Valenza

“Morire dal ridere” al Teatro Sociale

Cinque eventi da marzo a maggio con protagonisti della scena artistica nazionale, il nuovo circo e con formule di comicità emergente. Primo appuntamenti giovedì 29 marzo con “I migliori quadri della nostra vita”: in scena il critico d'arte Carlo Vanoni e il comico Leonardo Manera

VALENZA - Nuova stagione del Teatro Sociale sotto il titolo di Morire dal ridere. Dopo l'esperienza dello scorso anno il Sociale rilancia e potenzia con cinque eventi, da marzo a maggio alternando protagonisti della scena artistica nazionale, applauditissimi da molti anni nei format televisivi di prima serata ed proponendo l'incontro con il nuovo circo e con formule di comicità emergente. Una carrellata di spettacoli con differenti stili di umorismo che scrutano le nostre debolezze, indagano sul rapporto di coppia, rappresentano il nostro quotidiano rilevandone contraddizioni e non sense.

La rassegna avrà il suo incipit giovedì 29 marzo alle 21, con una commistione tra la storia dell'arte e l'umorismo. Saranno in scena ne I migliori quadri della nostra vita un critico d'arte e grande divulgatore come Carlo Vanoni e un comico tra i più prolifici ed acuti del nostro panorama teatrale e televisivo come Leonardo Manera.

La musica e la comicità sono invece componenti fondanti della nuova avventura teatrale di Sergio Sgrilli, volto e voce della tv che da sempre unisce la sua dialettica all'inseparabile chitarra. Il tema che sarà affrontato giovedì 5 aprile con Visioni di un insonne malato d'amore, uno spettacolo umoristico ma anche molto poetico, è quello "eterno" dell'amore.

La magia del nuovo circo, come linguaggio comico appassionante ed attualissimo giovedì 12 aprile: saranno protagonisti due acrobati molto apprezzati e conosciuti, Milo e Olivia, con radici piemontesi ma un animo cosmopolita: il loro Capucine, che li vedrà mettere a dura prova le capacità acrobatiche, si ambienta infatti a Parigi tra umorismo, eleganza, e perfomance circensi.

Francesco Giorda è già stato ospite in passato a Valenza, e torna giovedì 10 maggio con il suo Stand up di stampo anglosassone nel quale si doverte ad affrontare aspetti della nostra attualità in una società solo apparentemente matura.

Paolo Migone, il comico scarmigliato e con l'occhio nero, mette invece il dito nella piaga delle nostre relazioni uomo-donna così fortemente irrisolte portando in scena, sabato 26 maggio, Completamente Spettinato, uno spettacolo dalla comicità pungente che racconta l’innamoramento e l’amore riportandoli sul piano della realtà quotidiana, fatta di incomprensioni, gelosie, rancori e anche cattiverie. Sul palco si affollano così vari personaggi, alcuni dei quali strettamente legati a vicende autobiografiche dell’artista.

Tutti gli spettacoli iniziano alle 21.
Ingressi: intero 15 euro, ridotto 10 euro (Soci Coop; abbonati stagione Apre)
Abbonamento ai 5 spettacoli: 35 euro
Apertura botteghino: da mercoledì a venerdì dalle 16 alle 19; sabato dalle 10 alle 12
0131.942276.
21/03/2018







blog comments powered by Disqus


Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica

Attenzione alla nebbia

Meteo | Settimana di stampo autunnale, con tempo nuvoloso e nebbia a banchi

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica

Condannati per bancarotta gli ex vertici della Ge.ri.co

Cronaca | Al termine di una lunga vicenda giudiziaria, hanno patteggiato la pena per bancarotta i vertici della Ge.ri.co, consorzio che gestiva una serie di case di riposo, fallito nel 2014. La pena più alta di un anno e8 mesi all'ex presidente

Ritratto di cena con artista, una mostra che racconta l'arte di rappresentare il cibo

Opinioni | A Valenza una mostra per raccontare l’arte di rappresentare il cibo. Tra le opere esposte una selezione di dipinti della collezione d’arte del Centro comunale di cultura cui si aggiungono lavori di artisti e designer contemporanei