Politica

Comitato Welcoming Europe: per nuove politiche sull'accoglienza dei rifugiati e dei migranti

Decriminalizzare la solidarietà, creare passaggi sicuri, proteggere le vittime di abusi: ecco le richieste di Welcoming Europe. I luoghi dove firmare in provincia

POLITICA - Si è costituito nei giorni scorsi il Comitato Welcoming Europe, promosso dall'Associazione radicale Adelaide Aglietta e formato dalle associazioni che hanno aderito alla manifestazione del 14 settembre Per un'Europa senza muri. Si è unita anche l'Asap (l' Associazione dei Senegalesi di Alessandria e provincia). Dopo la campagna dell'anno scorso, Ero straniero - L’umanità che fa bene per nuove politiche su asilo e immigrazione in Italia, Il Comitato aderisce a Welcoming Europe. Per un’Europa che accoglie, un’iniziativa dei Cittadini Europei (Ice) per nuove politiche sull'accoglienza dei rifugiati e dei migranti. A livello nazionale, hanno aderito decine di associazioni, tra cui Radicali, Arci, Acli, Libera Fcei, Asgi, Legambiente, Amref e Caritas. Si tratta di uno strumento di democrazia partecipativa, di una campagna che ha l'obiettivo di raccogliere un milione di firme in almeno 7 paesi membri entro febbraio 2019 per presentare una proposta legislativa alla Commissione europea, chiedendo di intervenire con urgenza su una materia fondamentale e delicata per il futuro dell’umanità.

I sostenitori dell'iniziativa spiegano: "Con Welcoming Europe vogliamo decriminalizzare la solidarietà. In ben 12 paesi dell’Unione Europea distribuire alimenti e bevande, dare un passaggio, comprare un biglietto o ospitare un migrante sono comportamenti per cui è possibile ricevere una multa o addirittura essere arrestati dalle autorità. Vogliamo creare passaggi sicuri: dal 1990 a oggi sono morti più di 34 mila migranti nel tentativo di raggiungere via mare l’Europa. L’apertura di vie d’accesso legali e sicure verso paesi disposti ad accogliere rappresenta spesso la sola opportunità di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. Vogliamo proteggere le vittime di abusi: molti migranti sono vittime di sfruttamento lavorativo, abusi o violazioni dei diritti umani, in particolare alle frontiere, ma trovano grandi difficoltà nell'accesso alla giustizia".
Queste le sedi di raccolta firme, in Alessandria e provincia:

Alessandria

Acli, Via Faà di Bruno 77
Associazione Cultura e Sviluppo, piazza De André 76, durante i giovedì culturali
Aps Cambalache, piazzetta Monserrato 7/8
Bottega Altromercato, via Milano 71
Casa di Quartiere, via Verona 116
Provincia di Alessandria – Urp, piazza Libertà 17

Acqui Terme
Acli, via Nizza 60/B

Casale Monferrato
Acli, via Mameli 65
Coop. Se.na.pe., via Alerami 13

Novi Ligure
Acli, via P. Isola 54/56

Piovera
Coop. Kepos Onlus, via A. Moro 6

Tortona
Acli, via Emilia 244

Valenza
Acli, c/o Comun. Parrocchiale, via Pellizzari 1

Si può anche firmare on line e scoprire di più su www.welcomingeurope.it
3/10/2018







blog comments powered by Disqus


Le fanno credere che la figlia fosse in pericolo di vita per spillare soldi? In due accusati di truffa

Cronaca | Devono rispondere di truffa aggravata due valenzani accusati di aver fatto credere ad una donna che la figlia fosse in pericolo di vita per un malocchio. La truffa sarebbe andata avanti per diversi anni

“Romeo e Giulietta, l'amore è saltimbanco”: la tragedia shakesperiana al Teatro Sociale

Valenza | Giovedì 21 febbraio un classico reso contemporaneo dalla compagnia Stivalaccio Teatro: a farla da padrone è l’arte della recitazione, dell’improvvisazione, della capacità di cogliere gli umori del pubblico per assecondarlo e stupirlo in un percorso esilarante pieno di colpi di scena

L'HSL torna alla vittoria, l'Acqui non esce dalla crisi. Ok la ValeMado

Promozione - girone D | Pareggiano Gaviese (2-2 a Moncalvo) ed Arquatese (1-1 con il Cenisia), Valenzana corsara a Torino 2-0

Quei buoni consigli

Società | Simona era stata aggredita dall'ex compagno che, dopo averla picchiata, ha tentato di darle fuoco. E' accaduto non lontano da qui, a Vercelli. Una vicenda che ha colpito, così come i commenti, postati anche sul nostro giornale on line: “si però è anche colpa delle donne... vanno in giro vestite come prostitute...”

Ticket sui farmaci: dal 1° marzo in Piemonte non si pagherà più

Piemonte | La giunta regionale ha deciso di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini in vigore dal 2002. Chiamparino e Saitta: "Cancelliamo una tassa sulla salute"