Valenza

“Coriolano”, la rielaborazione in chiave contemporanea dell'ultima tragedia di Shakespeare

Sabato 13 gennaio al Teatro Sociale l'opera più politica del drammaturgo inglese che, nella rielaborazione in chiave contemporanea della Compagnia reggiana MaMiMò, rivela la sua straordinaria attualità

VALENZA – Riprende sabato 13 gennaio alle 21, dopo la pausa natalizia, la stagione Apre del Teatro Sociale. Protagonista Coriolano, l’ultima tragedia di Shakespeare, l'opera più politica del drammaturgo inglese che, nella rielaborazione in chiave contemporanea della Compagnia reggiana MaMiMò, rivela la sua straordinaria attualità.

Lo spettacolo del 13 gennaio fa parte del Festival Concentrica, rassegna “fuori mercato” dedicata a nuove proposte drammaturgiche in circuitazione tra Piemonte e Liguria, organizzata da Il Teatro della Caduta con la collaborazione di numerose realtà.  Il lavoro di MaMiMò, giovane compagnia con base a Reggio Emilia, tra le più attive della sua generazione, riesce anche a coinvolgere il pubblico che diventa parte attiva dello spettacolo.

La tragica vicenda personale del generale Caio Marzio, detto Coriolano, è indissolubilmente legata al destino di Roma, una città in espansione in cui le istituzioni democratiche sono ancora fragili e nuove forze popolari si affacciano sulla scena politica. Populismo, mancanza di meritocrazia e soprattutto quell'invadente irrazionalità che produce solo cattivo governo: sono questi i limiti della democrazia? Il popolo è chiamato alla responsabilità del governo, ma ne è veramente interessato? L’uguaglianza e la meritocrazia sono concetti antitetici o complementari? Sembra di confrontarsi con le macerie di una società, anche se il testo parla della sua costruzione. La contrapposizione di questi temi nel testo apre a questioni attuali. Shakespeare come sempre non prende posizione, mette in movimento le passioni umane e ci invita a guardare per scoprire se c'è qualcosa che ci riguarda.

Nel lavoro corale sono protagonisti Marco Maccieri, Luca Cattani, Giusto Cucchiarini, Cecilia Di Donato, Marco Merzi e Valeria Perdonò. Adattamento e regia di Marco Plini. Coriolano fa parte del ciclo Officina Valenza, la sezione della stagione Apre 2017-2018 creata per dare spazio e valorizzare le espressioni artistiche del territorio e le giovani compagnie.

La stagione del Teatro Sociale, organizzata dalla Cmc di Angelo Giacobbe, con la direzione artistica di Roberto Tarasco, è resa possibile grazie al sostegno di Comune di Valenza, Regione Piemonte e Fondazione Live Piemonte dal vivo.

Costo dei biglietti intero 10 euro, ridotti 8 euro. Per contatti e prenotazioni (da martedì a venerdì dalle 16 alle 19, sabato dalle 10 alle 13): Teatro Sociale Valenza, corso Garibaldi 58, e-mail biglietteria@valenzateatro.it, tel. 0131 942276 - 324 0838829 

Foto di Nicolò Degl’Incerti Tocci
10/01/2018







blog comments powered by Disqus


Maturandi ai blocchi di partenza, mercoledì al via le prove per 2.622 studenti

Scuola | Sono 2.622 i maturandi che mercoledì affronteranno la prima delle tre prove scritte dell'esame di maturità. 964 sono gli studenti degli istituti tecnici, seguiti per numero dagli alunni dei licei scientifici

Gaudenzio Ferrari tra Vercelli, Novara e Varallo, una mostra “all’antica” che segue la storia

Cultura | Organizzata in senso cronologico, si tratta dell’esposizione dedicata allo straordinario pittore che oggi diremmo piemontese, architetto, plastificatore, musicista e poeta, che si dipana dalle prime prove fino alle ultime, prodotte a Milano per gli Sforza.

Basta morti sul lavoro, l'industria sciopera per quattro ore

Economia | I sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno confermato le quattro ore di sciopero, dalle 8 alle 12, il prossimo 19 giugno, tutto il comparto dell'industria per chiedere di "fermare la strage" delle morti sul lavoro

#Nondiamoglielavinta: Alessandria diventa la capitale della lotta al cancro

Alessandria |  Il Festival della prevenzione e innovazione in oncologia organizzato dall’Aiom fa tappa in città da sabato 16 a lunedì 18 giugno. In piazza della Libertà sarà allestito il motorhome dove i medici forniranno informazioni su prevenzione, innovazione terapeutica e ricerca

Il finanziere si difende: "non sono corrotto"

Cronaca |  “Ho sbagliato, ma non sono colpevole delle accuse che mi sono rivolte. Se devo pagare, lasciate che sia solo io a farlo, non anche le mie figlie, mia moglie e mia madre”: lo dice il finanziere a processo per corruzione e millantato credito. La difesa spiega la provenienza del denaro: "non è frutto di attività illecita"