Valenza

“Coriolano”, la rielaborazione in chiave contemporanea dell'ultima tragedia di Shakespeare

Sabato 13 gennaio al Teatro Sociale l'opera più politica del drammaturgo inglese che, nella rielaborazione in chiave contemporanea della Compagnia reggiana MaMiMò, rivela la sua straordinaria attualità

VALENZA – Riprende sabato 13 gennaio alle 21, dopo la pausa natalizia, la stagione Apre del Teatro Sociale. Protagonista Coriolano, l’ultima tragedia di Shakespeare, l'opera più politica del drammaturgo inglese che, nella rielaborazione in chiave contemporanea della Compagnia reggiana MaMiMò, rivela la sua straordinaria attualità.

Lo spettacolo del 13 gennaio fa parte del Festival Concentrica, rassegna “fuori mercato” dedicata a nuove proposte drammaturgiche in circuitazione tra Piemonte e Liguria, organizzata da Il Teatro della Caduta con la collaborazione di numerose realtà.  Il lavoro di MaMiMò, giovane compagnia con base a Reggio Emilia, tra le più attive della sua generazione, riesce anche a coinvolgere il pubblico che diventa parte attiva dello spettacolo.

La tragica vicenda personale del generale Caio Marzio, detto Coriolano, è indissolubilmente legata al destino di Roma, una città in espansione in cui le istituzioni democratiche sono ancora fragili e nuove forze popolari si affacciano sulla scena politica. Populismo, mancanza di meritocrazia e soprattutto quell'invadente irrazionalità che produce solo cattivo governo: sono questi i limiti della democrazia? Il popolo è chiamato alla responsabilità del governo, ma ne è veramente interessato? L’uguaglianza e la meritocrazia sono concetti antitetici o complementari? Sembra di confrontarsi con le macerie di una società, anche se il testo parla della sua costruzione. La contrapposizione di questi temi nel testo apre a questioni attuali. Shakespeare come sempre non prende posizione, mette in movimento le passioni umane e ci invita a guardare per scoprire se c'è qualcosa che ci riguarda.

Nel lavoro corale sono protagonisti Marco Maccieri, Luca Cattani, Giusto Cucchiarini, Cecilia Di Donato, Marco Merzi e Valeria Perdonò. Adattamento e regia di Marco Plini. Coriolano fa parte del ciclo Officina Valenza, la sezione della stagione Apre 2017-2018 creata per dare spazio e valorizzare le espressioni artistiche del territorio e le giovani compagnie.

La stagione del Teatro Sociale, organizzata dalla Cmc di Angelo Giacobbe, con la direzione artistica di Roberto Tarasco, è resa possibile grazie al sostegno di Comune di Valenza, Regione Piemonte e Fondazione Live Piemonte dal vivo.

Costo dei biglietti intero 10 euro, ridotti 8 euro. Per contatti e prenotazioni (da martedì a venerdì dalle 16 alle 19, sabato dalle 10 alle 13): Teatro Sociale Valenza, corso Garibaldi 58, e-mail biglietteria@valenzateatro.it, tel. 0131 942276 - 324 0838829 

Foto di Nicolò Degl’Incerti Tocci
10/01/2018







blog comments powered by Disqus


Poste, rebus sulle assunzioni e stabilizzazioni

Provincia | In provincia di Alessandria mancano almeno trenta porta lettere, ma l'azienda, dicono i sindacati, non ha intenzione di procedere con nuove assunzioni o di stabilizzare i precari. Cgil, Cisl e Uil chiedono come Poste Italiane intenda garantire gli standard qualitativi del servizio

Due k.o casalinghi: domenica nera per Acqui e Valenzana

Promozione - girone D | I termali cedono in casa alla CBS ed incassano la terza sconfitta consecutiva. Per i rossoblu pesante k.o. con il San Mauro

Calano le temperature, in attesa delle piogge autunnali

Meteo | Vento moderato ma fastidioso, nubi basse e clima frizzante. La settimana si presenta meno afosa, con temperature in ribasso. Ma nel fine settimana potrebbe verificarsi un rialzo termico, fino ad arrivare alle piogge di ottobre

Da tutto il nord-ovest 150 ragazzi disabili per arrivare "Insieme al traguardo"

Valenza | Domenica 23 torna l’ormai consueto appuntamento con la manifestazione “Insieme al traguardo”, giunta ormai alla quindicesima edizione. Una giornata che sarà resa speciale dalla presenza di quasi 150 ragazzi diversamente abili e da oltre duecento volontari

Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film