giorni scorsi dalla Giunta regionale. In questo modo la Regione Piemonte mette a disposizione uno stanziamento di 1 milione e 254mila euro, che va a integrare le risorse del Ministero dell’Istruzione, per finanziare l’attivazione dei posti aggiuntivi e coprire integralmente i costi per tutta la durata del ciclo formativo.

“Abbiamo mantenuto l’impegno che avevamo preso nei mesi scorsi: per la prima volta la Regione stanzia risorse per finanziare borse di studio per gli specializzandi in medicina - sottolinea l’assessore Saitta –. Abbiamo cercato di concentrarci sulle situazioni che presentano le maggiori carenze, ma è evidente come il fabbisogno del Piemonte sia decisamente più elevato. Occorre che il Miur incrementi il proprio stanziamento”.

“Senza un adeguamento dell’offerta formativa ai reali bisogni – continua l’assessore Saitta – si rischia nei prossimi anni di creare un’emergenza all’interno del sistema sanitario. Alla nostra sanità servono più medici: per questo motivo, anche in qualità di coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, continuerò a sollevare il tema e a chiedere al Miur un aumento delle risorse impiegate”.

Le 10 borse di studio supplementari saranno così destinate alle scuole di specializzazione:
- Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva e del dolore – 1 posto aggiuntivo all’Università degli Studi di Torino;
- Malattie dell’Apparato digerente – 1 posto aggiuntivo all’Università degli Studi di Torino;
- Medicina d’emergenza-urgenza – 3 posti aggiuntivi, 2 all’Università degli Studi di Torino e 1 all’Università degli Studi del Piemonte Orientale;
- Medicina Interna – 2 posti aggiuntivi, 1 all’Università degli Studi di Torino e 1 all’Università degli Studi del Piemonte Orientale;
- Pediatria – 3 posti aggiuntivi, 2 all’Università degli Studi di Torino e 1 all’Università degli Studi del Piemonte Orientale.

 
31/12/2017







blog comments powered by Disqus


Città e cattedrali a porte aperte: le iniziative in provincia

Provincia | Nel weekend del 22 e del 23 settembre l'apertura straordinaria di edifici ecclesiastici in Piemonte con “Cultura a porte aperte”

Negozi chiusi la domenica, Cisl: “decidano i territori”

Economia | Nel dibattito politico sulle chiusure domenicali e festive dei negozi, si inserisce anche la voce di Cisl Alessandria-Asti. Per il segretario Marco Ciani “La strada migliore per noi è quella di riaffidare questa competenza alla contrattazione territoriale tra Comuni, aziende e sindacati”

I Comuni non danno un euro per il turismo provinciale, così Asti 'scappa' con Alba

Alessandria | Per capire la scelta astigiana bastano alcuni numeri: per Alexala i grandi Comuni danno poco più di mille euro, la Provincia non è socia, né ci sono partner privati che investono. Allora di cosa ci lamentiamo? La scelta politica sarà comunque di fare una cosa a tre (Langhe, Asti, Alessandria)

Assegno al Nucleo Familiare e contratto di collaborazione

Lavoro | Dal 1998 l’Assegno al Nucleo Familiare spetta anche agli iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata, ma per ottenere il pagamento si deve seguire una prassi diversa rispetto a quella dei lavoratori dipendenti

Zanzare, per il vice presidente della Provincia "si va verso l'emergenza sanitaria"

Provincia | Per il vicepresidente della Provincia, Federico Riboldi, “La Regione invece di nascondere il problema intervenga immediatamente”. Ci sarebbero “focolai epidemici presenti nelle province di Alessandria e Vercelli destano molta preoccupazione”