Provincia

Da Alessandria è partita la social protesta contro i sacchetti a pagamento

La polemica sui sacchetti compostabili a pagamento non ha risparmiato la nostra provincia: a poche ore dall'introduzione della novità era stata già aperta una pagina social contro. Boicottare o meglio i sacchetti di carta?

PROVINCIA -  “Andate in via Testore, in quel supermercato regalano i sacchetti di carta”, scrive una signora particolarmente infervorata. “Anche al discount di Ovada”, le fa eco un'altra. Sono i botta e risposta – perlopiù di rabbia ed indignazione – della pagina pubblica creata ad Alessandria “Guerilla Bags, Noi che non vogliamo le buste per alimenti”, che conta già 462 membri, a pochi giorni dalla sua apertura, ovvero da quando si pagano i biosacchetti di frutta e verdura. “Me l'hanno fatto pagare anche in farmacia”, si lamenta un'altra alessandrina che pubblica lo scontrino 'incriminato'.

Già, perché attorno al polverone sul pagamento di 1-2 centesimi per ogni busta superleggera, anche in provincia di Alessandria si è scatenata la bagarre incrociata con disinformazione e qualche legenda social-metropolitana.

L’obiettivo di dare un valore al sacchetto, prima solo apparentemente gratuito, per indurre il consumatore ad un suo uso più consapevole non è piaciuto a centinaia di alessandrini che appena è entrata in vigore la nuova norma hanno riversato la loro indignazione sui social, facendo rimbalzare su pagine e gruppi le ormai famose arance prezzate una ad una, senza sacchetto.

Nelle stesse ore in cui il Governo si affrettava a precisare che il saccheto bio si può portare da casa ma solo se è vergine – toccherà poi ai cassieri controllare se conforme – sempre su Guerrilla Bags si dà conto di quanto costano in base ai negozi: da 1 cent fino ai 4 di una catena solo di ortofrutta.

“Al mercato di Novi sono normali, dal fruttivendolo pure”, commenta Mary. Per tutti la soluzione è la carta, o come fanno in Svizzera: la retina riutilizzabile che ti porti e riporti da casa.

La polemica nazional poolare ha preso inevitabilmente una piega politica: “La legge è dell'agosto 2017”, piega il senatore Daniele Borioli, “Colpisce come non si comprenda che ogni passo avanti sul fronte ambientale e del riciclo produca benefici non solo per 'ecosistema e le persone, ma alla fine per la stessa saccoccia dei cittadini. Ciò ha un costo. Come le cinture di sicurezza, gli airbags, i caschi, ecc...”
5/01/2018







blog comments powered by Disqus


Alessandria e Valenzana unite nel ricordo di mister Piantoni

Calcio | Mercoledì 20 è morto all'ospedale di Bergamo Oscar Piantoni. Il tecnico bergamasco allenò l'Alessandria nella stagione 2001/2002 e qualche anno dopo la Valenzana di patron Omodeo

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Fallimento La Cuntrò S.R.L. (Tribunale di Alessandria – RG 34/2018)

Informazione dalle aziende | Il Curatore raccoglie, entro il 2 luglio 2018, offerte irrevocabili d’acquisto dei contratti d’affitto d’azienda relativi a due attività di ristorazione/pizzeria site in Acqui Terme (AL) e Bistagno (AL)

Violenza donne, parrucchieri ed estetisti saranno 'sentinelle' delle donne maltrattate

Torino | L'iniziativa, promossa dalla Regione Piemonte, mira ad avviare una sperimentazione da estendere poi su tutto il territorio nazionale

Attenzione ai falsi tecnici: come tutelarsi dalle truffe

Valenza | E' l'azienda multiservizi valenzana, AMV SpA, a mettere in guardia i cittadini da truffe ai loro danni perpetrati da “finti” tecnici del servizio Acquedotto. L’invito è quello di diffidare da chiunque si presenti come presunto incaricato dall’azienda, visto che tutti gli operatori di AMV devono concordare sempre telefonicamente eventuali interventi tecnici, sono muniti di cartellino e e comunque non possono riscuotere direttamente pagamenti