Economia

È attiva l’APe Sociale scuola 2018

Il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ha reso disponibile “l’APe Sociale Scuola 2018” per la cessazione dal servizio dal 1 settembre 2018 per il personale docente, personale ATA e dirigente scolastico. Ecco chi sono i lavoratori del comparto scuola che hanno diritto a richiedere l’APe Sociale

 ECONOMIA - Con nota n. 7673 dell’8 febbraio 2018 il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ha reso disponibile “l’APe Sociale Scuola 2018” per la cessazione dal servizio dal 1 settembre 2018 per il personale docente, personale ATA e dirigente scolastico. Attualmente i lavoratori del comparto scuola che hanno diritto a richiedere l’APe Sociale sono:
  • lavoratori che assistono, al momento della richiesta e da almeno 6 mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap grave, ai sensi della Legge 104 (la legge di Bilancio 2018 ha esteso questa possibilità anche a chi assiste un familiare di secondo grado convivente con handicap grave) per questa categoria di lavoratori l’APe Sociale richiede un minimo di 30 anni di contributi;
  • lavoratori che possiedono un’invalidità uguale o superiore al 74%, anche per questa categoria di lavoratori è richiesto un minimo di 30 anni di contributi;
  • professori di scuola pre-primaria (scuola dell’infanzia, asili nido) che abbiano esercitato l’attività gravosa per almeno 6 anni nell’ultimo settennio, per questa categoria di lavoratori è richiesto un minimo di 36 anni di contributi.
L’Inps ha precisato che nel requisito contributivo utile all’APe Sociale, pari a 30 o 36 anni, possono essere inclusi i contributi per il lavoro all’estero in Paesi europei o convenzionati con l’Italia purchè il lavoratore ne chieda la totalizzazione. Per gli interessati è prevista la permanenza in servizio sino al 31 agosto 2018, dovranno restare in servizio anche coloro che hanno maturato i requisiti per l’Ape sociale dal maggio 2017. Probabilmente la permanenza in servizio fino al 31 agosto 2019 sarà per coloro che maturano i requisiti per l’APe Sociale nel 2018.

Come presentare la domanda APe Sociale scuola 2018? Chi ha già presentato domanda all’Inps di certificazione dei requisiti per l’APe Sociale e ha ricevuto risposta positiva per avere diritto all’anticipo pensionistico deve inviare domanda cartacea di cessazione dal servizio all’istituzione scolastica di riferimento, se docente o personale ATA, all’USR di riferimento se dirigente scolastico.

Si precisa che l’APe Sociale è un assegno mensile, a carico dello Stato, che può essere richiesto a partire dai 63 anni di età e che sostiene il lavoratore fino al perfezionamento del requisito di età per la pensione di vecchiaia (dal 2018 pari a 66 anni e 7 mesi, dal 2019 pari a 67 anni). L’assegno è uguale alla futura pensione, ma non può superare 1.500,00 euro mensili e può essere percepito per una durata massima di 3 anni e 7 mesi. Possono accedere all’APe Sociale i lavoratori che, al momento della domanda abbiano già compiuto 63 anni e che siano, o siano stati, iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive della stessa, o alla gestione separata Inps, purchè cessino l’attività lavorativa e non siano già titolari di pensione diretta. I beneficiari dell’APe Sociale devono possedere almeno 30 anni di contributi, se invalidi dal 74% in su, caregiver o disoccupati, 36 anni se appartenenti alla categoria degli addetti ai lavori gravosi. Le donne possono avere per ogni figlio uno sconto di un anno sino a un massimo di 2.

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di ALESSANDRIA
Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria
Tel. 0131/25.10.91

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO

Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di TORTONA
Via Emilia 244 -15057 Tortona
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di NOVI LIGURE
Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di VALENZA
c/o Comunità Parrocchiale
Via Pellizari 1 -15048 Valenza
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di ACQUI TERME
Via Nizza 60/B - 15011 Acqui Terme
Tel. 349.97.54.687
10/03/2018







blog comments powered by Disqus


Da tutto il nord-ovest 150 ragazzi disabili per arrivare "Insieme al traguardo"

Valenza | Domenica 23 torna l’ormai consueto appuntamento con la manifestazione “Insieme al traguardo”, giunta ormai alla quindicesima edizione. Una giornata che sarà resa speciale dalla presenza di quasi 150 ragazzi diversamente abili e da oltre duecento volontari

Città e cattedrali a porte aperte: le iniziative in provincia

Provincia | Nel weekend del 22 e del 23 settembre l'apertura straordinaria di edifici ecclesiastici in Piemonte con “Cultura a porte aperte”

Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film

Negozi chiusi la domenica, Cisl: “decidano i territori”

Economia | Nel dibattito politico sulle chiusure domenicali e festive dei negozi, si inserisce anche la voce di Cisl Alessandria-Asti. Per il segretario Marco Ciani “La strada migliore per noi è quella di riaffidare questa competenza alla contrattazione territoriale tra Comuni, aziende e sindacati”

I Comuni non danno un euro per il turismo provinciale, così Asti 'scappa' con Alba

Alessandria | Per capire la scelta astigiana bastano alcuni numeri: per Alexala i grandi Comuni danno poco più di mille euro, la Provincia non è socia, né ci sono partner privati che investono. Allora di cosa ci lamentiamo? La scelta politica sarà comunque di fare una cosa a tre (Langhe, Asti, Alessandria)